Pagine

martedì 3 luglio 2012

Ritornare a casa

La fata del Ghiro sveglio

Dopo averne parlato QUI e non averne mai mostrato il volto ecco la fata del Ghiro Sveglio che mi aveva stregato. Domenica pomeriggio ad Apricale (IM) per l'inaugurazione di uno spazio d'arte che per qualche anno si era assopito e che adesso si è risvegliato con una serie di iniziative che vivranno questa estate e oltre. Tutto grazie all'amico Marco Cassini.

Sono a casa in queste terre. Qui sono nato e cresciuto. E, seppure un po' zingaro sono stato e anche adesso un po' lo sono rimasto, avere una baia familiare dove in caso di bisogno buttare l'àncora rimane una fortuna. Non sono solo queste pietre, sì anche quelle, ma soprattutto chi tra queste pietre ha continuato ad abitare quando io me ne sono andato e che immancabilmente incontro tutte le volte che ritorno.

Ci risentiamo da Milano.

Apricale
Apricale

26 commenti:

  1. Avere un posto del cuore rassicura il cuore.

    RispondiElimina
  2. e che posto! bellissimo, tutto aggrappato alla montagna...
    io che sono sempre vissuto a roma considero con affetto le radici toscane dei miei, ma so che è tutt'altra cosa.

    RispondiElimina
  3. Che splendido questo borgo! Bello sentire le proprie radici che affondano in un posto come questo. Spesso, quando cambi città le perdi le radici, non sono più nel posto antico e non sono nel posto nuovo. E' una fortuna oppure si è dotati di una particolare sensibilità quando il luogo delle tue origini resta vivo nel cuore.

    RispondiElimina
  4. Che bel posto! Splendido

    RispondiElimina
  5. La tua fata mi ha risvegliato un piacevole, ma lontano, ricordo di simpatiche e sapienti streghe della Valle Argentina. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche lassù a Triora fra le streghe sono a mio agio. E su questo blog ci sono parecchi resoconti di viaggi in quelle terre interne di Liguria. Ciao.

      Elimina
  6. Un posto incantato, direi. Sempre belle foto.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Questo posto io lo ami o lo odi...Io lo amo anche se questa terra non mi ha dato i natali.
    Ciao Al, buon rientro.
    Roberta

    RispondiElimina
  8. La strega del "Ghiro" è una donna bellissima. Le tue parole lo sono anche di più. Ad agosto siete entrambi invitati. Per una cena vegetariana. Sempre che Paola ci prepari il suo eccelso couscous. Hasta.

    RispondiElimina
  9. forse Alberto, in un tempo lontano, eri un Sacerdote Druido.. in quelle terre da goti e magagli.
    Maistretu

    RispondiElimina
  10. Wow ma che spettacolo!!
    La posizione del paese e la geometria che costruisce è favolosa.

    E' bello sentirsi dentro le proprie radici, è come un porto sicuro,dove si sente che si potrà sempre approdare.
    Buona estate.
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Gran belle pietre, caspita!

    RispondiElimina
  12. Si deve respirare proprio una bell'aria da quelle parti...
    :-)

    RispondiElimina
  13. ah, un po' di saudade...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Titus
      Un grande abbraccio anche da parte mia a te che sei nell'altro emisfero. Com'è da voi adesso la temperatura?

      Elimina
    2. inverno standard.
      caldino di giorno, fresco di sera.
      torniamo adesso da caipirinha e samba..
      a presto!

      Elimina
  14. Ciao Albertoooooooooooooooooooooo ;) ben ritrovato ;) t'ho letto con interesse .casa dolce casa eh Albereto ;)))

    La bella signora è la tua dolce metà?

    RispondiElimina
  15. Il volto della "Fata" è bellissimo, mostra la serenità a mille che fa la differenza tra chi vive in posti come quelli della foto e chi vive nelle schizofreniche città.

    Buona vacanza Alberto ;-))

    RispondiElimina
  16. Ripresi comunque a viaggiare, promettendo in paese che sarei tornato presto. Nei primi tempi lo credevo, tanto che le colline e il dialetto mi stavano nel cervello. Non avevo bisogno di contrapporli con nostalgia ai miei ambienti consueti. Sapevo che erano lì e soprattutto sapevo che io venivo di là, che tutto ciò che in quella terra contava era chiuso nel mio corpo e nella mia coscienza. ( "La Langa", Cesare Pavese )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gian Paolo6/7/12 08:41

      Molto bello e, soprattutto, azzeccato, queso commento.

      Elimina
    2. Parole che mi stanno come un abito su misura. Grazie.

      Elimina
  17. Sono cresciuta nelle stazioni della Valle Camonica, giocato sui treni e condiviso il mondo dei ferrovieri - anch'io nomade - sono tornata, alcuni annio or sono, con le mie figlie in visita ai luoghi della mia infanzia e incredibile a causa del quasi disuso della "mia" stazione" l'ho trovata, "ferma nel tempo" - come un flash back filmico - ti garantisco che fa effetto - luoghi e oggetti come nei ricordi - incredibilmente bello! ciao

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.