Pagine

mercoledì 25 luglio 2018

Famiglia Cristiana: Vade retro Salvini

Famiglia Cristiana: Vade retro Salvini
L'ultima copertina di Famiglia Cristiana

Non c'è alcun dubbio: quel braccio che si protende verso Salvini è quello di un esorcista che tenta di scacciare il diavolo dal corpo del vicepremier. Sarà dura.

16 commenti:

  1. mah, poi come è noto i pasdaran del grilloleghismo (che fine hanno fatto i grillini di sinistra, si sa?) hanno poi rinfacciato alla chiesa tutte le malefatte, passate e recenti. anche in tema di aiuto concreto alle persone del terzo mondo. sono ateo, ci sarà una ragione.

    RispondiElimina
  2. Non basterebbe nemmeno un esorcismo del papa.

    RispondiElimina
  3. Ma questo ennesimo rivoltare la gabbana per cui la religione da "oppio dei popoli" diventa una sana abitudine, il Vangelo si compendia col Capitale, Famiglia Cristiana col Manifesto, non vi disturba nemmeno un po'? E' proprio vero che l'Italia è il Paese di Don Camillo e Peppone, che già allora chiudevano ogni episodio in gloria.

    Per me siete ridicoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo
      Perché prima di scrivere non guardi le etichette che appioppo a ogni post?

      Elimina
    2. See, le etichette. Guarda che l'ho visto coi miei occhi e sentito con le mie orecchie il discorsetto di Bertinotti sul Papa, eh. Chi pensi di prendere per i fondelli?

      La faccenda è tutto tranne che spiritosa, tanto è che il PD altro non è che il proseguimento dell'Ulivo.

      Cito:
      "L'Ulivo ha rappresentato il raggruppamento di forze riformiste riunito attorno a tre sostanziali idee-cardine: la cultura socialista-socialdemocratica, quella cattolico-democratica e quella liberaldemocratica, cui facevano poi seguito il convinto impegno ambientalista ed europeista. "

      Sorto per iniziativa di Romano Prodi come sintesi tra le esperienze dei Progressisti e quelle del centrista Patto per l'Italia, ha avuto una storia lunga e spesso contorta, fatta di aggregazioni a titoli diversi, ma caratterizzate sempre dal medesimo obiettivo: riunire sotto la sua unica bandiera le diverse anime del riformismo italiano di centrosinistra."

      Trovi che faccia ridere il circo coi mostri? Abbe, allora si, metti pure le etichette. L'importante nella vita è essere convinti.

      Elimina
    3. Altro esempio di umorismo, l'editoriale della signora Maraini sul Corriere.
      Inizia con: "Padre Alex Zanotelli ci invita a sottoscrivere un appello". Corbezzoli, se ci invita Padre Zanotelli, allora... altro che Ho Chi Mihn.

      Dai su, vorrei dire "siamo seri" ma con le tue etichette...

      Elimina
    4. Senso dell'umorismo zero, eh, anonimo leone da tastiera?

      Elimina
    5. Mettiamola cosi, "yanx":

      In altre epoche la gente si sganasciava dalle risate a vedere dei poveracci legati e con un sacco sulla testa venire sbranati dai cani.

      Ecco, il senso dello "umorismo" che c'è in questo post è della stessa categoria. Ma per rendersene conto bisogna avere il cervello a posto e non essere abituati allo spettacolo come se fosse "normale".

      Nel tuo caso, per esempio, caro "Yanx", sei completamente ignaro della auto-ironia involontaria rispetto all'anonimo leone da tastiera. Altra cosa tipica di blog come questo, non tanto per colpa del "titolare" ma perché attira un certo tipo di lettori. Anche questo non fa ridere.

      Elimina
    6. Ogni tuo commento non fa che confermare il mio e quello del titolare del blog, "Anonimo" leone da tastiera (visto che ti piacciono tanto i virgolettati). Almeno firmati con uno pseudonimo, no? Ma neanche di quello hai il coraggio: scrivi puttanate nascondendoti dietro un "Anonimo". Lascia perdere tutte le tue supercazzore con scappellamento a destra, va'.

      Elimina
    7. Fai cosi, scrivi a Google dicendogli di cambiare la parola "anonimo" dentro il menu a tendina dei commenti con la parola che preferisci.

      Per esempio potrebbero mettere "Yanx". Certo, poi saremmo tutti "Yanx", invece di avere la facoltà di inventarsi lo "pseudonimo", cosi originale, cosi significativo, cosi coraggioso.

      Veniamo alle puttanate e supercazzole.
      Non ho fatto nessun giro di parole, ho elencato dei fatti. Ovvero che l'Italia repubblicana è da sempre impostata sul dualismo Peppone - Don Camillo, che il santo Berlinguer, i cui funerali radunarono folle oceaniche e oceani di bandiere rosse, è passato alla Storia per il "compromesso storico", che in tempi più recenti la "sinistra" è stata rappresentata dal prof. Prodi, un antico democristiano e dirigente delle aziende di Stato, il quale fu tra i fondatori dell'Ulivo che precede il PD e che altro non è che la unione di quello che rimaneva della DC post-tangentopoli e del PCI post-crollodelmuro. Ai giorni nostri non solo vediamo il marxista col cachemire, il signor Bertinotti, lanciarsi nella apologia del Pontefice, che potrebbe precedere una clamorosa conversione perché in trincea non ci sono atei, vediamo anche tutti i giornaloni che fanno propaganda ospitare gli editoriali dei famosi "intellettuali illuminati" che citano preti, vescovi e compagnia clericale.

      Se dico che tutto questo non fa ridere per niente significa che è una puttanata o una supercazzola? Beh, appunto. Non è mica strano che gli Italiani di oggi si scoprano pecorelle del Buon Pastore e che mettano nello stesso calderone il Papa, Marx e Soros (due di questi hanno effettivamente una cosa in comune), i loro bisnonni gettarono la camicia nera nel fosso per inventarsi un passato di eroico partigiano, i loro nonni da rivoluzionari del Maggio Francese si scoprirono "craxiani", i loro babbi fecero il percorso inverso, dal Drive In e dall'edonismo reganiano fecero come Jovanotti che ad un certo punto assunse l'identità e il look del rivoluzionario cubano.

      Ma si scherza.
      Quando non si scherza, basta dire "ho cambiato idea".

      Elimina
  4. 'Azz, pure i preti lo scomunicano! E sì che era il loro paladino!
    Ma per liberarci di lui non basta un esorcismo: ci vuole un bazooka...

    RispondiElimina
  5. Lui ha replicato tacciandoli di cattivo gusto.
    Cattivo gusto.
    Ah... ahah... ahahahahah...

    RispondiElimina
  6. A questo punto chissà se, per dispetto, cambierà idea sull'uso del crocifisso a mo' di zampirone nei porti.

    RispondiElimina
  7. Famiglia mussulmana non gradisce Salvini che, in poche settimane, ha smontato una dei falsi ideologici più evidenti da parte dei sinistranti, ovvero quello che contro le migrazioni di massa non si possa fare nulla (che significava, come ha affermato la signora Bonino Soros, stabilire che milioni di africani e asiatici fossero importati/deportati in Italia contro il volere della stragrande maggioranza degli italiani e a loro spese, contro di loro).

    Mai capito come mai, a sinistra, piacciano così tanto i fascioislamici, per dirla con il loro lessico grezzo e pressapochista.

    RispondiElimina