Pagine

venerdì 27 gennaio 2017

Oggi Giorno della memoria: Milano, le "Pietre d'Inciampo"

Pietre d'inciampo, Liliana Segre
«Quando tornai dal lager per prima cosa venni qui. Nessuno mi riconobbe all’inizio. Il portinaio mi scambiò per una questuante. Poi, dissi chi ero e scesero tutti gli inquilini. Avevo quattordici anni, ma ero vecchia. Avevo visto il peggio del mondo».
Liliana Segre (nella foto) oggi ha 86 anni ed è tornata in corso Magenta 55, nella casa dove abitò prima di essere arrestata con il padre Alberto, incarcerata a San Vittore e poi deportata in Germania, in un campo di sterminio. Ha assistito alla posa della «Pietra d’Inciampo», un sampietrino ricoperto d’ottone in memoria di suo padre, nel marciapiedi, davanti al portone del palazzo, da parte dell’artista tedesco Gunter Demnig, che poi si è spostato in altre vie dove abitarono altri cinque deportati. Oggi di queste pietre se ne contano più di 56.000 sparse per tutta l'Europa.

Alberto Segre corso Magenta 55
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo


Dante Coen via Plinio 20
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo
Adele Basevi Lombroso via Vespri Siciliani 71
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo

Melchiorre De Giuli via Milazzo 4
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo
Giuseppe Lenzi via Spontini 8
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo
Gianluigi Banfi via Dei Chiostri 2
Pietre d'Inciampo
Pietre d'Inciampo
***
- Milano, vandali contro le pietre d'inciampo. Ornella Coen: "Oltraggiata la memoria di mio padre"
- Milano, una catena umana per difendere le pietre d'inciampo: "Nessuno tocchi la Memoria"
***

QUI tutti i post sul giorno della memoria.

8 commenti:

  1. Esistono ancora i negazionisti. Speriamo in una pietra d'Inciampo anche sulla loro strada buia...

    RispondiElimina
  2. ciao Alberto oggi i nostri due post somigliano te lo passo http://arpaeolica.blogspot.it/2017/01/giornata-della-memoria-e-pietre.html

    RispondiElimina
  3. Grazie per questa meritevole testimonianza, in un mondo che lascia pietrificati per quel cocktail di indifferenza, superficialità, demagogia e cattiveria che sta per rendere possibile il ritorno dell'orrore.

    RispondiElimina
  4. sono inciampata anch'io a Merano su alcune di queste pietre e l'ho trovata una splendida iniziativa

    RispondiElimina
  5. le pietre d'inciampo sono uno splendore dell'Uomo e capisco come certi barbari non riescano a tollerare la loro presenza, come vermi accecati dalla luce (senza offesa per i vermi)
    massimolegnani (orearovescio.wp)

    RispondiElimina
  6. Non sapevo di questa iniziativa , massima dimostrazione dell'importanza del 'non dimenticare'.
    Grazie di averlo raccontato ad un'ignorante come me.
    Cristiana

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questa lodevole iniziativa, mi auguro, che queste pietre, possano intralciare il cammino di troppi predicatori dell'odio.

    RispondiElimina
  8. Nemmeno io le conoscevo, forse non mi è capitato mai di incontrarne una, o forse dovrei fare più attenzione..

    RispondiElimina