Pagine

lunedì 9 luglio 2012

Apri la tua bocca, la voglio riempire

Apri la tua bocca, la voglio riempire

In certi casi un bel titolo contribuisce anche in maniera importante al successo di un libro. Lo sanno bene gli editor e i direttori marketing delle case editrici che a volte devono fare pressione sull'autore, che di titolo per la sua ultima opera ne aveva messo uno moscio, per cambiarlo.

Qui non mi è proprio dato sapere se l'editore abbia agito per calcolo raffinato o per tamarra dabbenaggine. Ma potrebbe anche essere che ci abbia messo lo zampino il maligno che è sempre in agguato tra noi sotto mentite spoglie. Non scordatelo.

Apri la tua bocca, la voglio riempire. Sì, sì, è il maligno.

25 commenti:

  1. e io che avevo subito pensato a un pornazzo...

    RispondiElimina
  2. Secondo me c'è Freud che nella sua tomba sta grattando furiosamente per uscire.

    RispondiElimina
  3. Anche io ho pensato a un (tuo) fotomontaggio delicatamente porno. Indubbiamente il titolo è invitante; mancava solo che l'editore Chirico fosse stato invece "Chierico" e la frittata sarebbe stata completa. Sicuramente c'è lo zampino del maligno, che comunque ha un senso dell'umorismo che, oserei dire, ha qualcosa di angelico.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. beh, in certi casi diventa davvero difficile dire che la malizia è di chi legge!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Alberto e buona giornata. E' indubbio che il "doppio senso" sia presente, sempre più diffusamente, nel marketing moderno che, appunto, fa leva sulle immagini ed i messaggi allusivi di tutt'altro.

    Però, in questo caso, stento a vederci un intenzionale progetto di marketing... mi pare più una "cantonata" di qualche anima candida che non ha valutato con attenzione.

    RispondiElimina
  6. Non è un autogol, è che il bene ha bisogno del male per imporsi.

    RispondiElimina
  7. Mi è venuta la pelle d'oca!

    RispondiElimina
  8. Assolutamente il maligno, non ci sono dubbi.

    RispondiElimina
  9. però! Decisamente il maligno...

    RispondiElimina
  10. e poi di cosa la vogliono riempire? cosa dire,se non rinfrancarsi attraverso questo atto di contro-rimozione che rende giustizia a secoli di sessuofobia clericale..
    se ci pensiamo bene è entusiasmante che si vogliano riempire le bocche..una goduria bipartisan.
    Maistretu

    RispondiElimina
  11. Ma daaaai...ma non ci credooooo

    RispondiElimina
  12. E vada per l'auto-goal, ma sono proprio fuori a mettere un titolo così!

    RispondiElimina
  13. Boccaccia mia statti zitta!

    RispondiElimina
  14. Vuol dire..... che lo fanno solo di domenica?

    RispondiElimina
  15. Hai ragione il titolo è un po' sibillino, ma forse sono le direttive di Benedetto XVI.
    Scusa la latitanza. Sono andato indietro nei post e, come al solito sono belli ed impegnati. Peccato per il quiz perché avrei indovinato, anche se io preferisco i buoni vecchi tappi di sughero. Quando la bottiglia resta aperta uso quelli in silicone con i quali si può aspirare l'aria all'interno della bottiglia. Un amichevole saluto.
    PS - Ma quelli della Lega hanno ancora il coraggio di piantare bandiere diverse dal tricolore?

    RispondiElimina
  16. Mi hai fatto ghignare di cuore, stamattina ne avevo proprio bisogno. Grazie! Pensa al Chierico che conosciamo, editore ideale, aperto ad ogni tendenza, maestro di titoli e marketing. Vestito da cardinale...

    RispondiElimina
  17. mio genero e mio figlio da mo' che l'hanno messo come foto del profilo su faccialibro...troppo forte

    RispondiElimina
  18. Vedendo solo il titolo mi sono detta che il caldo ti aveva surriscaldato, poi ho visto il sottotilo e sono partita per la risata...

    Mi sono detta:
    Chissà quanti preti pedofili si sono trovati in quel titolo ;-))

    Buona serata Alberto

    RispondiElimina
  19. Se si tratta di preti, ho il calcestruzzo a presa rapida...

    RispondiElimina
  20. Di padre Rocco Siffredi .....

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.