Pagine

giovedì 14 settembre 2017

L'AgCom pronta a sanzionare Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb

Non so quanti voi abbiano una linea fissa. Io ce l'ho ma l'abolirei volentieri dato che ormai tutti mi telefonano al cellulare. Non lo faccio perché mi serve per l'accesso a internet. Ora, in tempi diversi, da maggio 2016 ad aprile 2017, Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb hanno deciso di far pagare la bolletta ogni quattro settimane anziché, come da contratto, una vota al mese. Intascando così quasi un mese in più all'anno.

L’Autorità per le Comunicazioni il mese di marzo aveva ordinato alle compagnie, alcune già passate al nuovo tipo di riscossione altre in procinto di esserlo, di ritornare alla fattura mensile.

Orecchie da mercante (non sono forse mercanti?) e avanti come se niente fosse.

Adesso il Garante ha avviato i procedimenti sanzionatori contro le quattro compagnie. Staremo a vedere. E a noi non dovrebbero restituire i soldi che abbiamo pagato in più?

Rimane un dato incontestabile. Questi qui sono dei corsari. Uno peggio dell'altro.

13 commenti:

  1. Il telefono fisso l'ho tolto da più di 10 anni, per i cellulari ho passato tutti i telefoni a Coopvoce che ha sempre offerte interessanti e non fa "giochetti" (e i mesi sono mesi e non 4 settiname, per internet ho una piccola antenna sul terrazzino che prende il segnale wi-fi di un operatore genovese (quello che ha fatto anche la rete wi-fi per il Comune di Genova, quella a cui ci si puo collegare per strada o nelle piazze) e con 21 euro al mese (tutto comprese) senza sorprese e senza dover contrattare ogni anno per non farsi aumentare le tariffe sono a posto e soprattutto non rischio di andare per avvocati quando vorrò disdirlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Fausto
      Qui a Milano purtroppo non c'è questa possibilità, anche se il Comune ha l'wi-fi pubblica. Ci fosse farei anch'io come te.

      Elimina
  2. Fatti fondamentali:
    - Nessuno restituirà mai nulla;
    - I gestori pagheranno la loro multina ridicola da duecentomila euro (il reddito di un picosecondo, per loro) e fine della faccenda
    - Dopo tutto come prima: i gestori continueranno con l'alternanza aumentiamo le tariffe una volta / accorciamo i tempi la volta dopo; nel 2018 pagheremo bollette doppie pressappoco ogni martedì pomeriggio, e nel 2019 la bolletta sarà salatissima e giornaliera, così fine delle telecomunicazioni in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Berg
      Mi sa tanto che vedi giusto.

      Elimina
  3. Fanno sicuramente orecchie da mercante ma non me la sento di definirli "mercanti". Piuttosto mi ricordano i delinquenti, i truffatori, gli approfittatori, gentaglia senza scrupoli che delinque indisturbata perché facilitata da una classe politica e amministrativa che in maggioranza è come loro oppure incapace. E infatti, hanno continuato a farsi gli affari loro e, come commentato più sopra, continueranno a farlo anche dopo aver pagato un'eventuale sanzione. Questo nostro è un paese dove chi gestisce potere economico può tranquillamente fottersene di antitrust, autorità e organi di controllo farlocchi e inutili.

    Ciao Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Carlo
      Però nell'ultima riga li ho definiti corsari...

      Elimina
  4. I signori si eran fatti la tredicesima . Cmq. la cosa dovrebbe riguardare anche Sky che a partire dalla fattura di ottobre , questa sarebbe stata calcolata ogni quattro settimane ....che bel paese che è l'Italia ....fantasmagorico . Vogliamo parlare di vitalizi ? Ciao Alberto.

    RispondiElimina
  5. Ma fargli noi utenti un attacco mediatico collettivo?

    RispondiElimina
  6. Una sanzione giusta sarebbe il doppio di quello che hanno guadagnato con questo trucchetto. Ma ci spero poco.

    RispondiElimina
  7. Importante di sicuro è un post come il tuo! Grazie.

    RispondiElimina
  8. mi sa tanto di presa per i fondelli... come dimenticare i 5 euro che ci prendevano queste meravigliose compagnie quando compravamo le ricariche dai giornalai. Assurdo

    RispondiElimina