Pagine

venerdì 29 giugno 2012

Perdersi in città

Milano
[clic per ingrandire]

Non sapersi
orientare
in una città
non significa molto.
Ci vuole invece
una certa pratica
per smarrirsi
in essa
come ci si smarrisce
in una foresta.


Walter Benjamin
Immagini di città

È poi che chi abita in città rischia di frequentare gli stessi posti e di ripetere fino alla monotonia gli stessi percorsi. Crogiolandosi passivamente in spazi solo familiari. Dovrebbe invece, quando ha del tempo da perdere, andare a perdersi in quartieri sconosciuti alla ricerca dell'insolito e dello spaesamento gradevole, ridiventare insomma straniero nella propria città.

E capitare, come succede spesso a me a Milano, in angolini inaspettati, come questo, a una decina di metri da una via molto trafficata, che con la sua tranquillità si fa beffe della convulsione scellerata dai ritmi contro natura.

Si accorgerà allora che non è tempo perso, ma guadagnato al giusto fluire della vita.

Milano

33 commenti:

  1. Ho sempre amato gironzolare senza scopo (perdermi) in città che non conosco.
    Chissà perché non l'ho mai fatto a Milano, hai ragione tu: vale la pena.

    RispondiElimina
  2. A Venezia mi capita ancora di perdermi, nonostante ci viva da più di trent'anni. La cosa buffa è che uno dei posti in cui più facilmente perdo l'orientamento è quasi sotto casa. Mi succede ogni volta che mi addentro in quell'intrico che sta fra la Celestia e San Francesco della Vigna, e giro a vuoto fino a che non trovo un punto di riferimento.

    RispondiElimina
  3. Di tutti i posti dove ci si può perdere direi che Milano è quello che richiede una buona dose di masochismo. Io invece prendo lo scooter e gironzolo a casaccio intorno a laghi e colline, a volte montagne. Cosi mi perdo tra paesi e campagne.
    Si, certo, ci sono angoli sorprendenti a Milano, il problema è che sono affogati in un oceano di sofferenza.
    Oltre il fatto che Milano per antica tradizione è la città degli spazi chiusi, dei cortili e dei caffe. Non ha spazi aperti, piazze e vie, dove ci si incontra.

    RispondiElimina
  4. Che bella questa condivisione! Sono assolutamente d'accordo con te...e fra l'altro anche io fino a 8 anni fa facevo lo stesso a Milano, quando ci abitavo ancora. Anche Roma ha una bellissima periferia...però ultimamente mi è capitato di essere in una via in città che per me era sconosciuta ma molto particolare, nonostante la ferrovia sotto alla mia destra...un arco inaspettato era lì. Anzi, aspetta che cerco la foto e la pubblico nel commento successivo :)

    RispondiElimina
  5. Una Milano da scoprire! Interessante riflessione.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. Questo è l'angolo insospettato...nulla di eccezionale, ma quell'arco è stato una bella scoperta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio questo, Nico, cose insospettate che quasi per magia ti spuntano davanti. Ciao.

      Elimina
    2. la casilina vecchia, poco dopo il circolo degli artisti!
      bellissimo, soprattutto per il contesto.

      Elimina
  7. Alba Sismondini29/6/12 13:16

    Chissà che bello quel terrazzino quando sarà fiorito. Vasi strani. Ma quando ci sei passato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto l'ho scattata il 9 giugno. Se riesco ci ripasso nei prossimi giorni e se viene fuori una bella foto col terrazzino fiorito faccio un aggiornamento al post. Ciao.

      Elimina
  8. hai perfettamente ragione bisognerebbe farlo più spesso, mi è capitato qualche tempo fa di passare per una mulattiera mai fatta ho avuto proprio la sensazione di essere turista in casa mia

    RispondiElimina
  9. Mi perdo facilmente nelle grandi città senza bisogno di impegnarmi, forse perché ho scarso senso dell'orientamento. Ho notato che molte donne hanno lo stesso problema, mentre l'uomo esplora e domina meglio lo spazio che, atavicamente ,era il suo terreno di caccia e scoperta , la donna si orienta meglio nel tempo, ne è quasi la custode,infatti sono legati ala donna i cicli temporali della fertilità,della crescita dei figli,dei riti, dell'alternarsi delle stagioni,del giorno e della notte, delle fasi lunari. È un'idea che mi piacerebbe sviluppare. Ciao Al, buon fine settimana. :)

    RispondiElimina
  10. Balcone originalissimo ma mai avrei pensato ad un angolo del genere a MILANO! L'immagine mi fa pensare più ad una piazzetta di paese, e quel "perdersi in città" mi fa intendere che anche tu ne sia rimasto in qualche modo stupito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti proprio a una piazzetta di paese mi aveva fatto pensare.

      Elimina
  11. Mi piace molto esplorare a piedi Roma , dove ho dovuto attivare al massimo il mio senso dell'orientamento in distanze fino a qualche mese fa inimmaginabili.

    RispondiElimina
  12. Ma dov'è questo incredibile posto milanese?
    E' bello ed è vero quello che dici. Milano ha degli angoli splendidi e non tutti sono così conosciuti come ad esempio i fenicotteri di villa Invernizzi.
    Enon sono d'accordo con l'affermazione di Lorenzo "Non ha spazi aperti, piazze e vie, dove ci si incontra." Al contrario, ci sono i nuovi luoghi d'incontro, proprio per la strada, corso Como ne è un esempio.
    Adoro Milano, una città discreta che vuole essere scoperta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' all'inizio del naviglio grande, sulla parte destra.

      Elimina
  13. L'unico modo di ritrovarsi in certe citta' e' perdersi, e' vero. Alberto ti devo chiedere scusa perche' utilizzando (male) una nuova diavoleria elettronica (il tablet) ho cancellato per errore il tuo ultimo commento oltre alla mia risposta e credo di averne cancellato anche un'altro!

    RispondiElimina
  14. Ne sono più che convinto, di questo assioma!

    RispondiElimina
  15. questi angoli di vita e di tenerezza dove il tempo scorre, forse, più lentamente, sono sempre più rari, quasi onirici..
    Maistretu

    RispondiElimina
  16. tutto avrei detto tranne che il luogo delle foto fosse Milano!! A volte anche delle città in cui non abitiamo abbiamo delle immagini monotone e sempre uguali, abitudinarie.

    RispondiElimina
  17. Tu sei speciale, come le tue speciali, risorse interiori - ciao

    RispondiElimina
  18. ecco una deriva psicogeografica!

    saluti

    RispondiElimina
  19. Ma pensa te, io pensavo ad un paesotto. Magari di montagna. Vedi come un (bel) dettaglio arricchisce uno scenario? :)

    RispondiElimina
  20. All'inizio del Naviglio Grande sulla parte destra? hai detto. Allora sono cieca. Come mai non l'ho mai visto questo incanto? Questa sera giuro che ci passo, apposta per vedermi quest'angolo incantato che i miei occhi non hanno saputo vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono stato preciso, è Alzaia Naviglio Pavese.

      Elimina
  21. Ci sono angoli di Milano sorprendenti, io sono nata, cresciuta e vivo in un quartiere molto carino vicino al centro, cammino molto a piedi e ho scoperto di recente che nel quartiere Isola, ci sono delle botteghe di liutai, pellettieri e artigiani vari...

    RispondiElimina
  22. Ultimamente mi manca un po' gironzolare. Ad ogni modo, una volta, l'ho scovato anche io un angolino tranquillo (ce ne sono, in effetti).
    Appena ritrovo il post, magari vengo a lasciarti il link (o lo metto su GPlus!)

    RispondiElimina
  23. Anche nei paesi è bello perdersi addentrandosi in quei carugi in cui non si è mai passati... E sono tanti!

    RispondiElimina
  24. Che bello il post. E che delicati i commenti...

    RispondiElimina
  25. è bello perdersi in una città, lo faccio spesso

    RispondiElimina
  26. asia rossa30/10/13 18:25

    Mi ricorda una via di una piccola città come Sarzana

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.