Pagine

sabato 16 giugno 2018

Campane campanili e campanari


Abito proprio di fronte a questa antica chiesa e devo dire che il suono delle campane non mi dispiace. Forse è giusta la tonalità che le mie orecchie gradiscono. Però mercoledì scorso, verso le undici e mezzo, ho sentito uno scampanio prolungato e diverso dal solito, a più riprese. Fuori orario e fuori regola. E così sono uscito per vedere cosa mai succedesse e mi sono trovato davanti questo furgone. Intanto le campane si erano calmate e poco dopo è apparso un giovanotto simpatico che, inutile dirlo, è risultato essere il proprietario del furgone e l'autore del suddetto scampanio.

Era il tecnico che stava facendo il giro delle chiese per controllare se i meccanismi che fanno suonare le campane fossero in ordine. E già, perché di campanari ormai ne son rimasti ben pochi e i din don non vengono più generati da mani o piedi ma da impulsi elettrici. Abbiamo parlato di fusioni, di leghe, di tonalità e naturalmente di campanari.

Ora dovete sapere che un  po' di anni fa mi era presa la smania di fotografare tutti i campanili dell'estremo Ponente ligure e così assieme a Gian Paolo (ciao Gian Paolo) girammo per colli e valli. La galleria di foto è QUI. Avemmo anche la fortuna di incocciare in due singolari campanari. Ne pubblico le foto sotto.

Buona domenica.








Gianluca Ozenda sul campanile di Glori, frazione di Molini di Triora. Campanaro e autore di uno studio documentatissimo su tutte le campane e i campanili della valle Argentina.



Il campanaro Bernard Duval detto "Bernà da caranca" di Saorge (in italiano Saorgio) nella val Roja. Saorge è un paesino che passò alla Francia nel 1860 con la cessione della Savoia e di Nizza


QUI tutte le foto del sabato (240 post).

27 commenti:

  1. Anche io gradisco il suono delle campane e, ovunque io sia in Italia, quando sento delle campane, anche in lontananza mi sento a casa.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Mr.Loto
      Forse è perché abbiamo cominciato a sentirle da piccoli.

      Elimina
  2. Buongiorno Alberto,
    Saorgio diventa francese nel 1860 insieme a Nizza; sono Tenda e Briga Marittima che dopo la seconda guerra mondiale passano alla Francia. Salutoni dalle Alpi del Mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @robybasso65
      Chiedo scusa per lo strafalcione. Grazie per avermelo fatto notare. Vado a correggere.

      Elimina
    2. Figurati. Ti seguo da tempo e i tuoi post e foto sono un appuntamento fisso del sabato visto che alcuni luoghi ed idee che citi sono in comune.
      Buona domenica.

      Elimina
  3. A me piace il suono delle campane, mi ricorda che ogni ora è speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sara
      Però le campane vere. Qui vicino c'è una chiesa moderna che al posto delle campane ha degli altoparlanti. Quando "suonano" fanno quasi pena.

      Elimina
    2. Ecco appunto le campane vere sono un conto le "muine" di campana non si possono sentire

      Elimina
  4. Forse le campane risvegliano in noi qualcosa di antico. Infatti a Genova, nel quartiere dove abitavo da bammbino, ho sempre il ricordo delle campane come qualcosa di bello e vivo.
    Un salutone e alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @accadebis
      È senz'altro questo, il ricordo.

      Elimina
  5. Anche quello triangolare, al risparmio, di San Bartolomeo a Latte (mio borgo natio); bello San Mauro a Mortola con i riflessi del mare sul retro! Tanti, tantissimi i mestieri che spariscono, di nuovi?? ben pochi. Chissà quale futuro! Ciao Alberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Marco
      Curiosi questi campanili a base triangolare. Nella galleria di foto ce n'è uno così, quello di Perallo (fraz. di Molini di Triora) e ce n'è uno a Camporosso. Dici che era per risparmiare?

      Elimina
  6. Risposte
    1. @Mia Euridice
      Magia per magia mi piacerebbe vedere la fusione di una campana.

      Elimina
  7. capisco il tuo amore per i rintocchi delle campane e lo condivido, ma mi chiedo: perché andare a fare i controlli a quell'ora di notte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sabina
      Volevo scrivere le undici e mezzo "del mattino" ma visto che ho pubblicato la foto del furgone, dove è chiaro che siamo di giorno, speravo si capisse e così ho lasciato perdere.

      Elimina
  8. Bello il suono "live" delle campane, concordo! Una volta abbiamo fatto una visita al campanile del duomo qui a Bologna, che era straordinariamente aperto di sera, ed è stato molto interessante per racconti e spiegazioni, ma anche un filo angosciante per la lapide di un giovane campanaro morto per non aver schivato il ritorno della campana..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. #Cri
      Incredibile. Mi viene da dire, il destino.

      Elimina
  9. Bello il suono delle campane, l'unico che non mi piace è quello della chiesa avanti al mio ufficio che suona per 20 minuti di seguito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ernest
      Il troppo stroppia. Sempre.

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. m'hai fatto ricordare quand'ero bambino e, in occasione di festività e cerimonie liturgiche, arrivavano i campanari e eseguivano un concerto che durava alcune decine di minuti. buon giorno

    RispondiElimina
  12. @antonypoe
    Quello che si dice, o si diceva, campane a festa.

    RispondiElimina
  13. e la festa proseguiva col pranzo.
    buon giorno

    RispondiElimina
  14. Sono molto belli i campanili, anche io da piccola abitavo in una piazza con una chiesa e un campanile, e mi ricordo che chi le suonava era il campanaro e invece adesso sono elettroniche, non hanno più quel fascino, mihelaencuisine

    RispondiElimina
  15. Gian Paolo25/6/18 22:58

    Ciao Alberto!
    Rispondo ora, con qualche giorno di ritardo, al tuo saluto.Nel frattempo ho avuto modo di esporti il motivo del ritardo.

    RispondiElimina
  16. Adoro il suono di certe campane.
    Mi riportano, ogni volta, all'amato paesino del Trentino e alla nonna materna.

    RispondiElimina