Pagine

venerdì 9 marzo 2012

Mosca, caccia senza tregua alle Pussy Riot

Pussy Riot

Le stanno cercando nei licei, nelle sale da ballo, nei piano bar di tutta Mosca. Ma l'impresa è ardua perché i loro identikit son del tutto vaghi. Giovanissime, musiciste, attrici, amano il linguaggio scurrile.

Si fanno chiamare "Pussy Riot" (eh, eh) e sono già famose dalla Siberia agli Urali e ai Carpazi per merito dei filmati su youtube. Passamontagna coloratissimi, arrivano come fulmini nei luoghi strategici della capitale russa e improvvisano miniconcerti con chitarre bongo e un profluvio di parolacce e insulti contro Putin, Medvedev e il potere tutto. Cose in fondo innocue.

Ma nella settimana passata hanno compiuto un errore fatale. Il concertino lo hanno tenuto nella chiesa del Santissimo Salvatore cantando "O Madonna liberaci da Putin". Il Patriarca scandalizzato ha urlato al sacrilegio e la polizia ha messo le "Pussy Riot" al primo posto nella lista dei ricercati.

Due giorni fa ne hanno prese due, Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova, e la polizia aveva assicurato che per le altre le ore erano contate. Infatti ieri, giornata della donna, tornate in piazza per protestare per la libertà delle due attiviste, altre cinque sono finite in galera. Due pittrici, un'attrice di prosa e due studentesse: rischiano sette anni di carcere per vilipendio alla religione.

Che c'entri in tutto ciò l'appoggio incondizionato del patriarcato al partito di Putin che assomiglia sempre più a una relazione d'affari: la chiesa ortodossa chiede e Putin concede ottenendo in cambio il totale apporto elettorale dei credenti. Che c'entri in tutto ciò il fatto che la chiesa ortodossa partecipi indubbiamente alla grande razzia delle risorse del Paese? Che c'entri in tutto ciò il fatto che in due decenni la chiesa ortodossa abbia recuperato tutto il potere temporale che aveva ai tempi degli zar?

Pussy Riot
Pussy Riot

13 commenti:

  1. Grandiose loro, e tragica (ma non nuova) la lezione: puoi sbeffeggiare persino un mafioso e pericoloso tirannello figlio d'una putin, ma se provi a toccare le fanfaluche su cui si basa la mafia principale, cioè il Potere religioide escrementizio (che ovviamente sta dalla stessa parte, come sempre è stato nei secoli)...

    Sarebbe ora di abolirlo, quell'osceno scaracchio all'intelligenza noto come vilipendio di fanfaluca... Io posso credere all'asino che vola e chiunque sarebbe libero di sfottermi, ma se gli asinovolisti diventassero milioni, apriti culo: vilipendio di asinovolismo... ma vaff...

    RispondiElimina
  2. "vilipendio di fanfaluca" è una bella definizione, ma "vilipendio di asinovolismo" è fantastica!

    Vado, è l'ora della mia quotidiana prece al Mostro Di Spaghetti Volante.
    Ramen a tutti.

    RispondiElimina
  3. Ovunque nel mondo, il clero predica bene ma finisce sempre per rincorrere il potere temporale... :-(

    RispondiElimina
  4. mazzalipreti9/3/12 11:40

    Solita storia, come da noi anche in Russia. La ckqhiesa (cattolicoionica o ortostronza) ha sempre in mano anche il potere temporale. Sarebbe ora, per i russi come per noi, di liberarsene.

    RispondiElimina
  5. Maistretu9/3/12 13:39

    quello che sta avvenendo in Russia in merito alla repressione è drammatico, sia che si tratti di Pussy o di chi scende in piazza a viso scoperto, uomini e donne picchiati e rnchiusi in carcere in condizioni terribili, giornalisti che vivono o nel servaggio totale o nella paura totale.. tutto questo ci rammenta quanto sia difficile "pensare" in certi paesi, nel mentre il nostro demente ex psiconano vola a Mosca con un aereo carico di bagasce a festeggiare un criminale..
    Maistretu

    RispondiElimina
  6. non le conoscevo.
    Sono queste le persone che possono salvare questo mondo, proprio da quelli che le hanno prese.
    Ora il popolo dovrebbe rispondere facendo nascerne altre all'infinito, per cercare di salvarle.
    Anche se temo di sapere già il finale
    purtroppo.

    RispondiElimina
  7. da sempre e per sempre il potere religioso sottomette anche i potenti,dove non arriva il potere secolare arriva quello religioso amen!!! Gio

    RispondiElimina
  8. Loro sono splendide, parteggio per loro. Ma si sa, il potere religioso ha dietro di sé un esercito di cosiddetti credenti, come fa a non essere preso in considerazione dal potere politico?

    RispondiElimina
  9. Gian Paolo9/3/12 21:12

    10, 100, 1000... Pussy Riot

    RispondiElimina
  10. Che c'entri in tutto ciò il fatto che le "chiese" altro non sono che una delle maschere dello stesso potere ?

    RispondiElimina
  11. Putin??? ma é tutto regolare, e poi...non siamo amici???

    RispondiElimina
  12. Non sono affatto innocue, queste variopinte combattenti. Le loro azioni, imprevedibili e seduttive (nel senso che attirano su di sè l'attenzione) rompono la sicurezza della quotidiana accettazione.
    Una provocazione ben architettata può ottenere risultato e consenso e far tremare il potere molto più dell'assalto a un palazzo. Gli arresti in corso, purtoppo, lo confermano.

    RispondiElimina
  13. Però la parola "Pussy" (che è la traduzione anglosassone del cognome del ministro Passera) fa pensare piuttosto al Lecco della Brambilla - almeno come area tematica, diciamo.

    RispondiElimina