Pagine

sabato 7 aprile 2018

Franetta vicino alla mia casetta


Non ci han lasciati palazzi i nostri padri, non han pensato alle chiese, non ci han lasciata la gloria delle architetture composte: hanno tenacemente, hanno faticosamente, hanno religiosamente costruito dei muri, dei muri a secco come templi ciclopici, dei muri ferrigni a migliaia, dal mare fin in su alla montagna! Muri e terrazze.
Giovanni Boine

Ogni tanto purtroppo, dopo piogge prolungate, questi muretti di Liguria cedono e si aprono piccole frane che nel nostro dialetto chiamiamo sbuie. Come questa,  proprio vicino alla mia casetta di cui ho già parlato varie volte.

Mi sono un po' informato e mi hanno detto che ci sono due curdi che rifanno questi muretti a regola d'arte e sono anche onesti nei prezzi. Li contatterò senz'altro.

Buona domenica.


QUI tutte le foto del sabato (280 post).

22 commenti:

  1. È un'arte quella dei muretti a secco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sara
      Ogni pietra deve essere messa al posto giusto.

      Elimina
  2. Per un attimo ho pensato che la tua casettina fosse quella lì gialla di legno vicino alla frana e ho pensato "ma pensa te Alberto è un'ape e non l'ho mai capito"

    p.s.: chiama i curdi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Angelo
      Tutto un mondo quello delle api. E noi maschi non ci facciamo una bella figura.

      Elimina
  3. Una domenica, a pranzo dai miei, quando ancora esistevano i miei e i pranzi della domenica, ho visto su linea verde un servizio su un gruppo di ragazzi che sono andati ad imparare da un anziano l'arte del muro a secco ed ora fanno quello di mestiere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @amanda
      È un'arte e ognuno, chi ne è capace, ha il suo stile.

      Elimina
  4. Chiama chi te pare, ma fatti mettere in sicurezza... la natura non guarda in faccia a nessuno quando viene sfrucugliata...

    RispondiElimina
  5. Anche a me ha fatto impressione l'arnia in primo piano :D Bravo, dai da lavorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Cri
      In questi giorni piove e io sono ritornato a Milano ma appena ridiscendo si risistema il muretto.

      Elimina
  6. Gian Paolo8/4/18 19:08

    Caro Alberto, è un miracolo che queste piramidi sulle quali sorgono i nostri borghi: Casté, Triora, ecc. stiano ancora in piedi. Non ti pare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Gian Paolo
      Però i muri delle case dei nostri paesi non sono paragonabili ai muretti a secco. E anche le fondamenta sono altre.

      Elimina
  7. Da Ligure capisco tante cose. Ormai, da un po' di anni, quando torno in Liguria ho l'impressione che tutto si stia letteralmente sbriciolando sotto i nostri piedi. Troppo secco o troppa acqua quando piove. I muretti a secco, come dicevano sopra, sono una vera e propria arte che ormai pochi sanno fare. Bravo che hai messo la bandiera Pace
    Auguroni e alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @accadebis
      Francesco Biamonti, che fu mio amico. era molto pessimista riguardo al futuro della nostra terra tutta terrazze.

      Elimina
  8. Fare le šbùire (a Soldano le chiamiamo così) cadute in inverno era uno dei lavori dell'estate, sapessi quante ne ho fatte con mio padre, la più impegnativa è stata questa dove insieme al muro era franato il condotto della sorgente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Fausto
      Oh, non lo sapevo che avessi fatto le sbuie, noi senza la erre. Certa che questa mia rispetto alla tua e un'inezia.

      Elimina
    2. Fare le šbùire è un'arte ma ti consiglierei di aspettare l'estate quando la terra è secca. Per prima cosa bisogna sernira cioè togliere le pietre dalla terra separandole per misura (grosse / medie / piccole šcaie), poi alzare tutta la terra che è caduta nella fascia di sopra, poi preparare le fondamenta (söia) facendole inclinate verso l'interno della fascia poi si comincia a fare il muro mettendo le pietre più grosse. Il profilo del muro non deve essere diritto (ancorché inclinato verso la fascia che sta sopra) ma deve avere una specie di "pancia" al contrario ... comunque dalle foto vedo che anche il resto del muro prima e dopo la šbùira non se la passa bene, il problema è l'acqua, quando piove bisognerebbe andare a vedere dove passa l'acqua e fare dei solchi per convogliarla nelle riane a volte basterebbe una zappa per evitare una frana.

      Elimina
    3. @Fausto
      Grazie mille per tutte le dritte.

      Elimina
  9. Anche sulle colline emiliane si stanno verificando smottamenti e frane perchè è piovuto troppo e violentemente. Nelle stagioni di mezzo, qui, si verificano spesso inconvenienti del genere e credo che questo faccia parte dei rischi naturali. Certo che quando avvengono così vicino casa... brrr...
    Gran bella casetta questa tua con la pace fiorita sul muro. Ricorda i disegni dei bambini, quasi la mia, seppure in città, di quando ero una bimbetta. Pane e marmellata, giochi all'aria aperta, pochi pericoli e l'aria giusta per far ridere i polmoni.
    Buona giornata e buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sari
      Siamo per la pace ma soffiano venti di guerra.

      Elimina
  10. i muretti a secco della mia Liguria, uno spettacolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ernest
      Sono le cattedrali della nostra terra.

      Elimina