Pagine

martedì 10 aprile 2012

Lassù...


La fata che mi ha stregato abita qui


Da lassù il mare si vede così


Lassù il tempo è sospeso


Lei, la fata che mi ha stregato e che immagina meravigliosi mondi per bambini che poi dipinge, si è appena fatta tatuare questa farfalla. La disegnò il grande Antonio Rubino che queste terre aveva nel cuore.

Lassù è tutto un altro mondo da quaggiù.

24 commenti:

  1. Ah, il mare... mi manca, ne ho una gran voglia.

    P.S. la casa sembra di panpepato

    RispondiElimina
  2. Per me che queste terre mi sono entrate nel cuore in modo indelebile, mi provocano forti emozioni ogni volta che le guardo dall'alto! Uno spettacolo unico sospeso tra il cielo, la terra e il mare.
    Roberta.

    RispondiElimina
  3. Sembra una case delle favole! Deliziosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti vedere dentro. Si passa da una favola a un'altra.

      Elimina
  4. Perdona la curiosità: in che senso ti ha stregato?
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che mi ha incantato.

      Elimina
  5. La strega si sposta sempre più in alto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strega? La prossima volta che andremo lassù te lo rinfaccerà. Fata è.

      Elimina
  6. Avere una fata è sempre una fortuna, averla lassù è un quid in più

    RispondiElimina
  7. Bajardo e la sua luce aerea sono sempre grandiosi. E per una donna farsi tatuare alla base del collo è un segno di cambiamento, in atto o auspicato..

    RispondiElimina
  8. Maistretu11/4/12 13:34

    i Baiocchi sono originali, un paese che sembra scagliato a far da porta alle nostre Alpi del mare..uno scenario unico.. si racconta che una volta vollero sparare con un cannone ricavato da un albero di castagno cavo..e caricatolo di polvere, zappe e magagli ed altri ferracci diedero fuoco alle polveri...
    Maistretu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie che ci racconti hanno un fascino incredibile, mi piacerebbe conoscerne altre.Sono ligure anch'io, di Celle, ma qui è tutto diverso; le tradizioni e le storie del tempo che fu nessuno le sa più raccontare.
      Ogni tanto faccio un salto ad Apricale,io adoro i vostri posti, la Val Nervia in toto. Spero che riuscirete a salvaguardarla dalle mani rapaci degli speculatori.Noi della Riviera di Ponente non ci siamo riusciti, l'ingordigia di pochi ci ha condotti al risultato che è sotto gli occhi di tutti. Case case e ancora case: ma per chi?(scusa lo sfogo, sono appena tornata da Genova)

      Elimina
    2. Cara Sacha guarda anche QUI.

      Elimina
    3. Con questo indizio abbiamo visto chi è la "fata dai capelli rossi", o no?

      Elimina
    4. Completamente fuori strada. Mi dispiace.

      Elimina
  9. Posti incantevoli dove solo i sogni di una fata possono abitare!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  10. lassù, qualcuno ti ama? speriamo e tifiamo in una risposta affermativa, che ci immerga in fantasiosi e affascinanti pensieri di montani e struggenti, amori.

    RispondiElimina
  11. Un posto magico per fare volare lo sguardo, la fantasia e il cuore. Ciao, druido!

    RispondiElimina
  12. Una vera fata deve avere la bacchetta magica, questa ce l'aveva?
    "Quale che fosse l'identità delle fate, loro attributo principale e, se così si può dire, strumento di lavoro era la bacchetta che simboleggiava il potere magico esercitato dai druidi sulle forze della natura... La bacchetta è semplicemente un bastoncino, un ramoscello d'albero... che,quando si tratta della bacchetta della fata, deve essere diritto e privo di nodi. Anche il fuso che usano le fate,come le Parche e forse con identico significato, visto che le fate, buone o cattive, si chinano sulla culla dei neonati, dei quali determinano il destino, non è altro che un bastone. Anche il caduceo,simbolo di guarigione e legato al mito di Ermete, è una semplice bacchetta intorno alla quale si avvolgono in senso inverso due serpenti." da- Mitologia degli alberi.- Jacques Brosse - Rizzoli

    Ciao Al.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Matite e pennelli possono essere delle bacchette magiche?

      Elimina
  13. Maistretu11/4/12 22:36

    ma Sacha ha ragione.. una vallata che racchiude tutto quello che la natura può offrire, dal mare alle nevi, dai fasti della costa defraudata di ogni memoria, ai borghi medievali carichi di storia e arte.. tracce di eresia catara a Pigna e saghe druide a Bajardo..e nu se famu mancar ren!
    Maistretu

    RispondiElimina
  14. sono contenta per te e la tua fata deve essere veramente speciale si intuisce già dalla sua casa

    RispondiElimina