Pagine

sabato 13 febbraio 2016

Trenitalia, perché non parli come mangi?

milano stazione centrale

Milano, stazione Centrale

Dire biglietti no eh?



Buon fine settimana.



Aggiunta, domenica 14 febbraio
Pubblico anche la versione in inglese

milano stazione centrale

QUI tutte le foto del sabato.

26 commenti:

  1. Perché non vogliono discriminare quelli con l'abbonamento, credo.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Angelo. Titoli di viaggio include sia biglietti che abbonamenti.

    RispondiElimina
  3. @Angelo @Ambra
    In inglese come si direbbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azzardo: travel bond! :)

      Elimina
    2. Ho visto la versione inglese :)

      Elimina
  4. Avevo seguito una polemica relativa al termine "gate". Mi sembra che il professor Francesco Sabatini, che stimo profondamente, aveva pensato alla parola "varco". Condivido la sua proposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Mia Euridice
      Ce ne sarebbero di parole italiane da adoperare al posto di quelle inglesi.

      Elimina
  5. eheh... qui c'è veramente tutto: prima il leccaculismo gregario/provincialotto dell'angloide di quel "GATE", e poi l'ottuso burocratismo di quanto segue. Ma che ci aspettiamo da un paese in cui sulle confezioni dei formaggi puoi leggere "crosta non EDIBILE?" Quanti italioti saranno in grado di capire che significa che non bisogna mangiare la crosta? (E va già di lusso che la crosta la chiamino semplicemente crosta...) :D

    RispondiElimina
  6. p.s. Mi permetto poi di far notare che fra persone intelligenti vi sono parole che ne includono intuitivamente e automaticamente altre: quando viaggiavo in treno ho sempre trovato controllori che dicevano "biglietti, prego". Al che chi aveva l'abbonamento tirava ovviamente fuori l'abbonamento. Non c'era bisogno di dire "Biglietti e abbonamenti, prego". :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Zio
      Bravissimo. Condivido in pieno quello che hai scritto.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Titoli soltanto, mica vorremo che leggano tutto il testo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Marco
      Ah ah, già, ci bastano i titoli.

      Elimina
  9. Risposte
    1. @ReAnto
      Infatti, devono renderci complicata la vita.

      Elimina
  10. Perché altrimenti bastava un pannello con solo due righe :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Baol
      Sarebbe vero se non avessi visto la versione in inglese. Tra poco la pubblico.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Ho aggiunto una foto. È la versione inglese del cartello.

    RispondiElimina
  13. mmagino un viaggiatore trentin-veneto guardare supito il pannello e chiedersi:
    "Gate? Ma mi no gai gate, gai demò en cagn!"

    RispondiElimina
  14. Scusa, nel commento prima non mi aveva accettato le virgolette, e in quello dopo mi sono persa una I

    RispondiElimina
  15. Il problema con trenimerda (scusa, ma il francesismo ci sta tutto) non è l'uso piuttosto creativo della lingua italiana: è il fatto che non funzioni più nulla. Treni perennemente in ritardo, perennemente sottodimensionati, malfunzionamenti al ritmo di uno al minuto, stazioni abbandonate, linee artatamente dismesse, le tariffe che aumentano di anno in anno - questa è la loro idea di "pubblico servizio"? Alla fin fine gli svarioni linguistici si perdono nel mucchio.

    RispondiElimina
  16. A parte questa dei "titoli di viaggio", noto come il linguaggio comune perda continuamente ottimi termini considerati desueti (fra cui appunto "desueti") per infarcirsi di orrendi anglicismi o neologismi senza senso.

    RispondiElimina