Pagine

martedì 28 giugno 2016

Libri al buio: la Feltrinelli non sa più cosa inventarsi


Libreria Feltrinelli di corso Buenos Aires a Milano

Non so voi ma io un libro al buio così non lo comprerei. E ho seri dubbi che un'iniziativa del genere abbia successo.


Immagini scattate con un vecchio Galaxy s2

13 commenti:

  1. Con il rischio di acquistare un libro che abbiamo gia'?!

    RispondiElimina
  2. Idea simpatica, ma credo che l'esperimento durerà poco!

    RispondiElimina
  3. Ciao,non si inventa più niente,nell'altro secolo,quamdo ero bambino ogni domenica mattina correvo dal giornalaio sotto casa per comperare,quella che chiamavamo la "Bustona".
    Una busta di colore Bleu,contenente a sorpresa,qualche vecchio fumetto,poche figurine di animali o di calciatori e se avevi fortuna un soldatino.
    Un bel ricordo,ciao fulvio

    RispondiElimina
  4. Esperimento che alcune librerie all'estero propongono - però, la differenza è che il libro NON È completamente al buio; riportano titolo e autore oltre a qualche riga di descrizione. Questo per evitare l'effetto "best seller di merda" dovuto a copertine troppo sgargianti: se compri un libro perché conosci l'autore, perché t'intriga il contenuto, per vari motivi di questo genere hai buone probabilità di comprare un buon libro. Se no a vendere sono solo le autobiografie di calciatori di serie A (che sono quasi completamente analfabeti), libri di "cucina" messi su alla bella meglio da VIP svampite, roba politicheggiante, tutta 'sta merda pseudoletteraria.

    RispondiElimina
  5. Feltrinelli, ma anche tutte le altre case editrici, anziché ricorrere a questi mezzucci, cominci a sradicarsi dal mondo delle copertine strillate. Copertine semplici e scarne, senza illustrazioni, col nome dell'autore in carattere più piccolo e il titolo in carattere più grosso; niente "quarta di copertina", niente recensioni farlocche che iperesaltano l'opera, niente "Dall'autore di...", niente fascette, niente "Da quest'opera è stato tratto il film...", niente sovracopertina stile pacchetto di detersivo, niente menate smaccatamente pubblicitarie per tirare vendite. Allora sì che riuscirebbero ad aumentare le vendite dei buoni libri e a diminuire quelle dei libri spazzatura!

    RispondiElimina
  6. Sarebbe bello se poi tu per pagare puoi far scegliere tra una serie di pacchettini con una descrizione scarna che rimandi alle banconote/monete che contengono.

    RispondiElimina
  7. Non credo proprio che avrà successo. Ci aveva provato la casa editrice Sperling&kupfer qualche anno fa, così tanto per vendere un po' di titoli che le erano rimasti sul groppone, ma la faccenda sarà durata qualche mese, un vero flop!

    RispondiElimina
  8. Il pensiero di ritrovarmi in mano la storia di qualche pallonaro tatuato, o la verità rivelata da qualche politico da Ballarò' oppure qualche libercolo di qualcuno che si ritiene uno scrittore, ma mette assieme solo delle parole senza che si riesca non a capire, ma nemmeno immaginare cosa vorrebbe trasmettere, mi fa rabbrividire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Azz! Mi hai fatto pensare a un libro di fabiovolo impacchettato così. Che incubo!

      Elimina
  9. sia chiaro se serve ad avvicinare alla lettura qualcuno può essere utile... ma io indago in libreria, spulcio il libro e poi vengo attirato da parecchie cose, copertina, titolo, prime pagine, insomma una carta che copre non me gusta

    RispondiElimina
  10. Sicuramente beccherei qualche libro che ho già...

    RispondiElimina
  11. Ooh no! E se poi non val la pena? leggere richiede tempo, non lo si può sprecare con libri insulsi, già capitano le fregature sapendo cosa si sceglie, figurati non sapendolo.

    RispondiElimina
  12. caro alberto condivido.
    e altre cose che non ti aspetti.
    passavo per milano e un salto a feltrinelli è d'obbligo per libri che da noi non si trovano .
    che se ci fosse solo mondadori non leggerei più.
    ebbene scortesia e lentezza.
    e neanche conosceva l'autore.
    a sanremo corso Garibaldi mi hanno consigliato il libraccio (sito internet) ed anche amazon visto che il libro era fuori catalogo....

    buona estate alberto anche se spero di poterti finalmente rincontrare

    RispondiElimina