Pagine

venerdì 4 giugno 2010

Istigazione alla rapina

Pubblicità Bancoposta
Milano, palazzo delle Poste di piazza Cordusio.

Che i creativi quando manca loro l'ispirazione si droghino per farsela venire è risaputo. Poi non è detto che venga, ma tant'è. Da un po' di tempo però hanno cominciato a drogarsi anche i manager, quelli che ai creativi devono dare l'ok per l'idea geniale della campagna pubblicitaria da mettere in cantiere.

Così succede quello che vedete. Un Robin Hood che sembra dire: ma cosa aspettate? Entrate e fate come ho fatto io. Rubate, ché lì dentro ce n'è, rubate, e se poi ve ne avanza dividete.

Con i tempi che corrono niente di strano che qualcuno accetti il suggestionante invito ed entri armato di arco e frecce oppure di una semplice arma bianca e chieda senza tanta educazione i denari.

Può succedere che la faccia franca, e allora chi s'è visto s'è visto. Se invece venisse preso il suo avvocato chiederà l'attenuante per manifesta istigazione alla rapina da parte di quegli sciamannati di creativi e manager di cui all'inizio. Attenuante subito concessa al povero cristo e invece i creativi e i manager affidati a una tosta comunità di recupero per tossici. Così imparano.

Pubblicità Bancoposta

Technorati Tags: ,

19 commenti:

  1. A parte l'istigazione al reato... ma qual'è il messaggio? Cosa stanno cercando di vendere?

    RispondiElimina
  2. di che cosa si sono fatti????????

    RispondiElimina
  3. allucinante e... allucinati!

    RispondiElimina
  4. Anch'io non ho capito il messaggio...
    Ciao Al.

    RispondiElimina
  5. avevo visto la pubblicità su un giornale e mi chiedevo:
    a) i caratteri cubitali e i disegni non sono più adatti allo spot di una marca di materassi? o la credibilità degli istituti di credito è così bassa che ce la si può giocare come quelli dei materassi?
    b) robin hodd che ruba ai ricchi per dare ai poveri, dov'è la metafora? le poste rubano ai clienti? o noi dobbiamo rubare ai ricchi e mettere i soldi alle poste? o le poste rubano ai ricchi per dare a noi?

    RispondiElimina
  6. a me ricorda un pò certe "reclame" del detersivo della mia infanzia..

    RispondiElimina
  7. che ci siano pubblicità dementi, è verissimo, però (forse perchè in un'agenzia ci ho lavorato) non mi sembra che qui il messaggio sia rubare: spesso negli spot ci si rifà ai film usciti (vedi in testa alle classifiche) sapendo che c'è un riscontro di pubblico... a voler dire, in questo caso, che ci difenderanno da maggiori spese con "noi sconfiggeremo i costi"!

    RispondiElimina
  8. Il messaggio dovrebbe essere che le poste rubano ai ricchi per dare ai poveri? bene, allora i ricchi non depositeranno più i loro risparmi alle poste. I poveri già non lo facevano da prima...

    RispondiElimina
  9. Le poste, le poste italiane... Chissà cosa ne avrebbe scritto Bukowski?

    RispondiElimina
  10. I miei risparmi li ho depositati presso lo IOR e vengono amministrati in modo egregio.

    P.S. Ricordatevi di devolvere l'8 per mille alla chiesa cattolica

    RispondiElimina
  11. @Fuin
    Sei il solito amabile provocatore.

    A quando in Bunda per un cundigliun?

    RispondiElimina
  12. probabilmente il dirigente che ha approvato quella pubblicità è così ignorante che neppure conosce la leggenda di Robin Hood.

    RispondiElimina
  13. Care poste non avrete il scalpo (alias soldi). Le conosco bene anche per vecchia esperienza lavorativa.
    Vogliono crescere trasformandosi in banca, assicurazione, ecc... ma NON formano il personale.
    Se hai la fortuna di avere a che fare con un'agenzia dove c'è un direttore "moderno" ci si può fare anche un pensiero, ma in caso contrario meglio stare alla larga.

    RispondiElimina
  14. Io, in tempi non sospetti, venuta a conoscenza delle agevolazioni che hanno i datori di lavoro che assumono ex detenuti, avevo già accarezzato l'idea di una bella rapina.

    ...Che se va bene, chi se ne frega del lavoro; se va male, vitto e alloggio assicurato durante la detenzione e lavoro garantito appena fuori...

    RispondiElimina
  15. alle poste le lettere, alle banche i denari, a ciascuno il suo!
    oltre che offrire un pessimo servizio, a parte il libretto di risparmio sempre che non lo smarrisci, non c'è nessuna garanzia, ne professionalità ne garanzia di continuità, cambiano il responsabile dell'agenzia e tutto ricomincia da capo.. a fanculo le poste quando vogliono fare le banche..
    viva il Toraggio!
    Baruffa

    RispondiElimina
  16. A proposito di RAPINE ...
    Lo sapete che a L'Aquila rimettono a tassare tutti! Arretrati compresi !!!

    Diciamo NO a questo scempio!

    e firmiamo e diffondiamo ...

    http://www.giosby.it/2010/06/06/non-abbandoniamo-laquila-e-gli-aquilani/

    O no?

    :-)

    RispondiElimina
  17. Beh, almeno i disegnatori di fumetti ogni tanto fanno anche altro!

    RispondiElimina
  18. Da tempo quando si parla di pubblicità il punto non è tanto quanto sia o meno attinente al prodotto bensì quanto riesca a far parlare di se. E credo questa sia il classico esempio di "pubblicità ben riuscita" visto che siamo qui a discorrere di una gran... vabbè, ci siamo capiti credo!?!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.