Pagine

venerdì 16 luglio 2010

Suor perduta

Suor perdutaSuorPerduta Delle Redentrici Umiliate mi ha chiesto l'amicizia su Facebook. Non so naturalmente chi sia il buontempone o la buontempona (maschio o femmina?) che si nasconde dietro questo avatar un tantino trasgressivo. Ma poi mi è venuto un dubbio.

E se dietro ci fosse una suora vera che si maschera da suora finta e ticchetta sulla tastiera da un fresco convento di clausura tra alte montagne e che si vuole rendere conto, per intima curiosità non peccaminosa, del sex appeal che hanno loro, donne apparentemente non acchiappabili?

Vedete un po' dove mi portano le mie peripezie mentali che viaggiano a vele spiegate alimentate dai trentaquattro gradi all'ombra.

Technorati Tags: , ,

27 commenti:

  1. Ma sai che mi hai fatto venire il dubbio? Meno male che non c'ho facebook :)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Perché no?
    Un uomo o una donna non dovrebbero essere valutati in base all'etichetta appiccicata ma in base alle azioni che compie.
    Un giudice, un poliziotto, un musulmano, un comunista, una suora, un prete, un medico, un'insegnante, un Hare Krishna... sono solo etichette...
    Buona giornata Alberto!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ahahah! Mi hai fatto venire in mente questa mia vecchia illusione ottica... :D

    RispondiElimina
  6. Sono sempre più del parere che non siano le autoreggenti o il tacco dodici a fare la monaca. Una torrida mattinata a tutti voi.
    @Alberto: a proposito di suore, in questi giorni mi ha scritto una suora di clausura. Ti dico solo il cognome: Peitavino.

    RispondiElimina
  7. qua urge un condizionatore :-D

    RispondiElimina
  8. @Silla
    Stasera mi dirai chi è. Sono in partenza, e ticchetto dal terrazzo Sky della Centrale.

    RispondiElimina
  9. @Ross
    Non male, non male. Andate anche voi a vedere, che abbiamo bisogno tutti di ridere.

    RispondiElimina
  10. SECONDO ME E' UN CAVALLO DI TROIA ,,,,,,,,, OKKIO ,,, CIAOOOOO

    RispondiElimina
  11. per me è una suora vera. ma l'amicizia l'hai accettata?

    RispondiElimina
  12. @Cipiri
    Grazie, ma a me queste raccomandazioni non servono, sono un vecchio volpone.

    @Polly
    Sì, l'ho accettata. Tanto poi posso sempre disamicarmi (il mio correttore mi dà errore per questo verbo).

    RispondiElimina
  13. Ma la foto non è quella di Laura Antonelli nel mitico episodio di "Sesso matto"? :)

    RispondiElimina
  14. Suor Perduta delle Redentrici Umiliate16/7/10 19:38

    Fratelli e sorelle,

    Suor Perduta delle Redentrici Umiliate, nasce dalla mente di Pedro Almodovar.
    E' una suora che, per dovere sindacale, sostiene il peccato a vantaggio dell'attività della categoria.
    Mi piace pensare che, oltre che sulla fame d'indagine che non mi lascia vivere in pace, il mio intervento si fondi un po’ anche su questi presupposti.
    Sorprendentemente gli interrogativi che si aggirano intorno alla mia persona, sono di natura pressoché univoca. Vale a dire che tutti, o quasi, danno per assunto che io sia un avatar e focalizzano la loro curiosità su un fatto di natura (a mio avviso) irrilevante: il mio sesso.
    Tale perniciosa curiosità, mi ha lasciato, in verità, assai perplessa, anche per le ragioni da cui è informata. Identificare il mio sesso significa potersi permettere o negare delle fantasie. E, ancor più strano, è che non si tratti di dato solo maschile: molte donne pretendono con forza di sapere chi io sia, sperando, con malcelata ansia che, dietro i panni di una suora con la giarrettiera, si nasconda un brillante e muscoloso principe azzurro (questa è vera perversione!).
    Aggiungo un altro elemento, per me molto interessante ed appagante. Gli amici che ho incontrato da quando ho aperto il profilo, a parte la curiosità di cui sopra, sono persone generalmente interessanti e stimolanti. Spesso intelligenti, colte e dotate di sense of humour. Fatta qualche eccezione, i fratelli e le sorelle giunti al convento, da dietro le loro tastiere, mi aprono porte a dimensioni che non conosco. Le offerte di scambio di cultura, di musica, di cinema, di vita, si moltiplicano e aggiungono pezzi al puzzle di questa esistenza: non lo completeranno mai, è ovvio, ma regalano una visione in turbinante technicolor, che è certamente meglio di una in noiosissima scala di grigi.

    Con tutto l’affetto del core, vi fo devotissima riverenza.

    Suor Perduta delle Redentrici Umiliate

    RispondiElimina
  15. Intrigante, la Monaca di Monza.

    ciao Alberto.

    RispondiElimina
  16. Noi siamo armati di immensa FANTASIA, Alberto: è quel che ci serve, e ci salva.

    RispondiElimina
  17. gian paolo17/7/10 13:12

    Il pensiero è Anarchico per antonomasia!

    RispondiElimina
  18. @Suor Perduta
    Mille grazie per quello che hai scritto. Il mondo sarebbe migliore se ci fossero più suor perdute tra noi.

    @Vincenzo
    Non saprei.

    @Saam
    Belle armi le nostre, armi bellissime, e nessuno ci potrà mai disarmare.

    RispondiElimina
  19. qui urge indagare a fondo, non si sa mai...
    Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  20. una suora illuminata...Secondo me è un suoro.

    RispondiElimina
  21. @ Vincenzo Cucinotta: pare anche a me, dovrebbe essere l'episodio "Lavoratore italiano all'estero" con Giannini donatore di sperma.

    RispondiElimina
  22. il tuo compito sarà redimerla ?

    RispondiElimina
  23. @Giardigno
    Nemmeno per sogno.

    RispondiElimina
  24. Ecco collezionato un altro buon motivo per non stare lì dentro... :-D

    RispondiElimina
  25. suorvipera@gmail.com21/7/10 16:05

    Sorelle, fratelli,
    Resto un po' sorpresa (e non solo in questo ambito) dal gran sospetto che circola tra gli internauti. Apprendo, da mia postazione di privilegiata ingenuità, che esistono figuri che controllerebbero il traffico tra utenti per una qualche finalità a me oscura.
    Se qualcuno volesse illuminarmi, io accetterei tali informazioni assai volentieri.
    Altra sorprendente osservazione riguarda nuovamente il fatto curioso dell'identificazione del mio sesso, cosa che esercita lubrico fascino financo sui partecipanti a codesta discussione.
    D'altro canto, s'io lo rivelassi, sarebbe d'ausilio? Io non credo, giacchè, discosta dal mondo come io sono e tutti voi siete, potrei sempre mentire....
    Quanto alla redenzione mia, io non ne necessito (come nessuno, d'altra parte): considero il redimere, inutile spreco d'energie, a partire da strisciante etimologia latina. Non si ricompra infatti lo stato di persona che abbia compiuto scelte (giuste o sbagliate è irrilevante). Si può cambiare, si può trasmutare come intruglio alchemico, ma giammai redimersi.
    Lode al signore!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.