Pagine

martedì 16 febbraio 2016

Il lato B ai tempi di Orazio



Il poeta Alvaro Rissa, che compare in una scena memorabile di Ecce Bombo, ha messo insieme una Antologia della Letteratura greca e latina

Tra i vari testi ha scelto anche questo di Orazio: Ode a Noemi.

Fulgidas mirare nates Noemis
et nega, si vis, opus esse divom:
non modo ad faeces datur exituras
scilicet anus.

Guarda le fulgide chiappe di Noemi,
e nega pure, se credi, che siano opera divina:
è evidente che il culo non esiste
solo per andare di corpo.


Alvaro Rissa è il nom de plume di Walter Lapini, professore ordinario di Letteratura Greca all’Università di Genova. Sono sicuro che le sue lezioni sono uno spasso, per lui e i suoi allievi.


Istigato da Vera aggiungo la foto della Venere Callipigia
Venere Callipigia

10 commenti:

  1. Eh si, se le sue lezioni ricalcano lo stile del fulgido testo qui sopra, allora sì che sono uno spasso. Un po' sboccato, ma indubbiamente divertente.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. @Vera
      Mi hai istigato e metto un'altra foto.

      Elimina
  3. E senza un filo di imperfezioni!

    RispondiElimina
  4. Gran bel senso estetico, ai tempi di Orazio! E poi, si, tanta perfezione è opera divina, inutile negarlo! A Roma si direbbe "... gli manca la parola!"

    Ciao Alberto, buona giornata

    RispondiElimina
  5. Non avevano nemmeno la cellulite... :-)

    RispondiElimina
  6. Quanti ricordi dei tempi,aimè,lontani del latino oggi quasi dimenticato,l culo fortunatamente no.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina