Pagine

sabato 14 luglio 2007

Umberto Saba

Parole
Parole
dove il cuore dell'uomo si specchiava
- nudo e sorpreso - alle origini; un angolo
cerco nel mondo, l'oasi propizia
a detergere voi con il mio pianto
della menzogna che vi acceca. Insieme
delle memorie spaventose il cumulo
si scioglierebbe, come neve al sole.


Umberto Saba
Trieste 1883
Gorizia 1957


Technorati Tags: , , , ,

6 commenti:

  1. Cormorano2914/7/07 17:40

    È una vera e propria dichiarazione di poetica; non è un caso che apra la raccolta di versi che ha lo stesso titolo: Parole. Saba ormai cinquantenne sente il bisogno di un rinnovamento, di una maggiore essenzialità o concentrazione sia espressiva sia semantica. Da qui la volontà di riscattare la parola restituendole la primigenia innocenza, senza comunque rinunciare alla spinta etica e all’analisi psicologica che caratterizzano la sua produzione poetica. Lo scopo che si propone è quello di liberare la parola, ormai ridotta a chiacchiera (lo pensava anche Biamonti), dalla consuetudine che ne ha ottuso la capacità di significazione; e se non è possibile recuperare quell’aura di stupore che il linguaggio aveva ai primordi del mondo quando serviva a prendere contatto con la realtà e a definirla, la parola – questo è il suo desiderio - possa quanto meno purificarsi, attraverso il dolore, di tutti i mostri che l’esercizio del potere, sorretto da ideologie aberranti, ha partorito e di tutte le menzogne e le convenzioni che soffocano la verità e l’autenticità del vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooo mi chiamo Giulia e sono una studentessa d'italiano a ginevra ! Ho scelto questa poesia perché mi piaceva molto ma adesso la devo analizare e non so come fare uscire quello che è importante ! mi potrebbe proporre un'analisi di questa poesia ?
      Grazie dell'aiuto :D

      Elimina
    2. ciaooo mi chiamo Giulia e sono una studentessa d'italiano a ginevra ! Ho scelto questa poesia perché mi piaceva molto ma adesso la devo analizare e non so come fare uscire quello che è importante ! mi potrebbe proporre un'analisi di questa poesia ?
      Grazie dell'aiuto :D

      Elimina
  2. Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare... navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire...
    Unità NEXUS6 Roy Batty N6MAA10816 Ment.LEV

    "Do androids dream of electric sheep?" ("Gli androidi sognano pecore elettriche?") di P.K.Dick.

    RispondiElimina
  3. "Ho visto cose che voi umani non potreste immaginare"

    E tu cosa sei, un ufo?

    Scusa Alberto se sono andato fuori tema.

    RispondiElimina
  4. Ho visto le migliori menti della mia generazione affamate, isteriche, nude...

    (Allen Ginzberg, "Urlo")

    Questi americani!

    RispondiElimina