Pagine

giovedì 2 luglio 2009

Il 14 luglio sciopero dei blogger

Prendo di peso dal blog di Alessandro Gilioli il suo post e lo metto qui.
Qualche volta anche il sindacato dei giornalisti ne imbrocca una, e tra queste c’è la decisione di fare un giorno di silenzio dell’informazione il 14 luglio contro la legge bavaglio sulle intercettazioni: quella fortemente voluta da Berlusconi e fortemente gradita da criminali di ogni sorta (specie quelli della finanza).Ecco, io credo che in questa occasione la storica antipatia che la gran parte dei blogger nutre nei confronti dei giornalisti dovrebbe essere messa da parte.

Non solo perché il bavaglio in questione colpisce tutti i media, nessuno escluso, ma anche perché il ridicolo obbligo di rettifica inserito nel decreto medesimo andrà a colpire e a soffocare chi blogga, chi twitta, chi immette contenuti nei siti di condivisione e via dicendo.

Guido Scorza, che insegna informatica giuridica e diritto delle nuove tecnologie, parla senza giri di parole di «una legge ammazza-internet».Una giornata di silenzio dei blogger, per protestare insieme ai giornalisti, credo che sarebbe un bellissimo segno.

Oltre a essere un messaggio di maturità di chi pubblica in Rete, ormai affrancato dallo sciocco dualismo citizen vs. main media e consapevole che qui, i media, li si vuole colpire tutti.

Senza dire che il primo “sciopero dei blog” avrebbe un impatto mediatico straordinario - forse perfino superiore a quello dei professionisti.


Aderisco senza esitazione a questo sciopero dei blogger il 14 luglio. Se anche voi aderite e me lo fate sapere vi inserisco nella lista linkata.
.
Hanno aderito
Daniela
Dario
Novalis
Duhangst
Jeremy
Quotta
Giuseppe
Pia
Enzo
Paz83
Frida
Visco
Fabio
Anna

Aggiornamento, 16.16
Nuovo post di Alessandro Gilioli sull'argomento

44 commenti:

  1. Contaci! E entro oggi pubblicherò pure io il post!
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Alberto, avevo letto questo post ma sinceramente non condivido i modi: a chi/cosa gioverebbe una giornata di silenzio totale dei blogger?

    RispondiElimina
  3. A chi giova una giornata di silenzio dei blogger?!!! Ma a chi legge i blog. Ovvio.
    Una specie di astensione nazionale dei giocatori di bocce.Oppure dei collezionisti di fumetti.

    RispondiElimina
  4. Va da sé che quella giornata dovrà essere preceduta da post esplicativi. E altri post dopo.

    A chi gioverebbe? Gioverebbe a tutti se avrà la capacità di accendere i riflettori sulle porcate che stanno combinando riguardo alla libertà di stampa, nel senso più ampio del termine.

    RispondiElimina
  5. mah, io sono daccordo con Cristiano Valli
    http://coserosse.net/c/?p=5324
    che non capisce nemmeno di cosa si parli

    RispondiElimina
  6. Mi aggiungo pure io. Ora riporto la notizia.
    Se non lo facessi mi sentirei un verme. Un verme.

    RispondiElimina
  7. ci penso un attimo, poi vediamo

    RispondiElimina
  8. Massimo, sono d'accordissimo. Ben s'inneschi in questo sciopero dei blogger anche una bella campagna per l'abolizione dell'Ordine dei Giornalisti. Ordine? Corporazione? Casta? Di tutto di più. Ciao.

    Ecoo il link a Cristiano Valli. Mi sembra l'inizio di una bella discussione.

    RispondiElimina
  9. sono assolutamente d'accordo sui motivi ma non sul tipo di protesta.

    Non ha senso protestare contro una legge che rischia di far fermare parecchi blog non postando per un giorno.

    I giornalisti stanno in silenzio il 14 luglio? solo una parte, e dipende dall'editore... non si va in culo al masto... per molti di loro, poi il 14 sarà l'ENNESIMO giorno di silenzio.

    E noi cosa facciamo? Silenzio? Al contrario, noi dobbiamo parlare! il 14 piu di ogni altro giorno! noi siamo ancora liberi e dobbiamo approfittare della nostra posizione per informare.

    Il 14 luglio propongo una giornata di coscienza, in cui TUTTI I BLOGGER informino su quel che sta succedendo... in modo che la rete diventi un tappeto di NO a questa legge e provi ad accendere un po' di coscienza a questa addormentata nazione.

    RispondiElimina
  10. Contami, farò un post anche io al più presto.

    RispondiElimina
  11. IN effetti noi non facciamo parte di una "casta" o di una "lobby", e con il nostro silenzio non intaccheremmo alcun "potere forte", non andremmo contro un editore, ma lederemmo soltanto la libertà che, chi ci segue, ha di leggere quando vuole quello che scriviamo.
    Credo che più che testimoniare con le nostre parole ed i nostri interventi, denunciando la situazione e le leggi che vengono approvate, non si possa fare.
    Quello che possiamo invece provare a fare è coinvolgere sempre più persone, tramite catene su FaceBook o MySpace.

    Saluti

    RispondiElimina
  12. io piuttosto farei un post unitrario.
    ogni blog con lo stesso post.
    per 1' giorni. stessi post. una cosa così.

    e se mi impediranno di scrivere io faccio volantini e fotocopie e li stendo a tappeto in città.

    RispondiElimina
  13. Concordo con the muffin woman pat sono anch'io per il post unitario, un post che spieghi in modo semplice da esporre tutti lo stesso giorno

    RispondiElimina
  14. Noi di Minitrue aderiamo in pieno.
    http://www.minitrue.netsons.org

    RispondiElimina
  15. Sposo la protesta di muffin woman pat. Pensate che impatto se uscissimo tutti con lo stesso post! Una giornata di silenzio farebbe applaudire solo chi sta cercando di imbavagliarci, sperebbero in più giornate di silenzio.. in ogni caso, da democratica quale penso di essere, anche se costa fatica (essere democratica), mi associo all'iniziativa

    RispondiElimina
  16. Quoto anch'io the muffin woman pat e Dario D'Angelo, un documento/post uguale per tutti da pubblicare lo stesso giorno

    RispondiElimina
  17. Sarei anche io più d'accordo con un articolo comune ma aderisco all'iniziativa della giornata di silenzio. Grazie per l'info

    RispondiElimina
  18. Sono d'accordo sul post unitario. Mi sembra un'idea più unitaria ed incisiva.
    Saluti

    RispondiElimina
  19. Sono in sintonia con Flo anche perché tra l'altro allora un giorno solo avrebbe anche poco senso:Spesso molti blog non postano quotidianamente ed allora un giorno solo avrebbe senso se davvero tutta la blogosfera lo facesse.

    Non lo so sarei anch'io più propenso ad un post unitario che parlasse del problema.

    Devo sinceramente rifletterci ma non sono totalmente convinto dell'idea del silenzio.

    A presto
    Daniele

    RispondiElimina
  20. Il post unitario mi sembra piu' efficace a fronte dei tanti blogger che postano sporadicamente o discontinuamente.

    RispondiElimina
  21. La prima cosa da dire è che la scelta della data è azzeccatissima. Complimenti agli organizzatori!

    RispondiElimina
  22. Scusate,
    premetto che sono un novello blogger quindi non pretendo di avere voce in capitolo.
    Faccio solo questa considerazione:
    come sapete dal 8 al 10 ci sarà il G8 a L'Aquila.
    Secondo me uno sciopero da parte vostro in quei giorni per quanto sacrosanto, andrebbe solo a danno della verità, che i giornali non ci racconteranno.
    Sarebbe un'occasione invece, per sfruttare il monopolio dei mezzi di comunicazione e spargere un po'di vera informazione.
    Un saluto
    gigi

    RispondiElimina
  23. L'aggiornamento che hai inserito già mi "solleva" un pochino...
    L'idea dello sciopero silenzio assolutamente non mi piace. Già ci vogliono tappare la bocca, se poi ci mettiamo del nostro allora siamo a posto.
    Vorrei ricordare a tutti che la maggior parte delle persone che frequentano la rete di queste cose ne sanno poco o addirittura niente.
    Penso che il nostro dovere si quello di "parlare"...far conoscere le problematiche. I "bavagli simbolici" non portano niente di buono. Oppure stiamo diventando la "casta dei blogger?"
    Di caste ce ne sono già fin troppe (e ci metto pure i giornalisti).
    Io non so cosa farò il 14 luglio...ho una vita anche fuori dalla rete, ma se quel giorno avrò il tempo di accendere il mio pc sicuramente NON starò zitto.
    E' possibile che mi aggreghi a qualche iniziativa ma quasi sicuramente scriverò qualcosa di mio perché penso sia questo il modo giusto d'affrontare la questione.

    RispondiElimina
  24. Anch'io sono per un post uguale per tutti che spieghi cosa sta succedendo

    RispondiElimina
  25. io sarei d'accordo ma bisognerebbe fare tutti un post uguale, vedo che della mia piattaforma blog nn c'è nessuno ma la cosa sta partendo in 'sordina'???!!! Io ci sto a diffonderla fammi sapere pero'!

    RispondiElimina
  26. Pure io sono per un post unitario

    RispondiElimina
  27. Io aderirò senz'altro. Sarebbe carino se qualcuno che lo sa fare, io non sono capace e il tempo a disposizione minimo, creasse un piccolo bannerino da poter mettere sul proprio blog.
    In ogni caso il mio blog è http://ilkaleidoscopio.blogspot.com e il mio nome è Enzo Coletta
    Saluti a tutti

    RispondiElimina
  28. Inutile dire che aderisco, senza nemmeno pensarci

    RispondiElimina
  29. Condivido ogni parola di Caigo, anche le virgole!!!

    RispondiElimina
  30. Aderisco. Ma io non scriverò un post; se ci sarà un banner lo metto in alto sulla sidebar o se ci sarà un post unitario, linkerò a quello, su un blog amico!
    g

    RispondiElimina
  31. ps. intanto comincio a "Segnalare" sul box dedicato, questi post e segg

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Sono per il post unitario. Sono per la manifestazione rumorosa. Sono un blogger senza periodicità, ma uscirei molto volentieri con un post unitario in quella data, nonostante abbia un gravoso impegno proprio per quel giorno: anch'io ho da prendere la mia bastiglia personale...

    RispondiElimina
  34. spero abbia l'effetto desiderato..Io aderisco
    Frida

    RispondiElimina
  35. L'idea del post unitario mi piace, quella dello sciopero un po' meno. Dovremmo poi cercare di pubblicizzare l'evento anche sulla stampa "ufficiale", ma... a riuscirci!

    RispondiElimina
  36. Caro Alberto,
    aggiungi anche me ai partecipanti, ho messo il banner in testa al blog.

    RispondiElimina
  37. CI SONO!!!! http://fabiopari.blogspot.com/

    RispondiElimina
  38. Io ho copiato il comunicato pari pari come postato.
    Io aderisco!!!!
    Il 14 luglio starò lontana da qualsiasi blog!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.