Pagine

mercoledì 2 settembre 2015

L'aborto e il giubileo

Il papa, bontà sua, dà la potestà ai sacerdoti, per il periodo del giubileo,  di assolvere le donne colpevoli di aborto. In periodi normali tale potestà (non lo sapevo) ce l'hanno solo i vescovi.

E così se io uccido qualcuno e poi vado a confessarmi da un prete vengo assolto. Se una donna, con tutto il dramma che si porta dentro, va a confessare sempre dal prete un aborto viene rimandata al vescovo perché eventualmente provveda lui all'assoluzione.

Non ho parole.


sabato 29 agosto 2015

L'estate sta finendo


Liguria, alta val Nervia, Castel Vittorio e Pigna


Martedì sera assieme a Rita e Gianluigi, amici da una vita. Casa di campagna in mezzo a ulivi, fichi, ciliegi, susini, pini, peri e tutti gli arbusti odorosi della macchia mediterranea. Per raggiungerla, dopo aver percorso in macchina una strada precaria di sterrato e cemento ci si avvia per un sentiero in saliscendi e finalmente si arriva. Ma quando si arriva da lì si vede quello che vedete anche voi. E il cuore ti si apre perché è la mia terra, una parte della mia terra in alto.

Cena. Eravamo in otto, in questa casa antica con tutta una sua storia che abbiamo seguito con grande interesse mentre Gianluigi ce la raccontava. Cena, di cui dirò solo un piatto che avevo sempre sentito nominare e che non avevo mai mangiato: il cappon magro. Bravissima Rita, che si è meritata l'applauso di tutta l'allegra brigata. Piatto anche coreografico che mi dispiace un po' non aver fotografato. Ma, ne sono sicuro, ci sarà un'altra occasione. E allora quelle magnifiche verdure le faremo risaltare sotto i riflettori.

Sono rimasto volontariamente quasi un mese senza accedere alla rete e non ne ho sentito la mancanza. Evviva.

Intanto sono ritornato a Milano.

L'estate sta finendo.

l'anno scorso era finita tra le nebbie
nel 2013 era finita tra i reggiseni
nel 2012 era finita  nelle riflessioni
nel 2011 era finita con una bella gita a Triora
nel 2010 era finita in una villa d'epoca in riva al mare
nel 2009 era finita con una gonna particolare
nel 2008 era finita con una grande cena collettiva a Grimaldi
nel 2007 era finita con un fantastico picnic

Buon fine settimana.


QUI tutte le foto del sabato 

sabato 1 agosto 2015

Buone vacanze


Isolabona (IM). Foto scattata nel luglio del 2001. E adesso il bambino è un giovanottone.

Buone vacanze.

Mi piange il cuore a pensare come questa fontana costruita dai nostri antenati nel 1486 sia stata rovinata da uno scellerato restauro nella seconda metà degli anni Novanta sotto la supervisione di quegli incapaci della sovrintendenza. Mi piacerebbe averli davanti questi burocrati che saprei io cosa dir loro. Anche perché allora avevo scritto una lettera aperta a loro indirizzata, ma nel costume solito degli scaricabarile non si erano degnati di una benché minima risposta.


martedì 28 luglio 2015

Donne con le ali: il coraggio è femmina

Donne con le ali: il coraggio è femminaDi rimpianti per fortuna ne ho pochi. Tra questi uno ogni tanto mi ritorna. E mi è ritornato quando ho ricevuto da Gian Paolo e poi da Annamaria questa locandina da diffondere.

Facevo allora la seconda liceo classico e per i maschi, solo per i maschi, era venuta un'occasione unica. Tramite l'Aeronautica Militare si sarebbe potuto prendere il brevetto di pilota privato, che sarebbe il primo grado, completamente gratis. E così quell'estate partimmo da Ventimiglia per Gorizia, dove c'era un piccolo aeroporto militare a ridosso del confine con la Jugoslavia costituito da un'unica pista di erba. Furono dapprima estenuanti lezioni teoriche in aula, dal principio di Bernoulli a tutto il resto. E poi finalmente si prese il volo. Erano piccoli velivoli, i cosiddetti Macchini, MB.308, due posti affiancati, tu e l'istruttore. Comandi essenziali: acceleratore, volantino, pedaliera, flap. Il primo volo per vedere le tue reazioni. Picchiate, cabrate, virate, molto robuste. E all'atterraggio ero un po' disorientato a vedere la pista. Ma l'esame era superato.

Facemmo parecchie altre ore di volo, non mi ricordo quante, e ritornammo a casa. L'anno successivo saremmo dovuti ritornare, altre ore di volo per  perfezionarci, e poi il brevetto. Ma la compagnia si sciolse e quella bellissima esperienza non ebbe seguito.

Chissà se oltre ai maschi quella possibilità fosse stata estesa anche alle nostre compagne del liceo sarebbe finita così, in niente. Chissà.

Ecco il tipo di aereo che mi battezzò per il volo
mb.308



sabato 25 luglio 2015

Barchette di carta

barchette di carta

Milano, Alzaia Naviglio Grande

Alzi la mano chi non non ne ha mai fatto di queste barchette di carta.  E alzi la mano chi è ancora capace a farle.

Buon fine settimana da una Milano leggermente rinfrescata da un temporale notturno.



QUI tutte le foto del sabato.

sabato 18 luglio 2015

Ciao Lea

leandra scappaticci

Ti sei battuta come una leonessa tra Roma e Parigi, ma alla fine il male ha vinto e ti ha portato via. Di anni ne avevi solo 41.

Questo pomeriggio alle 15.30, sull'isola di Lerins, nella Cappella della Trinità, alla presenza dei monaci e di tutti gli amici avranno luogo le esequie. Le ceneri, com'era tuo desiderio, saranno poi sparse nel tuo amato Mediterraneo.

Tanti ti ricordano per le tue eccezionali doti di ricercatrice appassionata nel campo della paleografia, soprattutto sui manoscritti di musica antica.

A me piace ricordarti anche per le grandi risate che ci siamo fatti assieme sulle nostre folli fantasticherie. Come quella, una fra le altre, di travestirci da una ricca coppia di americani per poter entrare in una villa storica sul mare in vendita, in maniera che tu potessi dare un'occhiata alla biblioteca ricca di antichi volumi di cui si favoleggiava, che per te erano come il pane.

Ciao Lea e un grande abbraccio forte al tuo Louis.


mercoledì 15 luglio 2015

2.218.200.000.000

Il debito pubblico italiano è arrivato a maggio alla bella cifra di duemiladuecentodiciottomiliardiduecentomilioni come ha reso noto Bankitalia.

Quando aveva superato la fatidica cifra di 2.000.000 000.000 avevo scritto (scusate l'autocitazione)
Ieri la Banca d'Italia ha reso noto che nel mese di ottobre il debito dello Stato italiano ha superato la cifra del titolo. Due milioni di milioni ovverosia duemila miliardi di euro. Il numero è così grosso  che si rischia di perdercisi dentro.

Io sono convinto che questo debito non verrà onorato. Mai più. Se qualcuno invece pensa di sì dica come. Riscrivo la cifra, 2.000.000.000.000 di euro.
Questa convinzione è sempre più forte. Ma si andrà avanti così all'infinito?

sabato 11 luglio 2015

Gli spogliarelli all'Expo


Dopo una settimana passata al solleone di Liguria sono ritornato nella canicola milanese. Che è un po' cadere dalla padella nella brace. Ma siamo a luglio perdìo, di cosa ci dobbiamo lamentare?

Ed ecco che vicino casa nel frattempo si danno da fare. Ora gli addii al celibato è risaputo cosa sono. Invece qualcuno mi dovrebbe spiegare in che cosa consistano le "promozioni expo 2015". Forse delle ragazze allegre che buttano per aria i loro reggiseni per propagandare qualche prodotto? Magari telefono per sapere. Ma voi cosa vi immaginate?