Pagine

lunedì 28 luglio 2008

Alberto da Giussano c'est moi

alberto da giussano
Il monumento ad Alberto da Giussano a Legnano

Il Barbarossa oggi non è una persona ma è uno Stato: l'Italia centralista. E il nuovo Alberto da Giussano sono io.

Ieri Umberto Bossi, ci sarebbe bisogno di dirlo?, mentre parlava dell’inizio delle riprese di «Barbarossa».

Quando pubblicai le foto del monumento di Garibaldi a Milano scherzavo, ma mi sa che di questo passo non c'è più tanto da scherzare.

8 commenti:

  1. Torquemada28/7/08 14:03

    Lo voglio vedere Bossi a battersi con la spada,

    RispondiElimina
  2. Ma se guardi bene bene, è proprio lui. Alberto e Umberto: li accomuna il berto finale e la silhouette è quasi identica. Solo che a quello la spada e a quest'altro il dito. E non è poco.

    RispondiElimina
  3. La posa della statua è un filino da checca però...

    RispondiElimina
  4. che poi voglio dire, poco ci manca che il movimento del suo corpo somigli a quello parecchio statico di una statua, ci mancano solo i colombi che scagazzano sopra, ma si può sempre provvedere.

    RispondiElimina
  5. E' proprio modesto il verde umano.
    La statua di Garibaldi rischia veramente grosso di questo periodo.

    RispondiElimina
  6. Il mio concittadino Umberto Eco faceva notare, qualche settimana fa, questa strofa del Giuramento di Pontida, il cui testo è pubblicato sul sito dei Giovani Padani e che poco sembra andar d'accordo col Sindaco di Roma, del quale pure la Lega è alleata:

    Su! Nell'irto increscioso Alemanno,
    su, lombardi, puntate la spada:
    fare vostra la vostra contrada
    questa bella che il cel vi sortì.

    RispondiElimina
  7. Da Repubblica
    "Un progetto che ha subito suscitato l'entusiasmo del Senatùr, che ama in modo particolare le scene delle battaglie a cavallo. E non sembra affatto turbato, dicono nel suo entourage, dal fatto che i milanesi che combattono aspramente contro il barbaro straniero invasore che li assedia, lanciando palle infuocate oltre le mura con le catapulte di legno, siano nel film quegli stessi zingari romeni che la Lega vede come fumo negli occhi quando sbarcano in Italia. Dettagli. L'importante è che le comparse rom costino poco, 400 euro a settimana."

    RispondiElimina
  8. Intanto, io rileggerei una grande lezione di Caproni... era già così allora
    http://raffrag.wordpress.com/2008/07/30/show/

    RispondiElimina