Pagine

martedì 3 maggio 2016

Cassazione: rubare per fame non è reato


Alla cassa aveva solo pagato una confezione di grissini  e non i würstel e il formaggio del valore di 4 euro che aveva nascosto come "refurtiva".

Beccato in flagranza, Roman Ostriakov, giovane senza fissa dimora, era stato condannato il 12 febbraio del 2015 dalla Corte di Appello di Genova.

Adesso i giudici della Cassazione - sentenza numero 18248 della Quinta sezione penale - hanno annullato quella condanna perché a loro avviso - «la condizione dell’imputato e le circostanze in cui è avvenuto l’impossessamento della merce dimostrano che egli si impossessò di quel poco cibo per far fronte ad una immediata e imprescindibile esigenza di alimentarsi, agendo quindi in stato di necessità».

Ogni tanto la legge si spoglia della sua algida natura per vestirsi di un po' di calore umano.

sabato 30 aprile 2016

L'attimo un po' meno fuggente

Milano, via Mercanti

L'essenza della fotografia è catturare l'attimo magico e irripetibile che se ne vola via. Può essere una scena composita ma anche il guizzo di un'espressione che cristallizza il viso in un bel ritratto.

Qui però adoperando una posa lunga ho voluto far durare un po' di più quell'attimo. E le persone si sono trasformate in ombre sfuggenti e fuggenti dalla materia, fantasmi insomma.

Buona domenica.


Milano, la Casa degli Omenoni
QUI tutte foto del sabato.

venerdì 29 aprile 2016

Povera lingua italiana

In questi giorni la pagina pubblicitaria che vedete appare su vari quotidiani nazionali. La Vespa, da me sempre amata, malgrado il tremendo incidente che ebbi in sella ad essa nel 1995, compie settant'anni. E fa onore questo scooter conosciuto in tutto il mondo al genio italico.

Ora è mai possibile che questi screanzati pubblicitari disdegnino la nostra parola "compleanno" e adoperino l'inglese "birthday". Ma perché?

lunedì 25 aprile 2016

La mia malinconia di questo 25 aprile

Sono al paesello in questo 25 aprile del 2016 e mi viene un po' di melanconia. Penso ai tanti partigiani che cercarono di farmi rivivere nei loro ricordi quella lotta in armi che combatterono per affrancare il nostro Paese da vent'anni di dittatura fascista sfociata in una guerra disgraziata, come sono disgraziate tutte le guerre. Mi viene un po' di melanconia perché questi partigiani a uno a uno se ne sono andati quasi tutti e si fa la triste conta ogni anno a questa data. La malinconia mi viene anche davanti a questa lapide dove tra qualche ora andremo in corteo. Medito sulla sorte che nel presente hanno avuto gli ideali per cui quei nostri ragazzi sacrificarono la loro vita. E la malinconia scivola nell'amarezza.

Buon 25 aprile, malgrado tutto.

sabato 23 aprile 2016

La sartina del glicine

Milano, corso Garibaldi - Cortile interno del numero 44

Ma chi l'ha detto che le sartine non esistono più?

Buona domenica.


QUI tutte le foto del sabato.

giovedì 21 aprile 2016

Non ho niente contro i vegani ma...


Non ho niente contro i vegani, ci mancherebbe, ma ultimamente vedo che questa scelta di vita, perché di scelta di vita si tratta, sta diventando un po' una moda con tutta la superficialità che questo comporta. E c'è il facile rischio in questi casi di un ritorno famelico alla carne. Ne ho già visti, e in precedenza anche di vegetariani pentiti.

In questa moda i furbacchioni ci sguazzano. Qualcuno mi saprebbe dire per esempio cos'ha questo vino biologico in più per essere anche vegano?

A proposito. Io sono onnivoro, ma di carne ne mangio proprio poca.
Voi?

mercoledì 20 aprile 2016

Sguattere del Guatemala e figlie di papà

Dopo un'attenta e lunga ricerca il settimanale Di Più, noto per i raffinati approfondimenti culturali, nel numero in edicola mette in mostra "tre donne del Guatemala" a commentare l'infelice frase dell'ex ministro Guidi rivolta al suo fu fidanzato Gemelli, «Mi tratti come una sguattera del Guatemala».

Titolo in copertina "Le sguattere del Guatemala contro Guidi". Le tre sguattere sono: Marta Vasquez, badante a Cagliari, Zulmy Estrada, bambinaia a Firenze, Nicte Aquino, badante a Sassari. Inutile dire tutte e tre offese e indignate. Le signore rammentano alla "figlia di papà" che sono orgogliose del lavoro di sguattere che dà loro da vivere dignitosamente in Italia.

Chissà se "sguattera del Guatemala" entrerà nel gergo come è entrata "la casalinga di Voghera". Ho i miei dubbi.

sabato 16 aprile 2016

Viola dentro il verde

villa Erba lago di Como
Nel parco di villa Erba sul lago di Como

Non vi fa venire in mente niente questa forma?

Buona domenica.

Mi scrive un amico che mi legge sempre ma non si  fa mai vivo nei commenti, insomma un lurker duro e puro, se sto battendo la fiacca. Gli rispondo pubblicamente. No, non batto la fiacca ma sono molto impegnato in altre faccende. Tra poco avrò più tempo libero.



QUI tutte le foto del sabato.