Pagine

martedì 27 novembre 2012

Pubblicità ingannevole



E se io entrassi nel supermercato e facessi una bella spesa, tipo 73 prodotti?

E se arrivato alla cassa pretendessi di pagare un euro per prodotto come indicato in maniera incontrovertibile sui manifesti?

E se di fronte al sicuro rifiuto della cassiera, e al sopravvenire del dirigente prontamente chiamato, me ne uscissi ad alta voce così «I casi sono due. O mi fate pagare un euro come sta scritto qui fuori per i prodotti qui dentro o esco e vado a denunciarvi dai carabinieri qui vicino per pubblicità ingannevole perché siamo stanchi di essere presi per il culo».

Quasi quasi lo faccio.

36 commenti:

  1. pazzesco!!! i livelli di inganni che questa società ci propina!

    RispondiElimina
  2. Sarebbe da fare, giusto per vedere l'effetto che fa.

    RispondiElimina
  3. Ma dài, il farlo non costa niente... specie se poi i carabinieri non fanno la spesa lì.

    RispondiElimina
  4. Ma cosa ti aspetti da qualcuno che riesce a scrivere "€uro"? Che si rendano pure conto del significato di pubblicità ingannevole? Secondo me il giudice assolverebbe chi ha messo su quei manifesti per incapacità d'intendere e di volere.

    RispondiElimina
  5. Ci vorrebbe uno che riprendesse la scena.

    RispondiElimina
  6. La pubblicità ingannevole purtroppo non viene repressa dai Carabinieri e nemmeno da un Giudice ma da "Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato". Dico purtroppo perché è evidentemente poco efficace. Non tanto per i manifesti del supermercato quanto per le reiterate truffe su scala nazionale compiute per esempio dalle Telefoniche.

    RispondiElimina
  7. Jay Corcoran27/11/12 14:24

    Tutto a 1 €uro? Preferivo quand'era tutto a 1000 £ire.
    Scherzi a parte, non esiste attualmente alcuna pubblicità che non sia ingannevole. Vado a comprarmi un detersivo per pulire le piastrelle, mi aspetto che una goccia, una passata di spugna e via tutto lo sporco, e poi finisco per scoprire che ce ne va qualcosina di più di una goccia, e che va unita a una buona dose di olio di gomito. Vedo pubblicità di supermercati con cassiere sorridenti, la coda che si smaltisce subito, e bla bla bla, e poi al supermercato mi trovo una diconsi una cassa aperta, una coda inverosimile da metterci un'ora per riuscire a pagare, e la cassiera che nemmeno ti rivolge la parola mentre ti passa quattro volte lo stesso prodotto (e la capisco, dentro di me: turni massacranti per 700 miseri "€uro" al mese; solo non accetto che sfoghi le sue frustrazioni sulla mia pelle, dato che anche il mio stipendio è su quelle quote lì). Vado ad aprirmi un conto nella tale banca che promette tassi d'interesse stratosferici, e scopro che ci sono millemila clausole, clausoline e clausolette e che alla fin fine facevo meglio ad aprirmi un conto nella banca sotto casa, la quale almeno non si fa grandi pubblicità. A tutto questo panegirico vorrei aggiungere che la truffa più grossa per il consumatore è la pubblicità medesima: una rilevante percentuale di qualunque cosa si compri serve a ripagare campagne pubblicitarie monumentali quanto inefficaci. Preferirei veder sparire tutta la pubblicità e come contropartita (come minimo) un dimezzamento dei prezzi al consumo; ma questa non è altro che utopia allo stato puro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella 'fotografia', hai colto tutti gli aspetti, concordo pienamente. Stiamo vivendo la falsa era dell'apparire, accettiamo passivamente tutto; chissà se verrà mai - non sono così ottimista da sperare di vederla - l'era dell'essere, in questo caso (pubblicità) del contenuto e non della confezione:(

      Elimina
  8. Hai ragione Alberto, bisogna sempre stare attenti ai codicilli ed agli asterischi, ma non ne vedo nella pubblicità fotografata. Io se fossi te darei spazio alla voglia di farli cedere. Sino ad oggi ho avuto un solo caso di errore di etichettatura, ma lo ho segnalato e mi hanno subito corretto il conto. E' vero che io faccio le spese munito di una "scannette" fornita dal supermercato. Ti prende un po' più di tempo durante la spesa, ma poi ne guadagni molto alle casse preferenziali. Inoltre con questo sistema ti accorgi subito se il prezzo è differente.
    Sappimi dire se ti decidi al grande passo. Buona serata.

    RispondiElimina
  9. elio ma quale è il supermercato che ti fornisce questa "scannette", io qui a roma non ne ho mai visto/a una, per quanto riguarda la pubblcità ingannevole è veramente becero il modo in cui ci prendono in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come Zefi a Roma niente "scannette", che qui ognuno chiama alla sua maniera. Alla coop per esempio le chiamano salvatempo.

      Elimina
  10. Se poi fossero tanti ad avere la tua idea niente male.

    RispondiElimina
  11. oppure in quei posti che per dire che fanno il 50% di sconto dicono che la metà è gratis, io potrei volere solo la parte gratis!

    RispondiElimina
  12. Domani manderò mio figlio in avanscoperta.

    RispondiElimina
  13. attento che non fai la fine dei terremotati aquilani che sono andati a protestare a Roma e sono stati presi a mazzate dalle guardie schierate..

    RispondiElimina
  14. sarebbe da fare in massa

    RispondiElimina
  15. Da qualche parte ci sarà scritto qualcosa come "prezzo riferito ai prodotti in offerta" (e ci trovi accanto il logo della promozione) e probabilmente anche "fino ad esaurimento scorte".
    In genere funziona così...e sono a posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Caigo, ho ingrandito la foto che è ad alta risoluzione e non c'è niente di niente.

      Elimina
    2. Sono cliente Simply (ce l'ho vicino casa), sabato o domenica vado a farci un giro e se trovo la stessa promozione "investigherò" (sono in confidenza con quasi la metà del personale).
      Se troverò qualcosa d'interessante lo scriverò qui.

      Elimina
  16. @Alberto: la dicitura indicata da Caigo di solito è nel volantino pubblicitario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E difatti li ho cercati all'interno, ma non ce n'erano.

      Elimina
  17. se lo fai avvisami in anticipo che vengo a fare la candid camera

    RispondiElimina
  18. @alberto : vai al Simply di Via Padova?Fammi un fischioooo ;)

    RispondiElimina
  19. Tanta è ormai l'abitudine a venir presi per il culo che probabilmente nemmeno i carabinieri troverebbero strano che poi mica tutti i prodotti possono davvero costare solo 1 euro...

    RispondiElimina
  20. Ciao Alberto, incuriosita sono andata sul sito http://www.simplymarket.it/pdv.php?id=1050# ma anche sul volantino alcune offerte non sono chiare.

    RispondiElimina
  21. Una piccola-grande delegazione...sarebbe interessante vedere le reazioni.

    RispondiElimina
  22. Dai fallo. L'idea è bellissima, basta avere il coraggio e la faccia per metterla in pratica:)

    RispondiElimina
  23. L'€uro non esiste, quindi quel manifesto è fittizio. Se mi avessero detto "Tutto a 1 euro" o "Tutto a € 1" allora avrei potuto andare a chiedergliene conto.

    RispondiElimina
  24. e se invece di fare questioni alla cassa si facesse un bell'esproprio proletario, portandosi via anche il direttore o direttrice?
    i tempi son maturi..

    RispondiElimina
  25. Blaterate e poi tutti in fila al supermercato come degli zombi, volete i prezzi bassi e gli stipendi alti così che per accontentare la massa belante del consumatore le imprese delocalizzano per essere piu' competitive e fragarvi anche il lavoro.
    Con le vostre esigenze di falsi risparmiatori e in piu' truffati, non esiste via di mezzo che questa pubblicità idiota e al 99% truffaldina, ecco perchè la ricchezza (presunta) vostra e mia viene trasferita dai lavoratori alla speculazione finanziaria.
    Sveglia,chiedo venia per il tono pesante.
    Ps: non esiste GD o supermercato onesto, ora come ora ha piu' dignità un chilo lo di pasta o di olio svenduto che uno che lo produce o vi da lo scontrino.

    RispondiElimina
  26. Ma la pubblicità non è per sua natura una cosa ingannevole? :)

    RispondiElimina
  27. SSIIIII moderno "aggiustatore" di ingiustizie visive, vai e colpisci!

    RispondiElimina
  28. Come annunciato sono andato a fare la spesa in un supermercato Simply delle mia città e la situazione è questa:
    È disponibile al prezzo di 1 euro almeno UN prodotto per ogni genere merceologico, prezzo riferito a singola confezione.
    Quindi, facendo un esempio, tra 5 tipi di mele una è inserita nell'offerta. Stesso ragionamento per insalate, formaggi, yogurt,riso, merende, detersivi, ecc...
    Praticamente è possibile fare una spesa completa con una manciata di euro, l'unico limite è legato alla disponibilità della marca dei singolo prodotti.
    Mentre giravo tra le corsie mi è venuto il dubbio che i prezzi esposti fossero solo "specchietti per allodole" e che i prodotti citati costassero normalmente intorno ad 1 euro.
    Questo mi è venuto in mente pensando ad un mio collega "fedelissimo e attentissimo cliente Coop" che un giorno trovò dei prodotti segnalati in offerta ma in realtà con prezzo maggiorato rispetto ala settimana precedente.
    Nel mio caso non ho la possibilità di fornire info dettagliate perchè, a parte poche eccezioni, in genere non compro i prodotti oggi in offerta.
    Solo in un caso posso dire di aver trovato con certezza il "buon affare".
    Nella lista dei prodotti a 1 euro ho visto una confezione da 400 g. di una marca di biscotti normalmente venduta a 1,80.
    Questo è tutto. :)

    RispondiElimina
  29. Hanno un comparto marketing agguerrito, studiano il comportamento dell'uomo comune e poi stendono il piano di attacco che spinge a comprare anche la cacca, prima si chiamavano SMA, poi, quando Auchan ha mandato la famiglia Agnelli e la sua Rinascente a pascolare, li ha rilevati cambiando la ragione sociale, basta solo non frequentarli, personalmente non ci mettevo piede nemmeno quando lavoravo per Auchan, mi dicevano che avevo un comportamento antiaziendale, rispondevo che lo stipendio lo spendevo dove volevo e non lo restituivo.

    Alberto, calcola che noi dibattiamo sulle sfumature del volantino, 10 mila ogni domenica imbracciano il carrello dando vita alla corsa del carrello più veloce per accapararsi una busta di insalata preconfezionata e ottenuta con gli scarti dei cespi esposti nel reparto frutta e verdura a peso...ma te la mostrano tagliata e confezionata, vuoi mettere che risparmi tempo?

    Quelle catene se le conosci le eviti, le conosco da dentro e le evito ;-))

    RispondiElimina