Pagine

giovedì 15 settembre 2011

Che "la Repubblica" si inventi le lettere dei lettori?

Seguite. Ieri ho letto su Repubblica nella sezione lettere a pagina 30 quanto segue
In giro con alcuni amici durante una uscita in bicicletta veniamo fermati da una pattuglia di uomini in divisa grigio-verde. Dopo un rapido sguardo alle nostre maglie e alle varie scritte, si inizia con la richiesta di documenti e con la compilazione dei verbali. Stiamo facendo pubblicità chi a una banca, chi a un negozio, chi a un rivenditore di materiale per edilizia e su quella pubblicità non abbiamo versato la relativa imposta. Alle nostre rimostranze ci fanno notare che su tutti i calendari che si appendono al muro, in piccolo, c'è sempre l'avvertenza che l'imposta sulla pubblicità è a carico di chi li espone al pubblico. Se si iniziano a multare i cicloamatori per raggranellare anche quegli spiccioli vuol proprio dire che sono sparite anche le residue speranze di salvarci.
Giulio Bertinotti
g.bertinotti@libero.it


La notizia c'era tutta, di quelle che piacciono a me. Poi ci ho un po' ragionato. Ma allora tutti quelli con la maglietta CocaCola o grappa Nonino o preservativi Hatù sono passibili di multa? Pur nel mondo sbilenco in cui ci tocca sguazzare sinceramente mi sembrava un'eventualità del tutto recondita, anche tenendo conto che nel Belpaese di norme ne esistono tante tante ma poi vengono fatte rispettare secondo la volubilità del momento e degli umori. Così ho mandato all'autore della lettera questa email
Gentile Giulio,
ho letto la sua disavventura stamani su Repubblica. Mi piacerebbe darle risalto sul mio blog ma la notizia sarebbe ben più corposa se avesse allegato il verbale, naturalmente con tutti i dati identificativi cancellati. Che ne dice?
A presto

Alberto Cane
http://albertocane.blogspot.com/


Peccato che mi sia ritornata indietro. Tre volte spedita, tre volte respinta. E ho provato anche senza il punto.
These recipients of your message have been processed by the mail server: g.bertinotti@libero.it; Failed; 5.1.1 (bad destination mailbox address)
In pratica destinatario sconosciuto.

Adesso vorrei sapere da voi due cose. Primo, è verosimile che dei finanzieri (la divisa grigio-verde ce l'hanno loro) emettano dei verbali per il suddetto motivo? Secondo, in subordine dopo una risposta negativa, è possibile che la lettera sia frutto della fantasia ballerina di qualche redattore giusto per tappare i buchi di questo periodo di stanca post feriale?


28 commenti:

  1. Il giornalismo contemporaneo basato su "fake"??? No, non ci credo... ^_^

    RispondiElimina
  2. Ho sentito da fonti certe delle "uscite" della GdF che fanno rabbrividire. Però anche dei giornali non mi fido assolutamente in quanto ho letto articoli su fatti che conoscevo perfettamente riportati pieni di invenzioni e fantasie.
    Quindi non saprei proprio cosa dire: può essere vera (e frutto dell'interpretazione personale assolutamente assurda di norme da parte di una pattuglia della GdF) o un "riempitivo" per una rubrica di La Repubblica... 50 e 50.

    RispondiElimina
  3. La prima cosa che mi viene in mente è che l'autore della "lettera" abbia sbagliato a scrivere il proprio indirizzo e-mail (succede più volte di quello che si potrebbe pensare).
    La seconda, e più probabile) che l'abbia scritto sbagliato di proposito (e si è anche inventato nome cognome) per evitare di essere inondato di spam e/o di avere "problemi" con la GdF.
    In questo caso la lettera è, in certo qual modo, una denuncia anonima.

    RispondiElimina
  4. Quanto all'autenticità della lettera, la stessa è uscita anche sul Sole 24 ore (vedi qui, è l'ultima della serie
    http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2011-09-13/lettere-064439.shtml?uuid=Aalpvv3D)
    Vien da chiedersi come mai la Finanza se la prende con dei poveri ciclisti amatoriali e non con quelli del Giro d'Italia (e di Padania?) o coi calciatori - anche lì ci sono delle sponsorizzazioni (leggi "pubblicità") esposte...

    RispondiElimina
  5. P.S.

    É uscita anche su Libero:
    http://www.libero-news.it/news/709894/Le-riforme-Nel-giardino-degli-altri.html

    RispondiElimina
  6. Lo stesso articolo / mail è stato pubblicato su IL GIORNALE di martedi 13 Settembre a pag. 39....

    RispondiElimina
  7. E dopo aver letto gli interventi mi viene da pensare che un buontempone abbia mandato la stessa missiva a tutti i quotidiani per il gusto.

    Domanda, ma sul serio chi indossa una maglietta con "logo" deve pagare una tassa?

    Se oggi mi ferma la finanza e domani scordo il verbale a casa, vengo multata di nuovo?

    RispondiElimina
  8. Non mi pronuncio su questo caso e sul giornale in questione, ma credo che inventarsi lettere sia una prassi piuttosto diffusa. A volte persino auspicabile: capita di leggerne di così sciocche e banali da far pensare che sarebbe assai meglio pubblicarne di false, ma interessanti... :D

    RispondiElimina
  9. E mio nonno che cura l'orto con la t-shirt bianca su cui campeggia la scritta
    "Mangia parmigiano reggiano"
    è passibile di sanzione???

    Non ho parole

    RispondiElimina
  10. Terza ipotesi (da te non presa in considerazione ma già accaduta) che qualche furbone voglia dimostrare quanto i giornali non verifichino le fonti per poi uscirsene garrulo e giulivo a dire che leggere la carta stampata non serve più a un cazzo...

    RispondiElimina
  11. @dalle8
    Si può sbagliare, involontariamente o volontariamente, a scrivere il proprio indirizzo, ma il mittente nell'header è quello, non si può barare a meno di essere degli hacker.

    c.e.g.
    Grazie per il link, sei sempre prezioso.

    @Valentina
    Grazie anche a te per l'indicazione.

    @russo
    Effettivamente, dopo aver letto certi commenti, c'è da prendere in seria considerazione questa ipotesi.

    Ma chi è questo Giulio Bertinotti?

    RispondiElimina
  12. per me sono verosimili tutte le ipotesi che riportate...a questo punto, l'unica che si scarta da sola è quella del fake.
    Mi chiedo solo se:
    1) lo scrivente a questo punto anonimo volesse screditare la gdf;
    2) lo scrivente abbia effettivamente subito la suddetta situazione e ha voluto farlo sapere a tutti i giornali...

    Chissà se ne sapremo mai di più :)

    (ma davvero esiste la maglietta dei preservativi? :D)

    RispondiElimina
  13. quando dico fake dico ovviamente fake ad opera di repubblica.

    RispondiElimina
  14. OT
    @polly
    Non esiste la maglietta sui preservativi tout court (sì, sì, mi stanno dicendo alle spalle che esiste anche quella, forse Benetton) parlavo della specifica Hatù. Se te la metti in bella vista te la trovo e te la mando. Poi voglio la foto.

    RispondiElimina
  15. guarda, se mi procuri la maglietta Hatù me la metto e la posto di sicuro! (oh, però fisicamente non sono niente di speciale, e poi dopo tre figlie, la pubblicità dei preservativi la faccio proprio bene!!!)

    RispondiElimina
  16. Francamente mi sembra impossibile sia che la finanza arrivi a tanto, sia che l'immaginazione umana si spinga a inventare una finta lettera del genere. Credo che non ne verrei mai fuori...

    RispondiElimina
  17. Mi sembra veramente tanto un forzatura.. Fosse così si dovrebbe aver paura ad uscir di casa.

    RispondiElimina
  18. Secondo me il sig Bertinotti è Fausto che con questa lettera vuole ripresentarsi sulle scene politiche!
    Scherzo...
    Secondo me Alberto è una balla grossa come una casa, in questo caso dovrebbero multarci tutti ogni secondo.

    RispondiElimina
  19. Quella della finanza che multa dei ragazzi per una t-shirt mi sembra proprio una bufala inverosimile.
    Invece è verosimile che un buontempone abbia fatto girare la notizia su più giornali.
    Mah! De gustibus ....

    RispondiElimina
  20. Tutto può essere...anche questo: la falsità delle lettere al giornale. Santa paletta bisogna sempre avere le antenne attive...è una vita STRESSANTE!

    RispondiElimina
  21. .... E tu osi venire a chiederci se qualcosa è Verità o Finzione? Di questi tempi???
    Sfacciato!

    :))

    RispondiElimina
  22. Ciao Alberto. E' una situazione che si presta a molteplici interpretazioni. Tuttavia, l'esperienza insegna che, purtroppo, dei media ci si deve fidare il meno possibile e, quindi, verificare e valutare come hai fatto tu, è quasi un'obbligo. I conseguenti dubbi, leciti!!

    Per esperienza personale, so che per "costruire" uno scoop giornalistico si può ricorrere anche a mille bugie e, quindi, di un determinato fatto da te vissuto, potresti scoprire che un certo TG ne ha proposto una storia dove il 70% di quello che trasmette è semplicemente... finzione!!

    RispondiElimina
  23. a volte leggendo alcune lettere dei cosidetti lettori su giornali e riviste il dubbio viene anche a me, e già sono rimasta scottata insieme ad angelo su una falsa notizia che girava sul web, di certo lo scrivente avrebbe dovuto citare anche l'articolo di legge che sicuramente era riportato sulla multa, così tutti avremmo potuto documentarci

    RispondiElimina
  24. Maistretu16/9/11 09:46

    ma sono tutte cazzate, la police in questo scorcio di millennio è tutta impegnata a morsicarsi il culo...
    altro che multe...
    Maistretu

    RispondiElimina
  25. Quello non è un header e non c'è nessun mittente specifico, è semplicemente la risposta automatica del server di Libero che dice che quell'indirizzo non esiste.

    RispondiElimina
  26. @dalle8
    Parlavo dell'header della mail ricevuta dal giornale.

    RispondiElimina
  27. Secondo me alla Repubblica qualche volta usano internet per fabbricare notizie, come per il caso del tizio che su facebook svela i "segreti" della casta, oppure la "notizia" sul sito che promette una "lista di outing".
    Il sito è un blog semivuoto con uno sfondo che lo rende illeggibile. Se riuscite a vedere la scritta "About" si finisce su un testo precotto, comune a tutte le installazioni di wordpress: una pagina "chi siamo" mai modificata e lasciata allo sbando. Se questo è un sito che merita una notizia e un link da Repubblica io allora sono Fred Astair.

    RispondiElimina
  28. Hanno pubblicato l'header?
    Ohibò!
    Beh, cambia poco, ci sono servizi gratuiti in Rete che fanno risultare le e-mail provenienti da chi/dove vuoi.

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.