Pagine

domenica 29 gennaio 2012

Il blob della domenica #1

Comincio questa rubrica domenicale che è un blob di frasi affastellate: un po' demenziali, un po' con un certo verso di senso. Alcune le ho scritte io, altre le ho prese dalla rete e dalla carta stampata. Durerà, questa rubrica voglio dire, finché avrò voglia di scrivere e voglia di annotare quello che leggo in giro.

Suggerimenti e osservazioni sono più che benvenuti. Io sono qui.

------------------------------
Non capisco quelli che hanno troppo tempo libero e non sanno che farsene.

Sai come si fa a tenere un idiota sulle spine? Te lo dico domani.

C'ho l'emicrania da essiccamento cerebrale, altro che cefalea a grappolo. E pensare che una volta si chiamava "mal di testa" e basta.

Seduta su un divano nuovo. a guardare un film nuovo in compagnia di vecchi vizi, di vecchi amici, e di vecchi desideri.

Rendi visibile quello che, senza di te, nessuno avrebbe mai visto.

Vaffanculo è una delle poche parole non inutili.

Chissà perché tanti si appassionano a libri e trasmissioni di cucina e poi comprano cibi pronti.

31 commenti:

  1. Sono al paesello in Liguria. Sto scrivendo con il gatto sulle ginocchia, vedo lassù sulle montagne, che sono le Alpi Marittime, la neve che cade, e cade anche più giù, sulle colline. Oggi è il giorno giusto per la polenta.

    RispondiElimina
  2. belle frasi azzeccate, buona domenica con un gran piatto di polenta lì nella mia amata liguria dove son cresciuta e conservo dei bellissimi ricordi Gio

    RispondiElimina
  3. Un gatto, una bella polentata e dei pensieri slegati lasciati correre fuori dalla mente. Questo dà senso alla domenica. :)

    RispondiElimina
  4. E' forse il preludio al Tuo futuro silenzio, seguendo le orme del Grande Russo, Tuo mentore e Kapò?
    Me lo auguro!
    :-)

    RispondiElimina
  5. Ghe n'amu pé ina setemana de pulenta da mangià...

    RispondiElimina
  6. L'ultima è fulminante ;-))

    Ciao Alberto, tu la vedi da lontano, a Torino la vedo cadere e siamo a 10 centimetri sul tetto della mia macchina, niente polenta e gatto, tazzone di caffè e sigarette, se non la smette...vado in letargo ;-))

    RispondiElimina
  7. "scrivere col gatto sulle ginocchia"

    vi capita mai di dovervi alzare a prendere qualcosa, e dire a chi è vicino "SCUSA VAI TU, CHE IO C'HO IL GATTO E NON POSSO...."
    :D

    RispondiElimina
  8. mmm, sii, l'ultima bella ma, quanto è "utile" a volte la penultima! :-)

    Polenta... buona. Con buone salsicce però!

    g

    RispondiElimina
  9. Giorno ideale per polentare e blobbare. Un caro saluto a te e a Tigre, che sembra il gemello del mio Tigro.

    RispondiElimina
  10. Ho preso in prestito la penultima. :)
    Vedi Twitter. Ciao.

    :D

    RispondiElimina
  11. I miei gatti invece sono fuori impegnati in una lotta d'amore per una gatta sterilizzata! Va beh, Alberto, è domenica anche per te!

    RispondiElimina
  12. L'ultima è esilarante, mi piace un sacco.
    Ma la polenta! Che invidia! Ora attendo che arrivi il gelo a Milano, dovrebbe essere la prossima settimana e allora preparerò la polenta. Devo pensare con cosa.

    RispondiElimina
  13. Che bella questa nuova rubrica, nata sotto l'alto patrocinio di un gatto mollemente sdraiato sulle tue ginocchia.
    Mi piace molto la frase numero 5, potrebbe quasi essere un mio motto.
    Saluti!
    (La gatta Matilde viene ogni pomeriggio a sdraiarsi sulle mie ginocchia almeno una decina di minuti, mentre sono al tavolo da lavoro che faccio i miei gioielli: sale senza che io me ne accorga sulla sedia, dietro la mia schiena, poi si annuncia dandomi leggeri colpetti con la testa sul gomito, come a dire "ehi, sono qui", quindi si insinua sotto il mio braccio e si accomoda sulle ginocchia, ronfando beata per circa 10-15 minuti. Alla fine, così com'è venuta, se ne va.
    E dunque sì, mi capita spesso - come chiede Presidente di Bananas Republick - di dire "puoi andare tu, che c'ho Matilde sulle ginocchia?")

    RispondiElimina
  14. Chi è riuscito a creare un capolavoro come il gatto, ha acquisito il diritto di sbagliare tutto il resto. Infatti.
    Alessandro Morandotti

    RispondiElimina
  15. DangerMouseIII30/1/12 09:07

    Ce n'ho una "storica" di Woody Allen: "Non capisco perché il mio cane, se gli soffio in faccia, si incazza come una iena e quando viaggiamo in macchina ha sempre il muso fuori dal finestrino"
    (Tradotta dall'inglese cercando di mantenere il senso).

    RispondiElimina
  16. bella bella questa rubrica

    RispondiElimina
  17. Se qualcuno ha del tempo libero da prestarmi lo prendo volentieri.

    RispondiElimina
  18. Sono curioso di sapere chi ti ha fatto il sugo

    RispondiElimina
  19. Maistretu30/1/12 12:53

    ieri polenta tordi e fringuelli.. un sughetto e un profumo unico. polenta e osei e fuori nevicava..
    Maistretu

    RispondiElimina
  20. bello, quella del vaffanculo l'avrei potuta dire io. Me la segno e la riciclo. Baci.

    RispondiElimina
  21. santograal30/1/12 19:10

    E la polenta taragna con il sugo di funghi? L'avete mai assaggiata? Noi l'abbiamo fatto domenica a Triora, mentre fuori nevicava fitto fitto.

    RispondiElimina
  22. @santograal
    Chissà quali funghi in terra di streghe!

    RispondiElimina
  23. Una buona idea, tu ti diverti e noi annotiamo.
    Cristiana

    RispondiElimina
  24. Se consideri che le altre cose a grappolo sono l'uva, le bombe e le emorroidi, mi sa che quel tipo di emicrania ha un certo collegamento...

    :D

    (mi piacciono questi pensieri sparsi)

    Solo un dubbio: ma la tastiera è appoggiata sul gatto???

    RispondiElimina
  25. ... siamo a martedì ma arrivo in tempo!

    Ciao Alberto e buona giornata. Vediamo un po di tradurre nel quotidiano questa saggezza antica.

    "...Non capisco quelli che hanno troppo tempo libero e non sanno che farsene..." infatti, sono tutti in parlamento oppure al governo ed hanno deciso che dobbiamo lavorare di più.

    "...Vaffanculo è una delle poche parole non inutili..." infatti, oggi non solo è largamente usata ma... ci stà tutta!

    RispondiElimina
  26. Mi piacerebbe sapere quali sono i vecchi vizi sul divano che mi sanno tanto di quelle cose schifose che si fanno guardando la tv con un piede in una mano e nell'altra una porcata da mangiare...quella potrei essere io.
    Un bacio!!

    RispondiElimina
  27. Ho riletto il post sul tuo gatto e sono rimasta colpita da quante persone-blogger che sono scomparse dalla blogosfera e di cui non sappiamo più niente...Lostinthesky, Suburbia, analfabeta... però ci sono anche tanti fedelissimi, come me.
    Ciao Alberto. :)

    RispondiElimina
  28. Le frasi mi sono piaciute tutte e per il gatto sulle ginocchia io avrei dei problemi a scrivere visto che ne ho quattro. Per la polenta mi hai dato una buona idea per domani sera. Ciao.

    RispondiElimina