Pagine

mercoledì 22 ottobre 2014

Midori Matsushima, ministra giapponese, ahi ahi ahi

ventagli

Midori Matsushima, ministro della Giustizia giapponese, è stata costretta a dimettersi dopo solo sei settimane dalla nomina. Erano purtroppo emerse prove inconfutabili che si era comprata dei voti. Le prove inconfutabili, impresse in video e foto, erano che nella campagna elettorale aveva regalato a destra e a manca ventaglietti di carta di ogni forma e colore.

Con quei graziosi oggetti, tipicamente femminili, del costo ognuno di cinquanta centesimi di euro i giudici hanno dunque stabilito che la navigata politica si fosse comprata le elettrici.

Quando Berlusconi l'ha saputo si è dato del cretino, ma proprio del cretino. Lui aveva pagato un napoletano, un solo napoletano, al secolo il senatore De Gregorio, tre milioni di euro, l'equivalente di 6 milioni di giapponesi. Bravo pirla.

9 commenti:

  1. Si sa, in Italia tutto costa più caro.

    RispondiElimina
  2. naaa l'avrei votata anche io per un ventaglio così, bella la foto dei ventagli, mette allegria, l'hai fatta tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Zefirina
      Eh no, la foto non è mia.

      Elimina
  3. ah ah ah. Costumi poco rilassati in Giappone.

    RispondiElimina
  4. non sapevo di questa ministra giapponese, è proprio vero che siamo due mondi completamente diversi..

    RispondiElimina
  5. ahaahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    P.S. Pirla Berlusconi lo è a prescindere... :D

    RispondiElimina
  6. mi piacciono i ventagli, però da noi costano di più!

    RispondiElimina
  7. Berlusconi dovrebbe imparare da una giapponese!

    RispondiElimina
  8. qui di solito chi compra voti poi lo aggiunge sul curriculum

    RispondiElimina