Pagine

martedì 21 marzo 2017

Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera
Alda Merini


Di seguito la lettera che mi scrissero le figlie della poetessa

Buongiorno Alberto,
ci presentiamo, siamo Emanuela, Barbara, Flavia e Simonetta, le quattro figlie della poetessa recentemente scomparsa Alda Merini. I tristi rintocchi funebri delle campane del Duomo di Milano pesano ancora sui nostri cuori mentre ricordiamo quello che raccontava di noi:
«Ho avuto quattro figlie. Allevate poi da altre famiglie. Non so neppure come ho trovato il tempo per farle. Si chiamano Emanuela, Barbara, Flavia e Simonetta. A loro raccomando sempre di non dire che sono figlie della poetessa Alda Merini. Quella pazza. Rispondono che io sono la loro mamma e basta, che non si vergognano di me. Mi commuovono».

Nonostante le parole della nostra amatissima madre siamo onorate di comunicare che in sua memoria abbiamo fortemente voluto la realizzazione del sito internet www.aldamerini.it. Un’antologia in ricordo di Alda, un elogio all'«ape furibonda», alla sua figura di scrittrice e madre perché «Niente per una donna è più simile al paradiso di un figlio che le farà sognare l’amore per sempre…».

Saremmo grate se volesse pubblicare un articolo sul suo blog per diffondere il link del nuovo sito e per comunicare quello che per noi è un modo di dar voce a nostra madre, alla sua follia e alla sua dolcezza, per farla parlare ancora perché non venga dimenticata.

Grazie mille
Le figlie di Alda

9 commenti:

  1. Una mamma nata savia non avrebbe ottenuto altrettanto amore.

    RispondiElimina
  2. sono quattro bellissime donne

    RispondiElimina
  3. Il mio browser me lo segnala come sito malevolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Angelo
      Anche a me, ma ci deve essere un errore. Anche a questo blog è capitato di essere segnalato come malevolo, e poi io non ho fatto niente e non lo era più.

      Elimina
  4. grazie Alberto e grazie a loro

    RispondiElimina
  5. anche a me segnala sito malevolo

    RispondiElimina
  6. Di quella poesia ho un cartellone che mi porto dietro di trasloco in trasloco..

    RispondiElimina