Pagine

giovedì 29 marzo 2012

Traduzione della traduzione della traduzione...

Traduzione

Il colophon che vedete non l'ho riprodotto da un libro ma da un allegato a un quotidiano che quel libro pubblicizzava. La scrittrice, di cui si decantano le qualità, è greca e scrive in greco. Quando ho visto "Traduzione dall'inglese" sono rimasto interdetto. Ma come, dall'inglese? E perché non direttamente dalla lingua originale? Qualcuno potrebbe spiegarmelo?

E così si potrebbe immaginare una catena di traduzioni. Adesso, dall'italiano questo romanzo si potrebbe tradurre in turco, poi dal turco in arabo, poi dall'arabo in russo, e, tanto per aggiungere l'anello che questa catena andrebbe a chiudere, di nuovo in greco. Quindi confrontare le due edizioni: quella originale e questa ultima passata da vari strati di Babele. A confrontare certe frasi sono sicuro che ci sarebbe da ridere.

13 commenti:

  1. Proprio come c'è da ridere a leggere quel che dicono certi testi cosiddetti "sacri", frutto di traduzioni di traduzioni di traduzioni di traduzioni che risalgono, se va bene, a 1.000 anni fa.

    RispondiElimina
  2. "Questi è Vincenzo Monti Cavaliero | Gran traduttor dei traduttor d'Omero"

    RispondiElimina
  3. Sui testi sacri ti sbagli, infatti la Bibbia dei cattolici per quanto riguarda il vecchio testamento è quella che veniva usata dalla comunità ebraica residente in egitto e che usava il greco alessandrino.
    I vangeli erano scritti già in greco nell'originale, essendo testi destinati al catechismo delle comunità ebraiche residenti fuori dalla Palestina e che quindi ancora parlavano greco e non ebraico o aramaico.

    Chi studia teologia di solito studia sugli "originali", quindi il greco. Del resto anche i Romani usavano il greco come lingua colta.

    Le traduzioni in "volgare" risalgono alla riforma luterana.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ah poi mi sono dimenticato che sono anche stati ritrovati i famosi "rotoli del mar morto" che a quanto pare risalgono più o meno all'epoca di Gesu e contengono testi della setta degli Essni.

    Manoscritti del Mar Morto

    RispondiElimina
  6. Non c'è limite all'indecenza! Del resto, quella che impera è la Kultura del Grande Fratello, per non citare l'italiano approssimativo di tanti onorevoli milionari.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. in fondo, è già corretto il fatto che c’è scritto, che è la traduzione dall’inglese

    è questione di costi: tradurre dal greco costa molto più caro che dall’inglese

    certo non è il massimo della qualità filologica, ma, ripeto, almeno c’è scritto

    RispondiElimina
  8. in pratica non l'ha più scritto l'autore...

    RispondiElimina
  9. non mi ricordo di quale altro autore ci è arrivata una traduzione non dalla sua lingua originale bensì mi sembra dal tedesco, ne parlavamo l'altra sera con amici, accidenti alla memoria, ma te o faccio sapere

    evidentemente a volte preferiscono così,, sicuramente qualcosa andrà perso..come quando io ti dico quello che mi hanno detto gli avevano detto......

    RispondiElimina
  10. ci saranno stati dei tagli sui traduttori greci! sai, per via della crisi ellenica.

    RispondiElimina
  11. Un po' come quando da bimbi si giocava al "telefono senza fili"...

    RispondiElimina
  12. Maistretu29/3/12 20:44

    tradurre è anche lavoro, forse le traduzioni seguono il ciclo delle patate che spedite in giro per l'Europa ritornano poi patatine.. le traduzioni poi sono frutto di scontri tra le case editrici e gli autori, non sempre conformi all'originale, diciamo che chi traduce forse cerca di contestualizzare certi concetti. quando S. Gerolamo tradusse le Scritture (la Vulgata), su incarico di papa Damasio nel V secolo, forse si scontrò con una miriade di scritti Greco, Ebraico, che rimane per tutta la Diaspora la lingua dei testi Sacri, l'Aramaico gli Ebrei, dimenticando l'Ebraico parlato lo impareranno q in Mesopotamia dopo la distruzione del primo Tempio. l'Ebraico è la lingua della Torah insegnata nei Cheder, delle funzioni, ma non la lingua parlata, gli Asckenaziti inveteranno lo Yiddish (tedesco,polacco,ebraico) ed i Sefarditi parleranno la lingua dello splendore: lo Spagnolo. difatti la traduzione di autori come Singer, Appelfeld, Agnon, Buber ed anche il recente Yehoshua ecc, non è stata affatto semplice per i traduttori..
    Mazel Tov..
    Maistretu

    RispondiElimina
  13. Un esperimento del genere era stato fatto qualche anno fa con una poesia, se non ricordo male il Pinto per la morte di Ignacio Sanchez Mejias di Lorca (quello delle cinque dela sera, tanto per capirci). L'effetto era straniante.
    D'altronde, anche la prima edizione di Zorba il Greco (ora hano rimediato) era tradotta dalla tttraduzioen inglese, mentre Ultima tentazioene era tradotta dalla traduzione francvese. Anche Montale si chiedeva cosda resta dell'originale nella traduzione di una traduzione.

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.