Pagine

sabato 19 giugno 2021

Milano, i percorsi dell'acqua

Milano, i percorsi dell'acqua
Foto scattate ieri sul "mio" naviglio, quello della Martesana che passa vicino a casa.
Bella iniziativa di tre giorni, I percorsi dell'acqua. Percorsi d'acqua in Martesana organizzata dalla Casa della Carità. QUI potete vedere tutte le manifestazioni.

Milano, i percorsi dell'acqua

Milano, i percorsi dell'acqua

Milano, i percorsi dell'acqua


 
 



QUI tutte le foto del sabato (379 post)

sabato 12 giugno 2021

Forme di Natura

Viticcio di zucca, trombetta d'Albenga

Viticcio di zucca. Per la precisione trombetta d'Albenga. Grandezza 1 centimetro circa.



QUI tutte le foto del sabato (378 post)

sabato 5 giugno 2021

La mia postazione di lettura

La mia postazione di lettura

La mia postazione di lettura. All'ombra di un banano e a fianco di un ulivo, a Milano.
Ma fra non molto cambierò postazione e allora farò letture sotto il pero che piantò mio nonno Antonio.
 
La mia postazione di lettura

QUI tutte le foto del sabato (377 post)

sabato 29 maggio 2021

Vanno, vengono, ogni tanto si fermano

Milano parco Lambro
Esco di casa e in quattro o cinque minuti di bici sono qui a rincorrere nuvole che mi schiudono sogni.

Milano, Parco Lambro.


QUI tutte le foto del sabato (376 post)

mercoledì 26 maggio 2021

Bob Dylan, Franco Battiato, la poesia

Nei giorni passati erano in primissimo piano su tutti i media due cantanti. Bob Dylan, premio Nobel per la letteratura, che compiva ottant'anni e Franco Battiato che a 76 anni ci aveva lasciato.

Mi sono fatto una domanda che aveva già una risposta purtroppo scontata: sarebbe stato loro dedicato un uguale spazio se fossero stati poeti?
 
Che la poesia, intesa nel senso classico di sole parole in versi, sia ai margini è evidente. Ma potrebbe scomparire per lasciare il posto ad altre forme artistiche che oltre alle parole si avvalgano anche di altri mezzi espressivi?

sabato 22 maggio 2021

Musica e danza nella nostra casa, MiTo classica aperta

Oggi pomeriggio musica e danza nella nostra casa a Milano. Molto apprezzata dagli spettatori

MiTo classica aperta, casa Berra Milano




MiTo classica aperta, casa Berra Milano



MiTo classica aperta, casa Berra Milano

MiTo classica aperta, casa Berra Milano

MiTo classica aperta, casa Berra Milano

MiTo classica aperta, casa Berra Milano
QUI tutte le foto del sabato (375 post)

sabato 15 maggio 2021

Quando cambi vita

Quando cambi vita qualcosa ti rimane sempre di quella precedente. In bella evidenza, come in questo caso, o più nascosta. E cambiando vita, sia nelle vicende umane che in quelle meccaniche, si può migliorare o peggiorare. Non azzardo nessuna ipotesi su questo furgone.



QUI tutte le foto del sabato (374 post)

martedì 11 maggio 2021

Riguardo ai libri ho un'amica che...

Ho un'amica virtuale, Lidia Olsen, che segue da parecchio tempo il blog. Lei i commenti li fa mandandomi delle mail. Quella che segue è l'ultima e si riferisce a questo post
Ciao Alberto, dopo aver letto questo tuo messaggio in merito alla lettura, ho pensato di inviarti queste foto. La prima sono i ripiani di molti libri che ho in un corridoio, vicino al mio studio. Evito di inviarti altre foto che ho in altre stanze. Potrai così ammirare il titolo e la data di questi due antichi testi. Sono una formichina e accumulo tutto ciò che mi interessa. Spero che un giorno anche i miei figli ne faranno tesoro. Mi hanno rinnovato la patente fino al 15 settembre del 2022, quando compirò, spero alla grande, 90 anni!!! Buona serata.
Li
 



giovedì 6 maggio 2021

Dipendenti pagati per leggere libri

Danilo Dadda

Danilo Dadda

L'idea è venuta a Danilo Dadda, CEO di Vanoncini - Edilizia Sostenibile (Bergamo), con il pallino della lettura. Così da alcuni mesi paga i suoi dipendenti per leggere. "Una volta a settimana  c'è la presentazione del libro letto, fissata prima di una riunione commerciale o tecnica. Per un'ora si condividono emozioni e ci si conosce meglio: così si migliora il clima di lavoro, la squadra si fa più coesa, è qualcosa che va oltre ogni aspettativa". C'è un tariffario, 100 euro per il libro in italiano, 300 in lingua straniera.

Tra gli 85 dipendenti, dal dirigente al muratore, in tanti aderiscono. C'è chi subito si è buttato a pesce sull'iniziativa perché è un lettore accanito, qualcuno invece grazie a questa iniziativa si è riavvicinato alla lettura.

E così si abbatte anche lo stereotipo che i lavoratori dell'edilizia non leggono.

sabato 1 maggio 2021

... come le brocche dei biancospini...

biancospino

Oh! Valentino vestito di nuovo,
come le brocche dei biancospini!
Solo, ai piedini provati dal rovo
porti la pelle de' tuoi piedini;
porti le scarpe che mamma ti fece,
che non mutasti mai da quel dì,
che non costarono un picciolo: in vece
costa il vestito che ti cucì.

Costa; ché mamma già tutto ci spese
quel tintinnante salvadanaio:
ora esso è vuoto; e cantò più d'un mese
per riempirlo, tutto il pollaio.
Pensa, a gennaio, che il fuoco del ciocco
non ti bastava, tremavi, ahimè!,
e le galline cantavano, Un cocco!
ecco ecco un cocco un cocco per te!

Poi, le galline chiocciarono, e venne
marzo, e tu, magro contadinello,
restasti a mezzo, così con le penne,
ma nudi i piedi, come un uccello:
come l'uccello venuto dal mare,
che tra il ciliegio salta, e non sa
ch'oltre il beccare, il cantare, l'amare,
ci sia qualch'altra felicità.

Giovanni Pascoli

biancospino

QUI tutte le foto del sabato (372 post)

martedì 27 aprile 2021

Come viene pagata Elena Ferrante?

Elena Ferrante e Beatrice
Sul numero di questa settimana di Robinson, inserto letterario de la Repubblica, c'è un lungo articolo di Elena Ferrante che affronta la figura di Beatrice, con i suoi risvolti femminili nel linguaggio di Dante.

Sapete tutti che Elena Ferrante è un fantasma dietro cui si nasconde un umano (uomo? donna? o addirittura coppia?) che ha scritto romanzi di successo planetario e quindi dagli incassi stratosferici.

Mi sono chiesto come e dove questo denaro possa essere versato a un fantasma. Rimanendo all'articolo, Elena  Ferrante ha emesso fattura? Spiegatemi per favore perché sono ignorante in materia.

sabato 24 aprile 2021

Le ragazze del 25 aprile

Buon 25 aprile

Immagino che avrete già visto questa foto scattata da Tino Petrelli in piazza Brera a Milano il 27 aprile del 1945.

Ma non so quanti di voi sanno delle tre ragazze. Quella a sinistra è Lù Leone che lavorerà nel cinema assieme a grandi registi e poi diventerà produttrice. Quella in centro è Aniuska, dalla storia tragica. Giunta dalla Polonia assieme alla sorella che è al suo fianco nella foto, morirà ore dopo lo scatto per mano inesperta della sorella stessa che stava maneggiando il fucile. A rendere nota la triste vicenda fu lo storico e critico dell’arte Mario De Micheli, ex partigiano.


 

la Repubblica, 28/7/1998

Addio alla pasionaria Lù Leone agente speciale del cinema
ROMA - C' è una celebre foto che la ritrae - giovanissima, bella, fiera - mentre marcia, fucile in mano, in mezzo alle sue compagne, attraverso Milano appena liberata dai tedeschi. Lù Leone, scomparsa sabato scorso a sessantanove anni, dopo quattro di degenza in ospedale per una gravissima forma respiratoria, è sempre stata come la mostra quella foto: meno giovane, certo, con il passare degli anni, ma coraggiosa e forte, oltre che inventiva e generosa, anche se le sue appassionate prese di posizione qualche volta hanno suscitato polemiche e inimicizie. Milanese di origine, Lù (che ufficialmente si chiamava Anna Maria) aveva cominciato giovanissima a lavorare nel cinema come assistente di Zavattini in "Miracolo a Milano". Era stata poi per molti anni l'aiuto di Castellani. Quindi, ormai trasferita a Roma, era diventata il cuore dell' agenzia che poi sarebbe diventata la William Morris, in cui avrebbe lavorato in team con Carol Levi. Era "un'agente" a dir poco speciale, a cui si deve l'invenzione, se così si può dire, dei "pacchetti", e cioè di un modo di lavorare per cui, dal suo tavolo, metteva a punto un progetto completo: la sceneggiatura, il regista, il produttore, gli attori. Sotto l'ombrello protettivo della sua organizzazione sono cresciuti negli anni '60 molti dei nostri autori più interessanti, da Marco Bellocchio, con cui collaborò a partire da "La Cina è vicina", a Montaldo, a Mingozzi. E in quegli anni, attorno a lei e a suo marito Fabrizio Onofri, nella loro bella casa ospitale, si raccoglieva un vivace circolo intellettuale, generosamente aperto ai nuovi arrivati. Negli anni '70 Lù , lasciata la William Morris, è diventata una protagonista del movimento femminista romano, è stata tra le fondatrici della Maddalena e la produttrice di un non felice e tuttavia audace tentativo di cinema tutto al femminile "Io sono mia". Ma soprattutto Lù è stata per molti un'ispiratrice, un'amica, una sostenitrice appassionata, qualche volta scomoda, sempre alla ricerca di una giustizia ideale. Una persona di cui negli anni della malattia abbiamo sentito la mancanza. Una persona che manca oggi al cinema italiano.
Irene Bignardi
QUI tutte le foto del sabato (371 post)

sabato 17 aprile 2021

Milano, la nostra Casa Berra ospita nei suoi spazi varie opere d'arte

La nostra casa a Milano, Casa Berra, ospita nei suoi spazi varie opere d'arte in occasione della Giornata Mondiale dell'Arte. Può darsi, e me lo auguro, che sia l'inizio di una mostra continuativa con artisti che si danno il cambio. 

La pagina su facebook

Milano, Casa Berra ospita opere d'arte
Milano, Casa Berra ospita opere d'arte
Milano, Casa Berra ospita opere d'arte
Milano, Casa Berra ospita opere d'arte

 

la Repubblica Giovedì, 15 aprile 2021
 
A Casa Berra la mostra è a domicilio
Una mostra in condominio: per festeggiare la Giornata mondiale dell’arte, l'associazione culturale Casa Berra si è inventata un’esposizione a prova del lockdown più ferreo, una specie di mostra a domicilio. Il domicilio in questione aiuta: Casa Berra è un ex ospedale medioevale, poi convento annesso alla canonica di Santa Maria di Crescenzago del XII secolo, in via Berra 10. Tra Sette e Ottocento fu proprietà e residenza di Domenico Berra, filantropo, avvocato, agronomo, autore di un importante trattato sulle marcite. Sua figlia Teresa si avvicinò alla Giovine Italia e supportò i patrioti italiani contro il dominio austriaco. Dopo essere stato frazionato in diversi spazi abitativi, questo ex convento - con due cortili interni a giardino. porticati con archi a sesto acuto e a tutto sesto ribassato con colonne binate, mattoni a vista - è diventato un condominio.
L’omonima associazione, che da gennaio 2019 organizza attività sociali e culturali nella casa e nel quartiere, ha installato nei giardini e nei porticati medievali opere di scultori, pittori, fotografi e poeti. L’opera di Vincenzo Balena, nel giardino esterno, è l’unica visibile a tutti. Le altre saranno accessibili da oggi alle 10,30 solo ai condomini e visibili da tutti gli altri sulla pagina Facebook e Instagram dell’associazione. Ma la mostra rimarrà allestita in attesa del momento in cui sarà possibile per tutti entrare a visitarla.
Tra gli artisti esposti ci sono Marco Ceriani, Matteo Pietrantonio (con un’opera realizzata dalla Fonderia Artistica Battaglia), Clara Basca, Vincenzo Balena, Giovanni Fortuna, Renata Macchi, Luciano Perfetti, Roberto Messa, Alberto Cane, Ennio Ghiraldi, Riccardo Marcialis, Gianni Santilio e Emanuele Lazzarini. Lo spazio sarà sonorizzato dalla musica di Claude Debussy registrata dal pianista Luca Ciammarughi per l’associazione per Mito ETS.
Nicola Baroni

 

QUI tutte le foto del sabato (370 post)

sabato 10 aprile 2021

Milano, fucsia e viola sul naviglio

Milano, fucsia e viola sul naviglio

Malgrado il freddo di questi giorni la Natura è impaziente di darci lo spettacolo che vedete. A due passi da casa.

Conoscete queste piante?

Milano, fucsia e viola sul naviglio

QUI tutte le foto del sabato (369 post)

sabato 3 aprile 2021

Buona Pasqua

Uscirà il pulcino della Rinascita?
Uscirà, uscirà  🙂🙂🙂
Buona pasqua a tutti 



QUI tutte le foto del sabato (368 post)

sabato 27 marzo 2021

Sta risorgendo il banano a Milano

Più di uno aveva seri dubbi che si riprendesse dopo che la nevicata lo aveva ridotto come vedete nelle foto. E invece eccolo rinascere. Grazie Natura.

Questo banano lo piantai il mese di marzo di due anni fa. Era una pianticella di dieci centimetri, che mi aveva dato Vincenzo, figlia del banano nel giardino del suo grande studio di scultura vicino alla nostra casa.

banano a Milano

banano a Milano
banano a Milano

banano a Milano


QUI tutte le foto del sabato (367 post)

sabato 20 marzo 2021

Sto perdendo un po' la memoria

cannabis

Sto perdendo un po' la memoria.
Mi ricordo che questa foto l'ho scattata nell'Estremo Ponente Ligure ma non il luogo preciso.

Chissà che questo luogo magari non mi appaia in sogno 😅😅😅

Se non ridiamo ogni tanto di questi tempi...

QUI tutte le foto del sabato (366 post)

sabato 13 marzo 2021

Barba di frate, una deliziosa primizia

Barba  di frate
Ogni anno l'annuncio della primavera me lo dà, fra altri segnali, questa prelibata verdura, la barba di frate, che ho comprato in questi giorni al mercato. Si può trovare per un mese sui banchi e poi sparisce. È una delle poche primizie rimaste, visto che ormai zucchine, fragole e compagnia le abbiamo tutto l'anno. Ma non è una bella cosa. Seguire le stagioni  anche nel cibo che portiamo in tavola è un amabile vincolo che rinnoviamo con Madre Natura.


QUI tutte le foto del sabato (366 post)

sabato 6 marzo 2021

Pietre e nuvole di Liguria e...

Pietre e nuvole di Liguria

Pietre e nuvole di Liguria e... e là sotto non si vede ma c'è, oh se c'è!, il mare.

 

Aggiunta 08/03
C'è stato una specie di indovinello su Facebook per localizzare il luogo. Ha risposto per prima Fabrizia. Siamo a Lingueglietta, frazione di Cipressa (IM).



QUI tutte le foto del sabato (365 post)

sabato 27 febbraio 2021

mercoledì 24 febbraio 2021

sabato 20 febbraio 2021

Messaggi misteriosi

Robofobia

Girando per Milano mi imbatto ogni tanto in cartelli e adesivi come questi, che mi lasciano perplesso perché non ne capisco proprio il significato. E anche adesso, guardandoli, la mia perplessità rimane.

Non so voi.


QUI tutte le foto del sabato (363 post).

sabato 13 febbraio 2021

Il papa si fa le canne?


"Il papa si fa le canne?" mi sono chiesto con ironia quando ho visto le immagini sulle due serrande della tabaccheria. D'altronde il fumo, ho pensato, non fa parte dei sette vizi capitali, quindi... qualunque tipo di fumo intendo 😀
 

(Milano, via Padova angolo via Arici)

 
QUI tutte le foto del sabato (362 post).

sabato 6 febbraio 2021

Milano, simmetrie sul naviglio

Milano, naviglio Martesana


Il Naviglio Martesana dalle parti di casa.
Villa Singer e sulla sinistra il ponte vecchio.


QUI tutte le foto del sabato (361 post).