Pagine

mercoledì 27 gennaio 2021

Oggi Giorno della Memoria


 

Nella storia umana nessun fatto è paragonabile a quell'immane tragedia che fu l'olocausto. E ogni anno, il 27 gennaio, giorno in cui nel 1945 le truppe dell'Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, si celebra il Giorno della Memoria. Sono  sempre meno i sopravvissuti allo sterminio, a raccontare dalla loro carne viva quello che videro e subirono.
C'è a mio parere il rischio che la memoria con il passare del tempo diventi asettica e le celebrazioni retoriche.

Penso che per tenere accesa, sempre, questa memoria, dobbiamo rivolgere lo sguardo agli attuali lager che abbiamo alle porte di casa. E come minimo vergognarci.



 

QUI tutti i post sul Giorno della Memoria (13).

14 commenti:

  1. Come non essere d'accordo con te. Le celebrazioni, tutte indistintamente, sono retoriche e talvolta un'occasione per nascondere la nostra cattiva coscienza.

    RispondiElimina
  2. Non dobbiamo mai dimenticare e parlarne con i giovani.

    RispondiElimina
  3. Ho avuto uno zio che è stato in campo di concentramento e per tutta la vita si è portato dietro ricordi terrificanti. Che non accada mai più.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Tenere accesa la memoria e allenare i sensi per vedere quei segni che portarono all'orrendo sterminio è indispensabile alla futura salvezza.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione. Troppa retorica in queste celebrazioni identiche e fini a se stesse.
    Tanto si potrebbe fare per ricordare davvero le vittime, ogni giorno, e invece chi ci governa continua a commettere sempre gli stessi errori.
    E noi li lasciamo fare.

    RispondiElimina
  6. Tenere accesa la memoria e allenarla a non addormentarsi su sé stessa. Addormentarsi chiudendo gli occhi rischia di non farci più vedere come stavano le cose, allora, e come stanno le cose oggi.
    Un salutone

    RispondiElimina
  7. Troppa indiferenza di fronte a tanti segnali che ci arrivano: I branchi di minorenni che aggrediscono vigliaccamente persone innocenti sono forse diversi dalle Camice Brune agli albori del nazismo, i profughi lasciati annegare o morire assiderati nei balcani, i nostri fanciulli innocenti che si suicidano per seguire una moda, non sono urgenti segnali di allarme? E mi chiedo in prima persona, perché anch'io giro la testa dall'altra parte?

    RispondiElimina
  8. Basta dare un'occhiata ai campi profughi.
    Ma le celebrazioni vanno fatte, affinché il ricordo non si volatilizzi. Che ci sono persone indegne che non aspettano altro.

    RispondiElimina
  9. Credo che le commemorazioni su quest'argomento non saranno mai abbastanza: gli ebrei perseguitati subirono una politica sistematica di annientamento da parte dello Stato italiano.

    RispondiElimina
  10. il problema è che quel seme non è mai sparito...

    RispondiElimina
  11. Dobbiamo sempre ricordare, perché non accada mai più,specialmente noi italici popolo di poca memoria.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina