Pagine

martedì 5 giugno 2012

Papavero da oppio (Papaver somniferum)

Papaveri da oppio - Papaver somniferum

Avevo già parlato qualche post fa del papavero da oppio che quest'anno sembra aver trovato per clima e umidità la dimora ideale nei terreni dell'entroterra ligure.

Eccovela adesso fiorita questa pianta, al punto giusto, fotografata stamattina. Tra due o tre giorni niente più petali, rimarranno solo le capsule della prima foto. Se la pianta è della varietà giusta da un'incisione fatta alla sera si potrà cogliere al mattino un lattice: l'oppio appunto.

Sto ripartendo per Milano dove spero abbiano nel frattempo annaffiato i pomodori che avevo piantato prima di partire.

Filo si era augurata che questa mia discesa in Liguria avrebbe portato bel tempo. Purtroppo l'ho delusa perché sono sì un druido ma non fino al punto da comandare le nuvole.

Papaveri da oppio - Papaver somniferum
Papaveri da oppio - Papaver somniferum

23 commenti:

  1. Cioè da quei batuffolini rosa e innocenti lì ci viene fuori la droga? O.O

    RispondiElimina
  2. Splendide foto, Al. Vedo un'ape che vola su una corolla di papavero, bellissima.
    Per il tempo mi pare che tu abbia fatto anche troppo: due giorni e mezzo su quattro (a parte il temporale di ieri)sono un bel risultato per i tuoi poteri!
    Ciao Al :)

    RispondiElimina
  3. mamma mia quant'è bella questa pianta, peccato che l'uomo l'abbia utilizzata per ben altri scopi e non estetici...ma non è è che rischi la galera con le "prove" del tuo orticello?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è il mio orticello ma un terreno incolto.

      Elimina
    2. niente arance in carcere, dunque! ciao ciao

      Elimina
  4. che belle foto...ci vorrebbe proprio un mazzetto

    RispondiElimina
  5. Ehm....se passi di qui....

    RispondiElimina
  6. Da noi quel tipo di papaveri non l'ho mai visto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Giulio Ti devo dire che anch'io quest'anno li ho trovati strani. Ero abituato a vederli un po' simili ai tulipani.

      Elimina
    2. mia madre un tempo contadina,mi ha fatto vedere in un giardino su in montagna una vasta varieta di colori di questi fiori , un tempo usati per curarsi , tisane da bere .io non ci avevo nemmeno fatto caso, oggi che li conosco li vedo molto spesso nei giardini, perfino di fronte ad una piccola caserma cc. che non sanno manco che sono

      Elimina
  7. Albe' quanto mi farebbe comodo il papaver sonniferum al posto della compressa che orendi tutte le sere.
    Custodiscili bene i pomodori, mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  8. Dobbiamo l'accezione odierna di droga alla logica del profitto. Prima dell'avvento dell'industria farmaceutica su grande scala, era usata anche a scopo terapeutico e non era fuorilegge.
    É interessante come il sottoprodotto dell’oppio, l’eroina, fosse un nome commerciale della compagnia Bayer la quale nel 1898 lanciò il suo prodotto, che da’ forte dipendenza, ed è ancora leader mondiale dell’industria farmaceutica. Eroina e cocaina erano legalmente disponibili per l’acquisto sino a che vennero messe fuori legge dalla Società delle Nazioni - l’antesignana delle Nazioni Unite - e dagli USA negli anni ‘20. In seguito al proibizionismo, il consumo di queste droghe cominciò ad aumentare vertiginosamente. http://www.nwo.it/cia2.html
    Ah! dimenticavo: l'eronina, derivato dall'oppio, è arrivato in Italia grazie ai militari USA impegnati in Vietnam.

    RispondiElimina
  9. qualche strisciata di quella pianta benefica, se la sono fatta a Isola..
    oggi tutto è in mano alle multinazionali farmaceutiche e non. è il commercio della sofferenza e non ha limiti, ne morale, ne etica.
    assenzio canapa papavero iperico salvia lavanda e tutte le altre piante medicinali erano regolarmente coltivate sui nostri pendii..
    Maistretu

    RispondiElimina
  10. Ma sono bellissimi questi papaveri! Non li avevo mai visti! Tu sei a Milano, vero? Ma i pomodori li coltivi sul balcone? O hai un giardino? Io sul balcone coltivo diverse piantine aromatiche, salvia, rosmarino, prezzemolo, origano, erba cipollina e molte altre. Ma il papavero no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ambra I pomodori li coltivo in giardino qui a Milano. L'anno scorso ci feci un post su questi pomodori visibili anche dal satellite di Google, e pubblicai la schermata.

      Elimina
  11. io li ho appena trovati in montagna in luogo incolto e mi sono innamorata del loro colore rosso intenso..... mai più pensavo si trattasse di papavero da oppio!! quindi immagino che non posso coltivarli in giardino come fiori!!

    RispondiElimina
  12. Qui in maremma crescono Dappertutto, anche quest'anno intorno al mio paese ma anche intorno a molti altri... fantastico!

    RispondiElimina
  13. in italia è illegale la sostanza, estratta dal bocciolo. La coltivazione in sè per scopi ornamentali è legalissima!(non rientra nelle tabelle delle sostanze stupefacenti illegali)

    RispondiElimina
  14. Salve, complimenti per le splendide foto di questo meraviglioso fiore, devo però dare una precisazione.
    Non si tratta di un papavero da oppio (Papaver somniferum) ma di un Papaver orientale ‘Turkenlouis’.
    La famiglia dei papaveri conta ben 250 differenti specie o più, alcuni molto simili tra loro ma in questo caso ben distinguibile per il fiore, potete controllare le foto anche sul web.
    Tutta la famiglia dei papaveri contiene in concentrazioni differenti l'alcaloide papaverina utilizzata per la produzione di eroina e oppiacei.
    Anche i semplici papaveri di campo, quelli notrani, contengono lo stesso alcaloide ma in quantità assai più ridotta, non per niente le nostre nonne usavano il papavero proprio per alleviare i dolori mestruali, calmare i bambini irrequieti o per favorire il sonno... il papavero da oppio ha concentrazione maggiore e si ricava dal lattice prodotto incidendo la capsula del fiore.
    Altro esempio con diversa pianta è quello della canapa, coltivata fino pochi decenni fà in molte regioni italiane fortuna di tanta povera gente, si producevano corde, tessuti, olii, carta ecc..
    La canapa "sativa" si differenzia dalla "Indiana" per la quantità di resina che produce l'infiorescenza e quindi per il maggior quantitativo di principio THC(Delta-9-tetraidrocannabinolo).
    In breve mangiare una mela Stark, una renetta o una Annurca offre diverse sensazioni al palato ma sempre di mela parliamo...
    Mamma natura non ha creato nulla di sbagliato, tutto ha uno scopo, solo gli uomini riescono a distruggere le cose perfette ! ;)
    Complimenti ancora per il blog ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Faber
      Grazie molte per tutte queste informazioni, e anche grazie per i complimenti.

      Elimina