Pagine

mercoledì 4 aprile 2012

«Si attesta che il signor Enrico De Pedis...»

Si attesta che il signor Enrico De Pedis nato in Roma - Trastevere il 15/05/1954 e deceduto in Roma il 2/2/1990, è stato un grande benefattore dei poveri che frequentano la basilica ed ha aiutato concretamente a tante iniziative di bene che sono state patrocinate in questi ultimi tempi, sia di carattere religioso che sociale. Ha dato particolari contributi per aiutare i giovani, interessandosi in particolare per la loro formazione cristiana e umana.

Questa lettera ufficiale del Vaticano, scritta 32 giorni dopo la morte violenta avvenuta per mano dei suoi ex-complici dava la patente di grande benefattore a De Pedis e quindi luce verde per la sua sepoltura nella basilica di Sant'Apollinare. Illustre criminale, boss della banda della Magliana, specializzato in omicidi, traffico di droga, usura, per la Chiesa era stato un cristiano esemplare.

Dopo 4 giorni l'allora Vicario della diocesi di Roma, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il cardinale Ugo Poletti, rilasciava il nulla osta per la tumulazione all'interno della basilica di Sant'Apollinare. Il 24 aprile la salma di De Pedis venne qui traslata dal cimitero del Verano e le chiavi del cancello furono consegnate alla vedova, Carla De Pedis.

Ora, dopo il can can generato da più parti per la presunta relazione della vicenda con il rapimento di Emanuela Orlandi (non è la prima volta che si tira fuori questo legame) è probabile che la salma verrà traslocata altrove, magari di notte e nella maniera più segreta possibile. Non è che qualcuno chieda con forza a chi di dovere oltretevere come mai fu dato quel credito di onestà specchiata e spirito di abnegazione fuori del comune a un pluriomicida? Figuriamoci.


39 commenti:

  1. Se qualcuno chiedesse conto di quel che han fatto/fanno oltretevere si alzerebbe un tal polverone da far suonare a martello tutti i campanili d'Italia.
    Quindi niente, loro dicono di essere i vicari di cristo e a noi, hoi polloi, deve bastare.

    RispondiElimina
  2. E tutti i reati di pedofilia tenuti nascosti? Credo che la lista sia lunga. troppo! Malgrado queste macchie disonorevoli, qualche semplice tira la carretta del bene che ancora rimane possibile fare.

    RispondiElimina
  3. Ma in quella tomba c'è veramente lui oppure ...

    RispondiElimina
  4. Si, esatto. Tutti ad indignarsi, e nessuno ad andare a fondo. That's Italia

    RispondiElimina
  5. Non puoi farmi leggere di mattina presto queste notizie, mi verrà l'ulcera :-( E visto che sono agnostico non ho nemmeno la consolazione di pensare che bruceranno all'inferno...

    RispondiElimina
  6. Non so voi ma io avrei altre rogne a cui pensare invece che come, dove e perché un tizio è stato sepolto vent'anni fa.

    RispondiElimina
  7. anche la chiesa cattolica, o per meglio dire la sua gerarchia (ma anche moltissimi semplici adepti) è composta di criminali. nessuna meraviglia che ne vogliano proteggere uno, che per di più ha dato ingenti somme alla chiesa stessa (e non importa da cosa derivassero: pecunia non olet)

    RispondiElimina
  8. Maistretu4/4/12 11:55

    i morti non parlano più..si portano dietro segreti e confessioni, nessuno riuscirà a sapere cosa si nascose dietro la banda della Magliana, intrecci tra servizi deviati, corpi dello stato, partiti e potentati economici, e poi la scellerata avventura economica dello IOR, il finanziamento a Solidarnosch e poi cos'altro ancora..l'assassinio del vescovo Romero a S.Salvador la guerra di Ratzinger alla teologia della Liberazione e ai riformatori europei (Hans Kung) la copertura degli scandali sessuali a Boston, Vienna, e la guerra intestina tra la diocesi di Milano, Genova, Roma... questa è la chiesa di Roma! la fede alberga altrove!
    Maistretu

    RispondiElimina
  9. Alba Sismondini4/4/12 13:48

    Volevo aggiungere la questione della basilica di Sant'Apollinare di Roma. Il ministro dell'Interno Cancellieri l'altro giorno ha fatto una figura di merda dichiarando che era extraterritoriale, in pratica come le ambasciate e quindi al di fuori del controllo dello Stato italiano. Salvo poi smentirsi e correggersi affermando che era incece in territorio italiano di proprietà del Vaticano.

    Ma siamo sicuri? Non è invece di proprietà dell'Opus Dei?

    RispondiElimina
  10. Pu! ( non so in che altro modo tradurre in parole il gesto spontaneo suscitato in me di sputare in faccia all'estensore di tale lettera )

    RispondiElimina
  11. Ma scusa, certo che era un cristiano esemplare. Mica hanno detto che era una brava persona.

    RispondiElimina
  12. Un'altra delle tante schifezze nostrane....

    RispondiElimina
  13. beh direi che aveva il curriculum a posto per essere sepolto li...
    no comment!

    RispondiElimina
  14. Nessuno ne renderà conto di questo schifo.

    RispondiElimina
  15. Caro Alberto,
    evito per la incolumita' fisica e giuridica di entrambi di raccontarti cosa c'e' sotto al De Pedis, ti dico solo che tre mesi or sono ero all'interno del bar dove e' nata la banda, quello che vedi nel sequel di sky, non e' cambiato nulla, sono ancora attivi.

    Poi, come al solito, capito qui e trovo il genio che lo chiama "tizio", dimostrando, se ancora ce ne fosse bisogno, l'assuluta incapacita' di dare un valore reale a uno degli uomini piu' neri, pericolosi e sporchi che questo paese abbia mai conosciuto.

    Enrico "Renatino" De Pedis ha piu' morti sulla coscienza di Bernardo Provenzano.

    Ciao
    Zac

    RispondiElimina
  16. Devo smetterla di frequentare questi blog comunisti e forcaioli (rido!!!... anche perché Zac credo ce l'abbia col "tizio" che io di sovente chiamo "italiota")

    Ciao Alberto e buon pomeriggio. Ho l'impressione, anche dopo alcune interessanti letture, che per la Chiesa i termini "onesto" e "cristiano" non debbano necessariamente essere collegati tra loro in maniera logica. Se poi, considero che, sempre la stessa, dei soldi ha sempre apprezzato il profumo e mai la provenienza... tiro le somme!

    RispondiElimina
  17. A Giulio viene l'ulcera il mattino, a me la scateni di notte...però, Zac potrebbe dirla più specifica di me, ma non gli forzo la mano, letto il commento di Carlo...Fioi, a me sono girate le palle e gli ho fatto l'elenco della pochezza che rappresenta due post fa, chiamandolo per nome, ma si sa, io sono una bastarda endemica...leggere che non sono la sola a vederlo come uno sputo disgutoso sul marciapiedi, vado a dormire serena ;-)))

    RispondiElimina
  18. Maistretu5/4/12 10:11

    ..e Bossi dove lo mettiamo alla basilica di S. Sborsasghei?
    Maistretu

    RispondiElimina
  19. Tina, bastarda non saprei ma ignorantella di sicuro. Infatti alla voce "endemico" trovi:
    "dal greco: [endemios] natìo, indigeno, composto da [en] dentro [demos] regione, popolo." e significa "diffuso in un certo territorio", come l'epatite è endemica in Italia.

    Per il resto, l'anticlericalismo da due soldi il quintale puzza di muffa. E dannarsi per le vicende di un cadavere mi fa venire in mente Bram Stoker, l'irlandese autore di Dracula. Non so, andiamo a scoperchiare la tomba e piantiamo un paletto di frassino nei resti, ad evitare che il mostro possa venire a trovarci nottetempo.

    Sempre della serie non abbiamo un ca##o di meglio da pensare/fare.

    RispondiElimina
  20. Maistretu, penso che ribattezzeranno Gemonio in "Bossigrad", tipo Togliattigrad, hai presente?

    RispondiElimina
  21. Togliattigrad, in onore di Togliatti, uno che "nel 1957 alla I Conferenza mondiale dei partiti comunisti tenuta a Mosca egli votò, insieme agli altri leader comunisti a favore della condanna a morte dell'ex presidente del Consiglio ungherese Imre Nagy e del generale Pal Maleter, ministro della Difesa, arrestati con due diverse imboscate l'anno prima dalle truppe sovietiche d'occupazione, rispettivamente il 3-11 nel quartier generale sovietico di Tokol e il 22-11 appena uscito dall'ambasciata jugoslava con il salvacondotto del governo Kadàr, con l'accusa di aver aperto «la strada alla controrivoluzione fascista»"

    RispondiElimina
  22. "Il 16 giugno 1989 con un solenne funerale di Stato in Piazza degli Eroi a Budapest Imre Nagy, Maléter, Gimes, Losonczy e Szilagyi furono 'riseppelliti' ufficialmente, insieme con una bara vuota che rappresentava il 'milite ignoto', il combattente sconosciuto della Rivoluzione morto per difendere la libertà dell'Ungheria contro l'invasore sovietico. Di lì a pochi giorni il 6 luglio 1989 la Corte Suprema dichiarò ufficialmente riabilitati Nagy e i suoi compagni condannati nel processo del 1958, proprio nel giorno stesso in cui la morte colpiva Kádár ed il 23 ottobre 1989, giorno anniversario dello scoppio della Rivoluzione del '56, venne proclamata la Repubblica Ungherese, non più Popolare, la 'Terza Repubblica' Ungherese."

    RispondiElimina
  23. Maistretu5/4/12 12:33

    troppo nozionismo da wikipedia cher Lorenzo, non c'è passione ne tensione nelle tue parole.. parli di eventi che lacerarono ideologie, mondi e certezze che formarono uomini e donne, fu terribile quello che si trovarono davanti..e quello che poi emerse nella sua drammaticità con gli eventi di Praga..
    è difficile fare confronti, pressochè impossibile, parlare di Togliatti senza contestualizzare il suo tempo, la sua vita, le tensioni che caratterizzarono una parte di quel mondo, è fare violenza a se stessi. penso che questo tuo modo di presentarti rappresenti quel non pensiero che la Lega ed il defisier (frantoiano) Bossi ha incarnato, quel non senso che appena entrato nel vizio della politica (vivere senza fare un cazzo e comperarsi o affittarsi una Porsche ecc) emerge come una prepotente beanza, un vuoto impossibile da colmare..
    Maistretu

    RispondiElimina
  24. Sei cosi' vile da permetterti di chiamare una signora "ignorantella", senza conoscerne il suo background.

    Credo che tua moglie, ammesso che tu ne abbia mai avuto una, viva dentro alla gabbia di Hansel e Gretel, ma per sua volonta'.

    Vivere vicino a uno come te equivale a trascorrere una vita in una latrina.
    sei solo capace di fare copia e incolla da wikipedia, ed e' questa tua caratteristica che ti deve procurare delle estreme erezioni,
    e che nel tuo monocosmo ti fa' sentire un genio.

    Per fortuna, e anche per un naturale sviluppo della specie, le persone non sono come te.

    Mi chiedo solo come mai tu non vada a commentare su stormfront o su pontifex o su giovanipadani, li si' riceveresti risposte plaudenti.

    Credo che in anni di frequentazione della rete, e in decenni di frequentazione dei palazzi della politica, tu sia nella top five delle persone piu' bieche che io abbia mai conosciuto.

    Giusto per essere definitivo,
    molto meglio gasparri o scilipoti di te.

    Ah,
    Caro alberto,
    stavolta non mi scuso,
    non ho niente per cui scusarmi,
    a me quando uno offende una signora io sono dalla parte della ragione a prescindere.

    RispondiElimina
  25. ".. non c'è passione ne tensione nelle tue parole.. "
    E me ne vanto. Per me "passione e tensione" sono sinonimo di cretinetti indottrinato, tipo Gioventù Hitleriana o Guardia Rossa.

    Zac, faccio presente che:
    "Sei cosi' vile da permetterti di chiamare una signora "ignorantella", senza conoscerne il suo background."
    In italiano si dice "senza conoscerne il background" (e sorvoliamo sull'inglesismo) oppure "senza conoscere il suo background".

    Meno vanto anche di essere nella tua "top five" (altro inglesismo) degli arci-nemici. Gli altri chi sono, Loki, Goblin, il Dottor Destino e Octupus ?

    Sarebbe grave per me se non fossi "bieco", vorrebbe dire essere intruppato nella tua stessa brigata. Ringrazio i Padreterno.

    RispondiElimina
  26. Maistretu5/4/12 14:20

    stiamo allegri cher Lorenzo, le brigate, le sole che io conosca storicamente furono le Brigate Internazionali, e conobbi un giovane allora di 18 anni, pensa senza Porsche e senza cedola mensile da 12 mila euro dalla Regione Lombardia, che parti volontario nel 1937 per combattere il fascismo Franchista. si chiamava Vittorio Guglielmo detto Comandante Vitò.quell'uomo, come tanti altri giovani e donne, aveva un cuore ed una testa e fece parte di quell'allegra brigata che combattè con fermezza e spesso in forte disparità un nemico che 4 anni dopo devastò l'Europa..
    Maistretu

    RispondiElimina
  27. Storicamente ci furono anche altre "brigate", alimentate dello stesso "cretinismo" con "passione e tensione":
    "Le Brigate Nere erano un corpo paramilitare fascista della Repubblica Sociale Italiana (RSI), che fu operativo in Italia settentrionale dagli inizi di luglio del 1944 fino al termine della seconda guerra mondiale."

    Comunque rispetto alla tua battuta sarcastica su Bossi volevo solo ricordarti le grandi tragedie festeggiate come vittorie e le altre cosettine meno gravi come:

    "Nel 1991 il giornalista Alexander Evlakhov dichiarò che Cossutta ricevette, nel 1986, una somma in nero pari a 824.000 Dollari da parte del PCUS. Lo stesso Cossutta smentì l'accusa, affermando di non aver mai ricevuto denaro dall'Unione Sovietica, anche se nel documento fornito da Evlakhov c'era scritto che il destinatario del pagamento era proprio il Senatore italiano."

    RispondiElimina
  28. E se Togliatti mandava a morte Nagy nel '57, Cossutta era ancora a libro paga nel '86.
    Vedi te.

    RispondiElimina
  29. Potenza della "virtualità" in televisione Augias ha trattato l'argomento e io ho scritto...bei misteri regnano da quelle parti che, con il pensiero religioso hanno ben poco a che fare, mentre sguazzano beatamente nel potere e nella politica - poco spirituali e molto terreni - ciao

    RispondiElimina
  30. Era uno specchiato renatino...specchiatissimo

    RispondiElimina
  31. Maistretu5/4/12 20:02

    il delirio continua... Amen!
    Maistretu

    RispondiElimina
  32. ... ragassi, ragaaaasssi! State calmi!

    E pure tu, LORENZO, si scrive "Me ne vanto anche di essere nella tua top five e non "Meno vanto...".

    E poi, dai, perché arci-nemico di Zac? Lui ha scritto che sei nella sua top five "delle persone piu' bieche che io abbia mai conosciuto"! Sono definizioni che hanno significato diverso.

    Bieco, copio dal dizionario Hoepli, significa "Storto, obliquo, stravolto"!

    Ecco, non sei un suo nemico! Al massimo sei storto, obliquo o, meglio ancora, lui intendeva "stravolto"!

    Oppure, si riferiva al significato estensivo del termine che, copio sempre, vuol dire "Torvo, che denota malanimo".

    Dai, nemici mai! Sarai o stravolto o torvo!

    Comunque, un consiglio, le signore non si "definiscono" mai! Anche quando hanno torto, semmai ne hanno. E' un comportamento da "signori"! Signori dentro, si capisce!

    p.s.: Ciao Alberto! Ero passato per un saluto... ho voluto fare da paciere!

    RispondiElimina
  33. il motivo per cui è sepolto lì, non lo sapremo mai

    RispondiElimina
  34. Carlo, dai sveglia, anche te:
    "menar vanto (menare vanto)
    v.rifl.
    Sinonimi: gloriarsi || Vedi anche: far la ruota, inorgoglirsi, millantare, pavoneggiarsi, vantarsi "

    Riguardo il resto, fa piacere vedere i "compagnuzzi" essere "sessisti" come lo zio Silvio.

    RispondiElimina
  35. @ Carlo, Zac e Maistretu

    Provate a sezionare l'elemento come faccio io, un batterio sopra un vetrino e sotto la lente di ingradimento di un microscopio elettronico...una sorta di paleobatterio anaerobico che si nustre delle scorie dei fondali o del sottosuolo.

    Se smettete di replicare (dargli da mangiare) abbiamo buone speranze di vederlo collassare su se stesso, gli date troppa importanza, si nutre di quella importanza, basta smetterla di dargliene e tornerà nel suo nulla condiviso da soggetti che non mi sarei mai aspettata ne facessero parte.

    Notte buona a Zac, Carlo e Maistretu ;-))

    Ovviamente notte buona anche al padrone di casa che se la sta ridendo...Alberto, rispetto a te sono più carogna ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lascio correre fino a che la rissa non degenera, e allora intervengo. Per fortuna che qui nessuno può saltare sulla voce dell'altro come succede in certe trasmissioni televisive deve non si capisce più una mazza con più persone che parlano contemporaneamente. Sarebbe, qui, come se uno scrivesse su quello che ha scritto un altro. Ma sono quasi sicuro che se ci fosse questa opzione qualcuno la sceglierebbe.

      Elimina
  36. Maistretu6/4/12 08:51

    buona giornata a tutti, batteri e sezionatori compresi, dal nostro amato Ponente Ligure dai nostri amati ulivi e dalle nostre Alpi Liguri.
    dove unze u cunta ci che duze..
    Maistretu

    RispondiElimina
  37. In compenso continuano a considerare i divorziati e risposati come quasi eretici. Personalmente me ne frego, ma certe persone, veramente credenti, ci soffrono. Passerà anche questo ed un giorno sborsando soldi chi vorrà rientrerà nel seno della Chiesa. Spero tu abbia passato buone feste.

    RispondiElimina
  38. e non sapete quanti dopo la serie tv vanno a fare il pellegrinaggio su quella tomba, e non aggiungo altro anzi sì, si fanno illazioni se in quella tomba ci sia sepolto qualcunaltro o meglio qualcunaltra, io non credo, sarebbe veramente troppo

    RispondiElimina