Pagine

mercoledì 21 settembre 2011

Polizia o carabinieri?

Milano Stazione Centrale, Polizia Carabinieri
Milano, stazione Centrale

Mettiamo che scenda dal treno e mi rubino la valigia o il portafogli, sfiga poi delle sfighe, anche tutti e due gli effetti assieme, dove vado a far denuncia? Dalla polizia o dai carabinieri? Ditemi voi in base a cosa scelgo l'una o gli altri.

Fuori di scherzo, perché nell'ultima manovra non hanno per niente manovrato per eliminare doppioni, e tripploni e anche tettroni di uffici che spesso si pestano i calli a vicenda?
Faccio un solo esempio. E' mai possibile che esistano squadre di sommozzatori della polizia, dei carabinieri, della finanza, dei pompieri e forse anche dei forestali? E' mai possibile?

No, è meglio, per dirne una, diminuire i servizi sociali che toccare certi interessi costituiti.

19 commenti:

  1. Quelli non si toccano mai, soprattutto nelle grandi città, nei piccoli paesi puoi essere squartato nella via centrale che il massimo che può arrivare in tuo soccorso è il cantoniere...

    RispondiElimina
  2. C'è un aspetto in più. Diversi corpi di polizia che scoordinatamente (una pattuglia del Carabinieri non poò comunicare via radio con una della Polizia, e ci sono stati momenti in cui, intervenendo in borghese e separatamente su uno stesso caso, i due "corpi" si sono presi l'un l'altro per i delinquenti e hanno sfiorato il conflitto a fuoco...) si occupano delle stesse cose fanno molta "ammuina" e garantiscono l'impunità ad alcune categorie di intoccabili.
    Un esempio. Ad occuparsi direttamente o indirettamente di ambiente (abbandono rifiuti, controllo registri di carico e scarico dei rifiuti, in particolare nelle officine e presso i rottamai, verifica attività delle ditte, ecc.) sono in tanti: la vigilanza ambientale della Provincia, i vigili urbani, i NOE, i NAS, la Forestale, la Finanza, la Polizia stradale...
    Con un mio collega, all'epoca responsabile del Servizio Gestione Rifiuti (ma poi rimosso dall'incarico, perché troppo zelante e "pignolo"), pensammo che era inutile fare autorizzazioni impeccabili se poi nessuno ne controllava le prescrizioni, ed era inutile (o peggio) andare in cinque a controllare un soggetto (magari un piccolo meccanico di paese...) e nessuno presso altri soggetti (magari più "impattanti", e non solo sull'ambiente...). Elaborammo così un progetto per creare un coordinamento tra tutti i corpi di cui sopra, per dividersi le ditte da controllare e scambiarsi le informazioni. L'allora superdirigente del Dipartimento Ambiente, un signore ora in pensione che percepiva il lauto stipendio di 160.000 euro annui, dapprima ci espresse il suo compiacimento per il lavoro, ma poi, al momento di attuare l'obiettivo, lo lasciò diventare lettera morta. Evidentemente la parte politica (alla quale doveva la sua sontuosa posizione stipendiale, senza peraltro mostrare particolari capacità professionali, diciamo) gli aveva detto di lasciar perdere, per evitare di andare ad ispezionare ditte "importanti" e portatrici di voti (o anche, magari di "finanziamenti"? La penosa vicenda di Penati insegna, e purtroppo non sorprende...) trovando non poche magagne nella gestione dei rifiuti, o delle emissioni in atmosfera, o degli scarichi idrici...
    Il mio collega, che proveniva dalla Polizia e quindi sapeva bene di cosa stava parlando, è stato spostato a passare carte di dubbia utilità (recupero crediti...). Io ero già stato accantonato prima.
    E il valorosissimo dirigente di cui sopra, quando presentavano qualche interpellanza riguardante problematiche ambientali, nella quale si chiedeva come mai non fosse stata controllata la tale ditta, rispondava invariabilmente adducendo la scusa del personale limitato che operava nella vigilanza... Non è vero che la Pubblica Amministrazione non funziona: il problema è che in certi casi non si VUOLE farla funzionare come si deve, per evitare chi infastidire chi non vuole. A destra come a sinistra, purtroppo.

    RispondiElimina
  3. Per non farci mancare niente abbiamo l'Aeronautica Militare e anche l'Aviazione dell'Esercito.
    Ognuna fa per sé, ovviamente.

    RispondiElimina
  4. Ops, dimenticavo: c'è anche l'Aviazione della Marina.

    RispondiElimina
  5. la cosa triste è che ognuno di noi ha degli esempi dei doppioni e sprechi nelle proprie città, basterebbe chiedere alla gente, ma è troppo difficile e poi saremmo troppo in democrazia.

    RispondiElimina
  6. Il fatto è che potremmo avere sempre lo stesso numero di persone impiegate, sempre gli stessi soldi spesi, ma, unificando i vari corpi, ottenere un servizio per la società di gran lunga migliore... Che i politici temano che un singolo corpo di polizia possa ottenere troppo potere?

    RispondiElimina
  7. niente è più incredibile di queste forze dell'ordine che si fanno concorrenza...

    RispondiElimina
  8. ...è solo che con tanti doppioni, quando ti rivolgi per necessità ad uno ti sentirai dire che era meglio andare dall'altro, perché loro sono maggiormente qualificati per quel particolare tipo di problema.

    RispondiElimina
  9. Sono anni che si sente parlare di fare un corpo unico.. Ma di fatto la storia è come quella delle provincie..

    RispondiElimina
  10. vado dove c'è meno fila ;-)

    RispondiElimina
  11. Hai la doppia scelta... Vai dove di solito ti trovi meglio... :P :P :P

    Ciao Alberto.

    RispondiElimina
  12. c.e.g. insegna...... ecco spiegato il perchè delle cose!!!! :-(

    RispondiElimina
  13. Polizieri, carabinia...

    RispondiElimina
  14. Alberto, vuoi farti sparare????

    RispondiElimina
  15. Polizia postale, polizia ferroviaria, polizia tributaria ... l'elenco è lunghissimo caro Alberto, spera di non averne bisogno, potresti diventare l'attore principale di una tragicommedia.

    RispondiElimina
  16. Maistretu22/9/11 11:44

    ti sei perso Alberto i palombari ciclisti, una specialità di cui il maggiore rappresentante era un certo Antoine de Dussaiga.. lo ricordi? hanno un ufficio in Centrale a Milano se ti capita di passare puoi vederli.. l'insegna è sul binario 22..
    ci sono anche i nocs che si mordono le chiappe..la famiglia è granda....
    Maistretu

    RispondiElimina
  17. @Maistretu
    Palombari ciclisti? Ma dici sul serio? Altroché se mi ricordo Antoine.

    RispondiElimina
  18. Maistretu22/9/11 13:47

    ..da noi c'era il Frumen.. reduce della Grande Guerra ed ardito poi... un giorno scoperse le supposte ed passò una serata a pestarle nel mortaio ..erano dure da far scendere neanche con due bicchieri di vino..veri eroi questi palombari ciclisti!
    Maistretu

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.