Pagine

mercoledì 18 aprile 2012

D'Alema e gli altri onorevoli fannulloni

parlamentari assenteisti

Lunedì Silvia Cerami ha pubblicato sul sito dell'"Espresso" un pezzo dal titolo "I 'big' onorevoli fannulloni"

Inizia così
"Da quando non è più premier, Berlusconi diserta la Camera. D'Alema non ha mai presentato nemmeno un atto da inizio legislatura (record mondiale). Tremonti ha il due per cento di presenze, Alfano salta nove sedute su dieci, La Russa va a votare sette volte su cento. Ma prendono tutti lo stipendio (pieno) di parlamentare."
Andate all'articolo che ne vale la pena.

Allora D'Alema incazzato ha ordinato alla sua addetta stampa di chiarire e spiegare. E ha chiarito e spiegato: che il suo capo ha diritto a essere poco presente in aula in quanto dirigente di partito, che quindi fa politica attraverso mille altri modi: visite nelle città, presenze a convegni, iniziative pubbliche e così via.

Eh no. Un parlamentare la politica dovrebbe farla in parlamento, proprio per questo viene eletto, e se vuole farla in altri modi che non gli danno il tempo di sedersi sugli scranni di quell'aula lo stipendio glielo paghi il suo partito che gia riceve per questo indecenti "rimborsi elettorali".

Di insofferenza in insofferenza, di indignazione in indignazione, arrivare all'odio da bufali il passo sarà breve. Non succederà la rivoluzione, ma allora per un politico riconosciuto per strada saranno cazzi.

44 commenti:

  1. Proprio vero quello che hai scritto...per un politico riconosciuto per strada saranno cazzi!!!
    Perchè non farli lavorare, questi pelandroni contaballe???
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Per questo girano con la scorta pagata da Pantalone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non ci avevo pensato.

      Un nickname più pronunciabile no?

      Elimina
  3. Per il momento i cazzi amari sono per noi....

    RispondiElimina
  4. Hanno trasformato i partiti, cioè libere aggregazioni sulla base di alcuni ideali, in aziende, cioè in organizzazioni del consenso.
    Fai benissimo tu, ponendoti nello loro stessa ottica aziendalistica a pretendere che lo stipendio da parlamentare abbia un corrispettivo di attività parlamentare da parte di quello stesso soggetto.
    Ma anche D'Alema tiene famiglia, non ha la sua associazione che costa un mare di soldi? Chi gliela paga?
    Vediamo, sponsors che nessuno può ragionevolmente considerare generosi mecenati e che il loro sporco interesse ce lo devono avere, oppure paga il contribuente garantendogli un agiato mantenimento e magari tramite qualche anfratto nei cosiddetti rimborsi elettorali si riesce a fare arrivare qualcosa, Rutelli l'ha ammesso esplicitamente riguardo ai fondi dell'ex-margherita, quelli di Lusi per intenderci.

    RispondiElimina
  5. Alba Sismondini18/4/12 15:32

    Leggo sull'articolo
    "Ghedini e Verdini. A gennaio sono apparsi una volta su 86 votazioni, da febbraio Ghedini poi non ha più varcato la porta di Montecitorio e Verdini ha concesso la sua presenza per tre votazioni su 317."

    RispondiElimina
  6. Il rimedio sarebbe elementare, approvare una legge secondo cui un deputato o un senatore che si assenti per un certo numero di giorni, fatte salve cause di forza maggiore, decade dall'incarico.

    Ma a parte che le leggi le fa il Parlamento e quindi dovrebbe emendare se stesso, visti i risultati forse conviene pagarli per stare a casa. Il che pone l'irrisolvibile quesito "se questo sistema (la democrazia parlamentare) non funziona, che altra forma di governo ci diamo?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "... un deputato o un senatore che si assenti per un certo numero di giorni..."
      Volevo dirlo anch'io. Ma salvo casi eccezionali nessuno si autocastra.

      Elimina
    2. Alberto, se io e te ci troviamo con degli amici per una partita scapoli e ammogliati per prima cosa ci dobbiamo accordare sulle regole, cioè che gioco vogliamo giocare.

      Il fatto è che gli Italiani hanno fatto del non riconoscere o dell'aggirare le regole un'arte e un vanto.

      Siamo la nazione dove quando hanno reso obbligatorie le cinture di sicurezza hanno stampato le magliette con la cintura disegnata sopra.

      Non è che nessuno si autocastra, è che nessuno vede la necessità di porsi delle regole e ancora meno di rispettarle.

      Ironicamente, per primi coloro che hanno il compito di legiferare.

      Elimina
    3. E tornando all'esempio della partita, pronuncerò in via del tutto eccezionale il nome del maligno: Juventus.

      Elimina
  7. si ma è stato sempre così...oggi ci incazziamo perchè soffia il vento dell'antipolitica....ma poi andiamo tutti a votare....

    RispondiElimina
  8. Cirano, io sono molti anni che non voto, non ricordo esattamente ma almeno quindici. Non voto perché da una parte è assolutamente inutile e anche se avesse un senso, non ci sono candidati che mi possano rappresentare. D'altra parte non voglio essere parte del meccanismo e l'unico modo che ho per esprimere apertamente il mio dissenso è quello di non presentarmi alle urne.

    Rimane il problema della democrazia.

    RispondiElimina
  9. Pare che il primo partito italiano in caso di elezioni immediate sia l'astensionismo che ha raggiunto quota 49,9% - credo che sia un segnale preoccupante per i perdigiorno da noi pagati - meditate gentaglia, meditate o a casa vi ritrovate! ciao

    RispondiElimina
  10. Pare che il primo partito italiano in caso di elezioni immediate sia l'astensionismo che ha raggiunto quota 49,9% - credo che sia un segnale preoccupante per i perdigiorno da noi pagati - meditate gentaglia, meditate o a casa vi ritrovate! ciao

    RispondiElimina
  11. A Berlusca hanno tirato addosso il duomo (in miniatura purtroppo) già quando l'insofferenza non era così diffusa. Mi domando quanto ci voglia, ora che la gente comincia ad avere i coglioni pieni di tutti i politici in generale, perchè cominci ad alzare le mani veramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente chi?
      Per uno che tira i sassi (cosa per altro esecrabile) ce ne sono altri che farebbero le carte false per baciargli la mano. O baciarla a qualcun altro. Tra le altre caratteristiche nazionali, siamo un popolo di servi. Scaltri senz'altro ma comunque servi.

      Elimina
  12. Hai ragione! E poi, voglio proprio vederecosa fa D'Alema, non mi basta sentirlo dire! Idem per gli altri!

    RispondiElimina
  13. Sono completamente in linea con te. Un parlamentare deve fare il parlamentare e non so se alcuni chiedano a qualche collega, come succede qui in Francia, di firmare al loro posto, così non perdono il gettone di presenza, anche se vanno al supermercato con la moglie o l'amante. Forse con quest'ultima vanno da qualche altra parte. Nei filmati dei dibattiti l'Assemblea ed il Senato sono a 3/4 vuoti.
    E' una vergogna europea ormai. Per quanto riguarda i Cardinali, credo che se la passino molto bene aspettando eventualmente di essere eletti Papa. Ciao ed a presto.

    RispondiElimina
  14. Adesso su La7 alla trasmissione di Sabina Guzzanti Erri De Luca "Questa classe politica verrà spazzata via per raggiunti limiti di indegnità".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stiamo seguendo lo stesso programma, Don Gallo e Erri De Luca...

      Don Gallo sta dicendo che ha tolto il saluto a Veltroni fino a quando non va in Africa ;-))

      Spero se ne porti dietro parecchi ;-))

      Elimina
    2. Don Gallo va forte. In questi giorni ho fotografato una serranda qui a Milano al Ticinese dove era raffigurato.

      Elimina
    3. Pubblicala ;-))

      Mi sono scontrata con una che della fede ne ha fatto una questione di principio, niente di meglio che mostrare un Don Gallo che dichiara:

      L'odierna politica è democrazia e lottizzazione...;-))

      Elimina
    4. ho seguito un po' anch'io la trasmissione che non mi perdo mai, fino a quando il segnale non è saltato (parlano di beauty contest e in italia il digitale ancora non è ovunque così come l'adsl..): hanno anche detto una cosa importante, e cioè che i partiti politici dovrebbero essere gestiti da chi fa volontariato... ma la vedo dura, di sicuro scoppia qualcosa prima secondo me.
      gli scandali di questi giorni, dalla margherita alla lega ecc. secondo me sono guerre tra bande non ci credo che stiamo facendo pulizia come dicono.
      riguardo a chi non va in aula: bisognerebbe incazzarsi anche quando sta gente invade le trasmissioni in tv, visto che pure lì sono pagati!!

      Elimina
  15. L'avevo letto.

    Come cocludi si, saranno cazzi ... acidi.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. cazzi e controcazzi ,mi piacerebbe essere presente per eventualmente dare una mano ( a cazziare )
    Senza occhiali scrivo commenti che poi debbo eliminare,ciao Alberto sei riuscito a farmi reagire. Don Gallo, io gli voglio bene, e anche a Erri,

    RispondiElimina
  18. Rosi Mauro ha detto che si candiderà nel movimento 5 stelle. e io adesso come dormo?

    RispondiElimina
  19. e speriamo che ci si imbufalisca presto e sul serio, ragionando di politica e non solo vomitando rabbia, chiacchiere e poco altro. In Italia se parli seriamente di politica non ti ascolta nessuno, ecco perché hanno spazio questi miserabili perché da noi si preferisce parlare di ...altro!

    RispondiElimina
  20. Ma nel frattempo le gatte da pelare sono soprattutto del popolo...

    RispondiElimina
  21. il problema è che così fomentano proprio quell'antipolitica che è il male maggiore del momento

    RispondiElimina
  22. Hai ragione, è una situazione che si può infuocare da un momento all'altro!

    RispondiElimina
  23. piero testi19/4/12 11:03

    Ormai i partiti sono associazioni a delinquere, più rubano e più sono considerati, parla bene Napolitano che sono necessari, ma necessari a chi? Se non a loro stessi e alle loro famiglie, con i soldi che rubano alle persone oneste che si fidano a dargli il voto, fanno stare sulla bambagia i loro congiunti per generazioni.

    RispondiElimina
  24. ecco io toglierei proprio la parole onorevoli...

    RispondiElimina
  25. Ad iniziare dalla triade alfabetica e seguitando con tutti i mercato-politicanti che siedono nei palazzi dove non dovrebbero stare, stanno cercando di anestetizzare anche i cittadini di questo strano paese che è il nostro i quali sembra che seguano il loro esempio: sonnecchiando invece di ribellarsi.

    RispondiElimina
  26. Che vergogna !!!!!!!!!
    Il baffetto poi ha anche il coraggio di prendere in giro Grillo paragonandolo ad un mix Bossi-Gabibbo. Che pagliaccio.
    Spero nn ti dispiaccia se metto ilo tuo post sul mio blog.
    Grazie, ciao

    RispondiElimina
  27. ...di insofferenza in insofferenza, di indignazione in indignazione.... passeranno ancora dgli anni!! Molti.

    Ciao Alberto e buon pomeriggio. Non credo, come te, nella rivoluzione, almeno quella a suon di barricate. Neanche, purtroppo, nell'indignazione collettiva! A meno che, noi 10-100-1000 bloggers o magari anche tutta la rete, non siamo tutta la collettività. No, non lo siamo! La così detta collettività, ha mandato giù talmente tanti "rospi" fino ad oggi che, in attesa del trapasso, prima la faranno beata e poi santa. Si, hai letto bene: prima del trapasso e non dopo! Almeno questo premio, lo voglio concedere alla "collettività".

    Però, se siamo fortunati, un principio di rivoluzione, per giunta democratica perché fatta nelle cabine elettorali, potremmo vederla. C'è un Movimento che sta diventando il terrore dei signori da te citati ma non solo! Qualcosa di nuovo che nasce dalla rete, coinvolge tutti e, soprattutto, promette di congedare, con disonore, questi signori. E' composto prevalentemente da giovani, poco esperti... soprattutto di intrallazzi, imbrogli e latrocini! Addirittura, incensurati!

    Se così fosse, non mi dispiacerebbe perché di attendere "la sinistra" per fare una rivoluzione mi sono stancato!

    RispondiElimina
  28. Maistretu19/4/12 20:08

    voglio solo ricordare che questo Parlamento è nato dalla lotta di Liberazione. chi risiede in quell'aula ha il dovere di essere degno rappresentante di quei giovani che con il loro sangue e le loro sofferenze ne scrissero le parole e le pagine più belle.
    questi politici vanno cacciati con le buone o con le cattive! la storia non è finita il mondo non è lo spread non è la democrazia della finanza e ne la competività a scapito della qualità e dei bisogni della gente.
    Calamadrei lo disse ai giovani universitari a Milano nel 1955 "le parole della nostra Costituzione sono state scritte con il sangue dei Partigiani" e da li dobbiamo ripartire.
    Maistretu

    RispondiElimina
  29. Onorevoli? Ma, scusa, in che cosa di grazia dimostrerebbero di essere degni d'onore questi individui?

    RispondiElimina
  30. finiremo le parole.
    finiranno le parole.
    e molte colpe dell'aver avuto berlusconi grazie anche a come sono stati spero ricadano pesantemente anche su di loro.
    ci sarà un nuovo 25 aprile e loro non saranno lì a festeggiare

    RispondiElimina
  31. Magari fossero cazzi, magari. Come sarebbe bello se lo fossero.

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.