Pagine

mercoledì 15 novembre 2006

Comunità montana Intemelia: la notte dei coltelli



Me l'avevano detto: "Vacci, vacci, vedrai che avrai da scrivere". Ci sono andato e adesso scrivo.

Dunque l'altroieri alle 21 si è riunito a Dolceacqua (IM) il consiglio della Comunità Montana Intemelia per l'elezione del nuovo presidente. Questo Ente congloba i paesi delle tre vallate dell'estremo Ponente ligure a ridosso del confine francese. Sedici paesi per un totale di 48 consiglieri. Già da qui si può capire che un'istituzione così concepita nei suoi organi, e poi coi tempi che corrono, abbia seri problemi politici di governabilità. E allora in questi frangenti cosa si fa? Un pastrocchio. Ma cosa sono ormai queste differenze tra destra e sinistra? Meglio una bella ammucchiata. Ed ecco la lista, l'unica, proposta dall'ex presidente e candidato alla nuova amministrazione sostenuta da Forza Italia e dalla parte "vincente" dei DS.

C'è il vano tentativo di far slittare l'assemblea per una nuova convocazione, e dar modo a una seconda compagine (altra parte dei DS, Margherita, Verdi, qualche outsider) di concorrere. Si invoca "la democrazia", si urla"sistema alla bulgara". La parola "inciucio" diventa una pallina da ping pong che a seconda di dove rimbalza viene affermata o negata. Lo è, no, non lo è.

Il consigliere di minoranza di Castelvittorio in un intervento: "Io non sono né di destra né di sinistra, io sono fascista" e nessuno che ribatta. Spero sia nel verbale. C'è altra carne al fuoco che prestare attenzione a simili quisquiglie.

L'ex presidente e presidente candidato comincia a leggere il programma. Un fumogeno, di tutto e di più, che è la stessa cosa di niente e di meno. Dato che sono un po' vigliacchetto non pubblico le foto dei consiglieri che durante questa lunghissima lettura si sono appisolati.

Ma il torpore si scrolla quando prendono la parola alcuni ex assessori che ormai hanno capito che hanno sfilato loro la sedia. Così loro sfilano le spade. Robe pesanti dette a braccio o lette su documenti circonstanziati, accuse gravissime che generano scompiglio. Si straribadisce da parte dei vincenti che inciucio non è, perdio la politica non c'entra, sono solo accordi per amministrare.

Si vota. E l'ex presidente ridiventa presidente.

Allora io mi chiedo, se la politica non c'entra perché non vanno tutti a casa e i milioni di euro che passano nelle loro mani non li fanno gestire a funzionari dello Stato?
comunità montana intemelia
Ingrandisci la foto

comunità montana intemelia
Ingrandisci la foto

comunità montana intemelia
Ingrandisci la foto

Fra gli innumerevoli argomenti del programma ho sentito anche la parola "internet". Bene, la Comunità montana cominci a mettere ordine in casa propria. Il sito ha una pecca grave, per me gravissima. Non è accessibile con Mozilla Firefox che in tanti usiamo perché è sicuro e ha tool di rapidità che Internet Explorer se le sogna.

===============================================
AGGIUNTA
------------------------------
Comunicato del circolo "Tina Modotti" di Ventimiglia
17-11-2006
"Il Circolo "Tina Modotti" di Rifondazione Comunista di Ventimiglia esprime condivisione e sostegno alla denuncia politica fatta dal Consigliere Provinciale del Prc Roberta Rosso rispetto al vergognoso comportamento addottato in sede di Comunità Montana da parte di Marco Bertaina che hanno spregiudicatamente trescato e inciuciato con Forza Italia, Alleanza Nazionale ed il resto del Polo a scapito del centrosinistra arrivando addirittura a votare direttamente come Presidente l'esponente di Forza Italia Gian Stefano Orengo.

Quanto avvenuto in Comunità Montana rappresenta una pagina buia per la sinistra all'interno della nostra Provincia.

Chiediamo a tutte le forze politiche di centrosinistra e in particolare alla Segreteria Provinciale dei Democratici di Sinistra di prendere immediatamente le distanze e stigmatizzare con forza lo scandaloso comportamento addottato da Marco Bertaina, Flavio Gorni, Elvio Viale e Fausto Molinari.

Il Direttivo di Circolo "Tina Modotti" di Rifondazione Comunista di Ventimiglia.

Ventimiglia, 16 Novembre 2006

------------------------------
Comunicato stampa
Le sottoscritte Avv. Roberta ROSSO, Consigliere Provinciale per il Partito della Rifondazione Comunista nonché Delegata alla Comunità Montana Intemelia per il Comune di Dolceacqua, e Sig.ra Mariangela BUSCAGLIA, esponente della Federazione dei Verdi nonché Delegata alla Comunità Montana Intemelia per il Comune di Apricale, denunciano a tutti gli elettori del Centro Sinistra il gravissimo comportamento tenuto da alcuni esponenti dei Democratici di Sinistra ed in particolare da Marco BERTAINA in occasione dell’elezione del nuovo Presidente della Comunità Montana Intemelia, tenutasi nella notte di Lunedì 16 Novembre scorso in Dolceacqua.

I FATTI.
Nonostante l’impegno apparente e la volontà dichiarata dai Consiglieri del Centro Sinistra a presentare e sostenere un candidato Presidente ed una Giunta alternativi a quelli del Centro Destra e nonostante l’accorato appello in extremis di Sergio MERCENARO affinché i Consiglieri di Sinistra si astenessero, piuttosto che votare per la Destra, i diessini Marco BERTAINA, Flavio GORNI, Elvio VIALE e Fausto MOLINARI hanno pubblicamente sostenuto e votato il programma del Centro Destra, consentendo di raggiungere la maggioranza necessaria per l’elezione a Presidente della Comunità Montana Intemelia dell’esponente di Forza Italia Gian Stefano ORENGO.

Il martedì successivo le sottoscritte, indignate per l’accaduto, si sono rivolte alle rispettive Segreterie Provinciali, chiedendo un intervento esplicito e pubblico presso i Democratici di Sinistra per l’adozione di provvedimenti sanzionatori a carico di Marco BERTAINA e degli altri partecipanti alla cordata trasversale, che hanno oggettivamente rafforzato il Centro Destra proprio nell’approssimarsi delle elezioni amministrative a Ventimiglia e Bordighera!

Dolceacqua, 16 Novembre 2006

------------------------------
Comunicato di Mac Fiorucci (Margherita)
17-11-2006
Caudano ex consigliere: A Vallecrosia DS in giunta con AN e assessori che protestano contro la finanziaria di Prodi; in Comunità Montana DS che votano il presidente di Forza Italia negando il voto al candidato del centro-sinistra. Marcenaro è una figura storica della sinistra del ponente, non meritava una simile vigliaccata.
Capelli ex consigliere: Una volta si diceva: nani e ballerine, ora dominano le "soubrette". Siamo in presenza di una parte della sinistra che ha abdicato anche al ruolo dell'opposizione per svolgere la funzione di gregario della Casa della Libertà. La mia stima per Sergio Marcenaro: ha reso evidente la differenza in politica tra un signore e una soubrette.
Trionfo Elisa consigliere comunale: Appena nominata consigliere comunale nonché membro della Comunità Montana volevo cercare di capire e fare un po' di esperienza. Credo di aver assistito a una brutta pagina di trasformismo politico e di come smisurate vanità personali possono sopraffare gli ideali. Speriamo meglio per il futuro.
Fiorucci Giuseppe portavoce Circolo Margherita: fra pochi mesi dovremo dare vita al Partito Democratico, con "aperitivi" come questo della Comunità Montana (ma ce ne sono anche altri) non sarà un compito facile. La cosa è stata accolta con sconcerto anche dalla direzione provinciale. Cosa fare? Politicamente non lo so. Sono preoccupato per le prossime elezioni di Ventimiglia e Bordighera. Con la smodata vanità di simili personaggi ogni percorso diventa difficile. Speriamo che nel futuro soggetto politico, il PD, convergano anche quelle forze di sentimento più Ulivista esterne agli attuali partiti dei DS e Margherita in modo da eliminare gli atteggiamenti da primedonne con tutte le conseguenze derivanti.

13 commenti:

  1. I coltelli in realtà erano già stati affilati da mesi.
    La prima considerazione è che lunedì sera si è toccato veramente il fondo della politica. Se si può dire che questi signori facciano politica. Politica intesa come confronto di idee a favore della Comunità. Quello che è emerso è che l'unico interesse era il potere e la propria sedia, al di là di ogni ideale o interesse pubblico. Come si fà a pensare di annullare una riunione (il cui costo è stto quantificato di quasi 2.000 Euro tra gettoni presenza e lettere, raccomandate, telegrammi senza contere il tempo perso dal personale dell’Ente) per un giorno di ritardo della posta nella consegna della lettera di convocazione quando questi signori stavano lavorando per formare una proposta per questa stessa riunione. Oppure ricercare la correttezza amministrativa solo quando c'è il proprio interesse mentre prima perchè andava bene così è stata calpestata per anni. Una vegogna.
    A questo punto c'è da augurarsi che la nuova legge che prevede un rappresentante per Comune venga approvata. Forse con meno teste ci potrebbe essere più voglia di lavorare.
    L’unica salvezza per questo ente è un cambio generazionale, che da quanto ho saputo era stata la proposta iniziale con un "nuovo" ma poi affossata dai vecchi smascherandosi dietro alla politica. Correre il rischio di inserire qualcuno che non era legato a nessun filo di nessun burattinaio poteva essere un vero problema per questi signori.
    Un occasione persa, perchè da quanto mi è stato riferito "questa persona" che non conosco personalmente e quindi lo giudico da quanto ha fatto per il proprio Comune, poteva probabilmente cambiare il volto a questa Comunità Montana le cui attività e opportunità sono conosciute solo dagli Amministratori. Ancora oggi la stragrande maggioranza dei cittadini non conosce o capisce quali siano i servizi che questo Ente può fornire al Cittadino.
    Il mio vuole essere un rimprovero sia ai vinti, di cui faccio parte (i quali hanno sbagliato a modificare le scelte iniziali politiche andando poi a candidare chiunque pur di vincere e poi di non aver accettato la sconfitta) e ai vincitori (per non aver portato avanti nessun tipo di cambiamento).

    RispondiElimina
  2. Mi meraviglia e mi rattrista che Marco Bertaina, sindaco di Camporosso, che ritengo un ottimo amministratore, si sia prestato a questi giochi di bassa lega. Chissà adesso cosa succederà nei Ds.

    RispondiElimina
  3. Benito 396116/11/06 12:08

    vedo dal commento di Laura che si sa gia' quali "porcate" sono state commesse l'altra sera ma forse non si sa che "pigliatutto" erano mesi che girava promettendo di tutto e di piu' a tutti....che schifo la politica fatta cosi'....la Comunita' Montana dovrebbe pensare alla miglior gestione per i cittadini e non agli interessi personali dei suoi aggregati!!!

    RispondiElimina
  4. Queste "trasversalità" fra componenti di coalizioni diverse si sono date anche in altri casi - vedi il Parco Fluviale del Po e dell'Orba - e sono sempre motivate da interessi di altra natura (in quel caso, si trattava di "bloccare" la realizazione delle aree di laminazione, che invece i tecnici considerano unico rimedio efficace per attenuare la virulenza delle piene fluviali).
    Si vedono poi anche in certi Enti Locali, dove sottobanco, tra alcune forze di schieramenti diversi, vengono concordati i nomi dei componenti da eleggere in qualche consiglio di amministrazione, e poi magari la maggioranza ulivista agevola la cariera della moglie del capogruppo di AN (la quale graziosa signora è dipendente dell'Ente stesso).
    Come ho già scritto altrove sul blog, vi sono politici (collocati su entrambi gli schieramenti) che caldeggiano norme ambientali più largheggianti per "mostrare attenzione al mondo delle imprese", o, peggio ancora, che vanta(va)no collocazioni vicine alla "sinistra ambientalista" per ottenmere incarichi amministrativi dai quali sottobanco favorire gruppi di imprese che gestivano terreni da bonifica (provenienti da distributori di idrocarburi, di "origini" liguri, guarda un po'), magari silurando senza troppi complimenti dipendenti "eccessivamente scrupolosi" nei controlli per il rilascio delle autorizzazioni, o nella verifica dell'ottemperanza alle prescrizioni.
    Che lo facciano quelli di Forza Italia, passi (li votano per quello...). Che lo facciano anche i DS, invece, mi fa incavolare non poco. Dove sta, a questo punto,la differenza? Nel colore della tessera? In quello della camicia? E' diverso un fascista rosso da un fascista nero? Che differenza passa tra una "sinistra modello nordcoreano" (i leader ed i loro accoliti hanno tutti i diritti, degli altri chi se ne frega) e la concezione berlusconiana (chi ha i soldi ha tutti i diritti, degli altri chi se ne frega)? Vi ricordate cosa diceva Sandro Pertini: "E' socialista quella società che riesce a dare ad ogni individuo la massima possibilità di decidere la propria esistenza e di costruire la propria vita"? E questi vogliono fare il Partito Socialista Europeo? Ma mi facciano il piacere!

    RispondiElimina
  5. Grazie Alberto per questo spazio.
    Perchè stupirsi tanto se questo è quello che si è riusciti a produrre in questi mesi di trattative e di tradimenti. questa è la nostra non-politica, e nessuno ne è immune, sia a destra che a sinistra.
    La candidatura di Borfiga è venuta fuori come possibile svolta a sinistra in CMI, per questo motivo alcuni amministratori intemeli di centro sinistra hanno riposto le loro speranze nel Borfiga. Se poi il soggetto in questione avesse i numeri e la sostanza lo si è visto alla resa dei conti, questa resa è stata preceduta ed accompagnata da insulti, ignoranza ed interviste al limite del ridicolo. Dei problemi e del ruolo della CMI o del suo superamento nella forma attuale, come previsto nella legge finanziaria, a pochi importava. Questa storia è triste per molte ragioni, triste sopratutto per una parte del centro sinistra intemelio, aver aspettato che un personaggio come il Borfiga si autocandidasse alla guida della CMI e che avesse l'ardore, come da lui sostenuto, di rappresentare il nuovo in CMI!!
    Io sono un consigliere in comune a Pigna iscritto ai DS e credetemi non ne valeva la pena, bene hanno fatto amministratori come Bertaina a prenderne le distanze e a cercare il dialogo con la maggioranza che piaccia o non piaccia è di centro destra.
    Roberto

    RispondiElimina
  6. Marco Bertaina è Marco Bertaina, ma anche Marcenaro non è da meno: circa un anno fa, a Vallecrosia, dove risiede, ha patrocinato una lista di parte dei DS, spaccando il partito, con il centro-destra.
    Oggi un assessore DS siede in giunta con assessori targati F.I. e A.N.
    Con questi SINISTRI non si va da nessuna parte!
    Fanno solo aumentare il disgusto!

    RispondiElimina
  7. Mi pare che tra tutte queste persone "dicenti" di sinistra, ci sia veramente poca onestà politica ed intellettuale.
    Perchè la Rosso e la Buscaglia, come lo stesso Mercenaro non dicono che dopo una prima fase in cui il centro sinistra cercava di trovare un accordo attorno a Mercenaro presidente, l'allora Vice Presidente della Comunità Montana Perrino della Rosa nel Pugno(che è stato eletto qualche ano prima con un accordo con Forza Italia, ma allora andava bene..!) ha proposto quale candidato Presidente l'ex Sindaco di Pigna Borfiga (di AN) rompendo così già quei precari equilibri.
    E perhcè non si dice che proprio a causa di Perrino la sisnistra non riusciva a compattarsi e che ad un certo punto, la sinistra tra scegliere un candidato PResidnete di AN o uno di Forza Italia, ha scelto quest'ultimo,
    Solo quando qualcuno ha capito che la cordata Borfiga era ormai perdente, ha ripescato Mercenaro. Il quale, a mio avviso, male ha fatto a riaccettare la candidatura proprio da quelli che lo avevano affondato la prima volta.
    Io credo che ci debba essere una correttezza di fondo anche in politica. Tutti sanno che il personaggio Bertaina è scomodo a molti e sopratutto nella sinistra e quindi ora non pare vero a molti di cogliere l'occasione per attaccarlo. Ma, pur non essendo per nulla un estimatore di Bertaina, in questo caso ha dimostrato di tener fede alla parola data.
    Infine un'ultima considerazione.
    Se veramente la sinistra avessa da domani i numeri, basterebbe convocare un Consiglio e sfiduciare con i voti l'attuale Presidente. Perchè non perseguire questa strada?

    RispondiElimina
  8. Gli assenti e le bandieruole

    Perchè non parliamo invece delle "magre" figure fatte dagli assenti e presenti bandieruole?
    Il Sindaco di Soldano, che sottoscrive l'accordo con Forza Italia contro il suo rappresentante Mercenaro e poi non si presenta a sostenre come Comune questo atto.
    Il Sindaco di Dolceacqua, tesserato Forza Italia, che non si è presentato alle votazioni perchè bloccato dai suoi consiglieri di sinistra ma partecipa attivamente alle attività ed incontri forzisti.
    Il facente Sindaco di Apricale, che ha un consigliere di maggioranza che ha votato Orengo ed che sarà uno degli Assessori, ma lui si astiene, anzi chiede con una dichiaraizone di voto di sospendere l'elezione e difendendo la posizione di Borfiga a cui a suo dire era stato promesso anni addietro la caricadi Presidente alla scadenza del mandato di Orengo. E' parso a tutti un ponzio Pilato ma con la vittoria in tasca. Il tenere i piedi in più scarpe orami è il passatempo preferito dai nostri rappresentanti.

    RispondiElimina
  9. Sergio Marcenaro lo ritengo una brava persona, e, davvero, una delle colonne "storiche" della sinistra locale. Ricordo di aver cenato con lui, diversi anni fa, all'Osteria di Soldano, con un eccellente "brandacujùn" e dell'altrettanto squisito vino locale, ed avevamo parlato a lungo del nuovo ruolo della sinistra di governo (erano i tempi del primo governo ulivista). Credo che una certa dose di pragmatismo in politica ci vuole (essere "duri e puri" ad oltranza, a volte, è controproducente per tutti), ma una cosa è fare i conti con la realtà, un'altra, ben diversa, è comportarsi da cinici e da arrivisti. Che Antonio Fimmanò (attuale sindaco di Soldano) non abbia sostenuto Marcenaro può sembrare curioso, ma non bisogna dimenticare che lui è un dipendente comunale di Ventimiglia, e che spesso bisogna purtroppo attaccare l'asino dove vuole il padrone.
    Certo, lo spettacolo non è stato comunque edificante, per nessuno.

    RispondiElimina
  10. La cosa più preoccupante di tutta questa storia è che nessuno parla di programmi. QUi la scelta è su destra o sinistra, su tradimento o inciucci. Nessuna parla di programmi che dovrebbe essere l'elemento fondamentale perchè un gruppo si unisce e porta aventi un progetto.
    E invece no! l'importante è mascherarsi dietro una ideologia, non importano i contenuti e la sostanza. Ne chi è stato intervistato sui giornali o a scritto su questo Blog si è posto il problema: ma la destra o la sinistra cosa farà o vorrà fare quando governerà la CMI?
    Anche durante il consiglio nessuno si è confrontato su questi temi! Incredibile: ma dov'è l'interesse del cittadino?
    Pensato che il nuovo Presidente non ha fatto altro che prendere il vecchio programma di 5 anni fà e togliere un po di polvere e nessuno lo ha commentato. La sinistra che ha chiesto l'astensione per poter presentare una nuova lista non ha indicato un ben minimo indizio di programma.
    Allora ha ragione l'anonimo che ha detto che a questi signori dava fastidio la proposta del "nuovo" perchè non legato a nessun burattinaio.
    Anche sulla vicenda della mancata presentazione di questo “nuovo”, collega amministratore e che credo tutti possono apprezzare perchè un valido Assessore del Comune di Dolceacqua ci sarebbe molto da dire, visto che tutti sanno ma tutti fanno finta di non sapere .
    Una vicenda che solo questa raccontata può far capire come la CMI non potrà mai essere un organo di utilità per la popolazione.
    Questo Amministratore, proposto da Forza Italia al quale affiancare un vice presidente di sinistra formando poi una giunta di giovani, gente nuova, aveva trovato l'accordo della maggioranza dei Comuni di Destra e di Sinistra della Comunità e mi dicono anche con il benestare delle segreterie di quasi tutti partiti. Infatti lo stesso che non è iscritto a nessun partito, avrebbe chiesto quale condizione per accettare il benestare di entrambe le correnti politiche (così è stato riferito ad una riunione di gruppo).
    Ma gli stessi rappresentati del Comune di Dolceacqua ne hanno impedito l'elezione per salvaguardare interessi di altri amministratori. Un sindaco di Forza Italia, come è stato precedente scritto, è andato contro le linee del suo partito per non ostacolare il progetto di persone di sinistra ma che appoggiavano uomo di AN Presidente, andando così contro non solo un suo assessore ma anche agli interessi del Paese visto che in questa nuova Giunta, Dolceacqua non è rappresentata.

    Quale tesserato di sinistra sono rimasto molto rattristato sia dal comportamento di Bertaina & C che di Mercenario & C. in quanto hanno tutti dimostrato come l'interesse personale possa essere mascherato dietro ad un ideale.

    RispondiElimina
  11. Concordo perfettamente sulla questione del programma. Del resto basta vedere cosa avevo scritto nel post. Però a questo punto si aggira un fantasma. Come mai nessuno osa nominare, per nome e cognome, questo candidato super partes? Lo si surgela incellophanato senza etichetta per tirarlo fuori al momento opportuno?

    RispondiElimina
  12. Ottimi tutti i commenti..ma quanta energia si perde inutilmente....in politica.

    Da tre anni porto avanti il compito in CMI sulla protezione civile unendo le squadre con ottimi risultati.

    Un grazie a tutti i volontari di protezione Civile che ogni anno generosamente sacrificano il loro tempo libero per difendere la natura, i nostri boschi, il nostro patrimonio.

    Sono loro i veri amanti della natura,cacciatori compresi, non qualche farneticante politico che si spaccia per Verde....

    Flavio Gorni

    RispondiElimina
  13. Lo Scandalo BPM - Banca Etica

    da http://fondo-investimento-etico.blog.kataweb.it/il_mio_weblog/2007/05/finanza_etica_n.html

    L'incredibile elenco di migliaia di circoli, associazioni e gruppi di varia natura che ricevono centinaia di migliaia di euro di finanziamento a fondo perduto.

    Non appaiono in alcun modo aziende etiche di nessun tipo in grado di reggersi sulle proprie gambe e produrre acqua, cibo, biomassa, energia, reddito.


    http://www.bancaetica.com/finanziamenti/popfin_el.php?Ultimo_anno=true&nn=4808470401411642

    E' SCANDALOSO NON HANNO FINANZIATO NEANCHE L'ACQUISTO DI UNA TURBINA A VENTO AD UN PRIVATO, UNA MACCHINA ELETTRICA, UN PANNELLO SOLARE, DEGLI ELETRODOMESTICI CLASSE A PER DIMINUIRE I CONSUMI

    Niente solo circoli di partito e associazioni cristiane.

    UNO SCANDALO ENORME

    IL DISASTRO , LA FINE, IL CROLLO

    RITIRATE I SOLDI DA BPM E BANCA ETICA

    Scritto da: Serpentina di Schietti | 26/05/07 a 21:22

    In questo articolo si parla delle comunità etiche tribali.

    http://fondo-investimento-etico.blog.kataweb.it/il_mio_weblog/2007/05/comunit_tribali.html

    Ce ne sono in tutto il mondo.

    In Italia ci sono tante comunità montane organizzate in questa maniera.

    Nel mondo ovunque ci sono ancora villaggi organizzati in questa maniera.

    Per capire se una comunità è di tipo etico devi fare un giro nei loro territori per vedere se le coltivazioni sono biologiche, se le foreste sono preservate o regolarmente bruciate per ingannare il contribuente ed ottenere contributi dallo stato per la riforestazione.

    Devi anche fare un salto dentro al comando dei carabinieri ed informarti sul tasso di criminalità.

    Nelle comunità montane etiche spesso non vengono commessi reati per anni e anni, a volte passano vent'anni senza che nessuno sporga una denuncia seria.

    I membri delle comunità etiche possono sempre rivolgersi al proprio sindaco e qualsiasi sia il loro problema vengono aiutati a risolverlo nel più breve tempo possibile.

    Sono una vera manna per una banca etica che volesse investire i suoi soldi in acqua potabile, energia pulita, coltivazioni biolgiche, aziendine di ogni tipo.

    Eppure se guardate qua nella lista dei prestiti di Banca Etica BPM non ne appare neanche una

    http://www.bancaetica.com/finanziamenti/popfin_el.php?Ultimo_anno=true&nn=4808470401411642

    L'incredibile elenco di migliaia di circoli, associazioni e gruppi di partito di varia natura che ricevono centinaia di migliaia di euro di finanziamento a fondo perduto in cambiodi voti.

    Non votare, stattene a casa. Destra e sinistra sono una peggio dell'altro, sono d'accordo nell'oscurare la Finanza Etica, la Serpentina ed i Motori Magnetici.



    UNO DEI TANTI DISCUSSI FONDI DI INVESTIMENTO ETICI DI BPM E BANCA ETICA CHE DIMOSTRANO CHIARAMENTE CHE I SOLDI VENGONO INVESTITI IN GRANDI AZIENDE COLLUSE CON I NEMICI DELL'UMANITA' E NON IN PICCOLE-MEDIA AZIENDE ETICHE AL SERVIZIO DEL GENERE UMANO

    DA http://www.eticasgr.it/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=10

    Valori Responsabili Bilanciato
    TITOLI DI STATO
    Titolo Peso Rating Duration
    Francia
    FRANCE O.A.T 4% 09 2,70% AAA 2,021
    FRANCE O.A.T.5% 2011 1,39% AAA 4,194
    Germania
    B.SCHATZ 3,75% 12/12/2008 13,14% AAA 1,731
    BUND 3,75% 04/01/15 10,36% AAA 6,882
    BUND 4,5% 04/01/2013 2,03% AAA 5,231
    BUND 4,75% 07/2034 1,48% AAA 15,97
    BUND 5,25% 04/01/11 4,13% AAA 3,549
    BUND 5,50% 04/01/2031 1,58% AAA 14,64
    Paesi Bassi
    NETHERLANDS GOVT 3,75% 09 1,33% AAA 2,249
    Totale Titoli Stato 38,14% - -
    AZIONI
    Titolo Peso Paese
    STOREBRAND ASA 1,97% Norvegia
    SVENSKA CELLULOSA AB 1,23% Svezia
    APPLIED MATERIALS 0,92% U.S.A.
    CISCO SYSTEMS INC 1,72% U.S.A.
    DELL INC 1,63% U.S.A.
    ELI LILLY & CO. 3,12% U.S.A.
    GAP INC 3,07% U.S.A.
    INTEL CORP 1,75% U.S.A.
    INTERNATIONAL PAPER 1,32% U.S.A.
    KRAFT FOODS INC. 1,67% U.S.A.
    UNITED PARCEL SERV "B" 1,73% U.S.A.
    COLRUYT NV 0,86% Belgio
    UMICORE 1,01% Belgio
    NOKIA 0,67% Finlandia
    BIC 0,71% Francia
    FRANCE TELECOM SA 0,88% Francia
    PEUGEOT CITROEN SA 1,20% Francia
    SANOFI-AVENTIS 1,10% Francia
    BMW 1,26% Germania
    DEUTSCHE TELEKOM 1,73% Germania
    METRO AG 1,30% Germania
    INDESIT COMPANY 0,00% Italia
    SABAF SPA 0,21% Italia
    KPN NV 0,96% Paesi Bassi
    STMICROELECTRONICS NV 0,67% Paesi Bassi
    TNT NV 1,23% Paesi Bassi
    RED ELECT.ESPANA 0,94% Spagna
    ASTRAZENECA PLC 1,22% Gran Bretagna
    BG GROUP PLC 2,60% Gran Bretagna
    CAPITA GROUP PLC 0,99% Gran Bretagna
    CENTRICA PLC 0,98% Gran Bretagna
    FIRSTGROUP PLC 3,00% Gran Bretagna
    KELDA GROUP 0,78% Gran Bretagna
    NATIONAL GRID TRANSCO 1,95% Gran Bretagna
    PEARSON PLC 0,69% Gran Bretagna
    REED ELSEVIER PLC 1,60% Gran Bretagna
    VODAFONE GROUP PLC 2,36% Gran Bretagna
    ASAHI GLASS 0,59% Giappone
    ASTELLAS PHARMA 1,08% Giappone
    CANON INC. 1,15% Giappone
    DENSO CORPORATION 0,79% Giappone
    MITSUBISHI ESTATE CO. 1,23% Giappone
    NTT DOCOMO INC 0,83% Giappone
    SONY CORP 1,03% Giappone
    TEIJIN LTD 0,68% Giappone
    TOYOTA MOTOR CORP. 1,14% Giappone
    Totale Azioni 59,55% -
    Totale Titoli Stato 38,14% -
    Totale Azioni 59,55% -
    Totale Liquidità 2,31% -
    Totale 100,00% -
    COMPOSIZIONE GEOGRAFICA DEI TITOLI AZIONARI
    Area geografica Peso
    America 28,41%
    Area Euro 24,75%
    Europa non-Euro 32,52%
    Asia e Pacifico 14,32%
    Totale 100,00%
    COMPOSIZIONE SETTORALE DEI TITOLI AZIONARI
    Settore Peso
    Consumer discretionary 18,24%
    Consumer staples 6,53%
    Energy 4,38%
    Financials 5,46%
    Health Care 10,98%
    Industrials 13,95%
    Information Technology 14,26%
    Materials 7,22%
    Telecommunication Services 11,13%
    Utilities 7,85%
    Totale 100,00%
    Patrimonio del Fondo: 76.618.581,56 €
    Duration media del portafoglio: 4,52 anni
    Dati aggiornati al 28 febbraio 2007

    RispondiElimina