Pagine

sabato 25 aprile 2015

Settantesimo anniversario della Liberazione


1945 - Garibaldini del 2° battaglione "M. D. Rossi" entrano in Ventimiglia

Fra questi che vedete alcuni li ho conosciuti molto bene. E se non sono tutti andati.

Oggi è il settantesimo anniversario della Liberazione dell'Italia dal nazifascismo. Ci saranno manifestazioni e cortei un po' ovunque. Presumibilmente dai palchi verrà cianciata molta retorica sull'epopea della Resistenza di cui il nostro Paese conserva sempre meno memoria, complice nel suo complesso la carenza della scuola.

Il mio pensiero va a tutti quelli che persero la vita e agli altri compagni che affrontarono fame freddo pidocchi coraggio paura battaglie come tante volte sentii raccontare, senza alcun vanto, direttamente da loro per inseguire il sogno di un'Italia libera dopo vent'anni di spietata dittatura.

E mi piange il cuore a vedere adesso un'Italia ridotta così da una classe dirigente che ha scialacquato  in maniera irreversibile quell'impagabile patrimonio ideale di altruismo che poi prese forma tangibile nella nostra Carta Costituzionale.

Ma oggi scacciamo i brutti pensieri e quindi buon 25 aprile a tutti.

sabato 18 aprile 2015

Architettura postmoderna, il nuovo edificio della Iulm

nuovo edificio iulm

nuovo edificio iulm

Architettura postmoderna forse non è un titolo adeguato e anche troppo generico. Se ne trovate uno che più si confà siete i benvenuti.

È l'ultimo edificio costruito all'interno della Iulm (Libera Università di Lingue e Comunicazione) a Milano e inaugurato lunedì scorso.

Dopo averlo visto dal vivo e riguardando adesso le immagini la mia perplessità rimane.


Buon fine settimana.

nuovo edificio iulm

nuovo edificio iulm

QUI tutte le foto del sabato

venerdì 17 aprile 2015

Gli orologi sballati di Milano

orologi pubblici milano

Scattata questa mattina davanti alla stazione mentre andavo a fotografare la creatività (un po' deluso sono rimasto) del fuorisalone Lambrate-Ventura. In primo piano l'orologio del Comune che è un'ora indietro. E questo è ancora niente. Ce ne sono parecchi in giro per la città con l'ora completamente sballata. Tipo che alle sei segna le due e quaranta. Uno anche vicino a casa. Chissà se in tutta la frenesia per l'apertura dell'Expo qualcuno ha pensato a questo, e si è interessato quindi per sincronizzare all'ora giusta le lancette degli oltre 1.350 orologi pubblici di Milano. Voi cosa dite?

mercoledì 15 aprile 2015

Erdogan ha paura di essere avvelenato

Non entro nel merito della questione fra Recep Tayyip Erdogan e papa Francesco sul genocidio degli armeni, ma mi soffermo su una curiosità del capo dei turchi.

Il potente uomo ha assoldato cinque esperti, in azione 14 ore al giorno, per scandagliare i suoi pasti, alla ricerca di eventuali tracce di sostanze radioattive, veleni, batteri killer. E visto che la sua paranoia sta crescendo di pari passo all'aumento dei suoi nemici, ha anche ordinato la costruzione nel suo palazzo di un laboratorio di analisi proprio per questo motivo. Conviene ricordarlo questo palazzo. Grande trenta volte la Casa Bianca, 1100 stanze, fatto costruire da lui stesso e costato 600 milioni di dollari.

Gli assaggiatori però non si limitano solo a controllare cibo e bevande serviti nella magione del presidente ma lo accompagnano anche nei suoi viaggi internazionali. E allora mi piacerebbe vedere la faccia degli chef nelle cucine dell'Eliseo o del Quirinale, o ancora meglio in quelle del Vaticano che in passato di veleni si intendeva parecchio, mentre questi cinque turchi assaggiano le pietanze.

Lo ricordo. La Turchia aspira ardentemente ad entrare nella grande famiglia (famiglia?) dell'Unione Europea.

sabato 11 aprile 2015

Milano, parco Sempione

milano parco sempione, ponte delle Sirenette

milano parco sempione, ponte delle Sirenette

Stamani alle nove in punto sono uscito di casa, ho preso il metrò, sono sceso a Cadorna, e mi sono immerso nella pace del Parco Sempione mancante ancora dei colori di una primavera sgargiante che si fa un po' attendere. Ma va bene così. Sono andato via quando le frotte, miste di milanesi e turisti, hanno cominciato a rompere l'incantesimo silenzioso della Natura. Uscendo poi attraverso il Castello Sforzesco ho inforcato la folla del sabato che entrava. E selfie di qui e selfie di là. Non ne posso più di questa mania. Ma durerà per sempre?

Curiosità. Nelle prime due foto vediamo il ponte delle Sirenette, detto «delle sorelle Ghisini» perché le statue sono di ghisa. Dice un cartello in ferro lì accanto poco esaustivo «Francesco Tettamanzi, ponte delle Sirenette, 1842». In realtà questo ponticello non è sempre stato lì ma fu costruito per attraversare il naviglio in via San Damiano (oggi Visconte di Modrone). Quando la Cerchia dei navigli fu coperta nel 1930 questo manufatto fu risparmiato e ricollocato dove si trova adesso. Nell'ultima foto in basso si vede il posto originario.

milano parco sempione

milano parco sempione

milano parco sempione

QUI tutte le foto del sabato.

sabato 28 marzo 2015

Che attinenza c'è tra queste mie scarpe e questi piedi?


Che attinenza c'è tra queste mie scarpe e questi piedi?

Sono in giro. A risentirci.


Buon fine settimana.

Aggiunta  2 aprile
Bravo Fausto, ci sei arriìvato solo tu. Sono le mie scarpe che avevo messo nello scaffale quando fotografai la moschea di via Padova a Milano. L'immagine è QUI. Sotto invece i piedi della Boldrini quando andò in visita alla grande moschea di Roma.

Scusate la mia attuale latitanza ma sono proprio preso da altre cose.


QUI tutte le foto del sabato.

sabato 21 marzo 2015

Biancospino, buona primavera

biancospino

Buona primavera con questo biancospino.

Chissà se qualcuno la sa ancora tutta a memoria
"Oh! Valentino vestito di nuovo,
come le brocche dei biancospini!

..." 


biancospino
QUI tutte le foto del sabato.