Pagine

mercoledì 7 marzo 2012

La Padania tratta da imbecilli i suoi lettori

la Padania di oggi

Lo sapete tutti. Il leghista Davide Boni, presidente del consiglio regionale della Lombardia, è indagato per corruzione. Sono ormai quattro (su cinque) arrestati o indagati i componenti di quel consiglio; e il quinto, anche se magari onestissimo, si sta toccando gli attributi, perché non si sa mai.

Oggi, tutte, dico tutte, le prime pagine dei quotidiani riportano con grande evidenza la ghiotta notizia. Tutte meno quella della Padania: della serie non si parla di corda in casa dell'impiccato. Mette dunque la Padania, con ottusa autocensura, la testa sotto la sabbia come fa il tacchino, ops lo struzzo, credendo anzi sperando che i suoi lettori si accodino nel non dare importanza al fatto. Cosa assai difficile, dopo che la notizia è rimbalzata nei titoli di testa su tutti i tiggì.

Intanto gli ex alleati (tremendi gli ex, di qualunque tipo) usi ad adoperare la spada più che il fioretto non si sono fatti pregare a menar fendenti come vedete sotto.

Non è che qualcuno a 'sto punto azzardi l'idea, tanto per vedere l'effetto che fa, di dare un calcio in culo a Formigoni e sostituire la sua giunta con un governo tecnico della Lombardia?




43 commenti:

  1. Alberto, ti sfugge un piccolo dettaglio:

    Mentre il Presidente del Consiglio dei Ministri è un tizio qualsiasi che riceve l'incarico dal Presidente della Repubblica, Formigoni è stato ELETTO nel suo incarico di Presidente della Regione.

    Le modalità per dargli "un calcio nel culo" per via democratica sono le seguenti - Wikipedia:
    "Se eletto dai cittadini, il presidente della regione rimane in carica per l'intera durata della legislatura, fissata in cinque anni (art. 5 della L. 165/2004). Tuttavia il mandato presidenziale può cessare prima di tale termine in due casi, previsti entrambi dall'art. 126 della Costituzione.

    Secondo il primo comma dell'art. 126 con decreto motivato del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del consiglio regionale e la rimozione del presidente della giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge.

    Il secondo comma dell'art. 126 stabilisce invece che il consiglio regionale può esprimere la sfiducia nei confronti del presidente della giunta mediante mozione motivata, sottoscritta da almeno un quinto dei suoi componenti e approvata per appello nominale a maggioranza assoluta dei componenti."

    RispondiElimina
  2. pignasca7/3/12 13:33

    ma se fino ad ieri era "Roma Ladrona" !!!! mi viene in mente il proverbio: chi va con lo zoppo, impara a zoppicare.
    e la Lega ha imparato, e bene!!!

    RispondiElimina
  3. pignasca7/3/12 13:35

    @Lorenzo: so che tanto adesso entrerai in polemica, ma lo dico lo stesso...
    Formigoni è stato eletto, ma essendo al quarto mandato (quando la legge ne prevede 2 max) non so sino a quanto è regolare la sua elezione. per non parlare delle firme servite per la sua lista....
    e comunque, mi pare che un consiglio, così decimato sia arrivato ormai alla frutta.

    RispondiElimina
  4. pignasca7/3/12 13:37

    scusate, non voglio prendere tutto lo spazio, ma ho dimenticato...
    Se la padania tratta da imbecilli i suoi elettori, forse perchè sa con chi ha a che fare...
    ;-)

    RispondiElimina
  5. @Lorenzo
    Conosco quello che hai riportato e ti ringrazio. La mia voleva essere solo ironia.

    RispondiElimina
  6. Maistretu7/3/12 13:48

    Wikipedia detta l'agenda politica a quanto pare..mi chiedo se, oltre a ai coglioni ci hanno tolto anche i neuroni. un poco di decenza non guasterebbe, la Lega oltre che un fenomeno da baraccone è pure piena di ladri, una volta ladrocinio e politica erano il risultato di un percorso, una vittoria finale, oggi questi pisciainbraghe rubano nel cestino del bambino che va all'asilo.. poi per cosa? Quando Medecin sindaco di Nizza esodò in Uruguay perchè ricercato (storico sindaco di Nizza) lasciò Nizza trasformata, secondo aereoporto di Francia, una viabilità invidiabile, un centro universitario ecc, questi non sanno neanche allacciarsi le scarpe, al massimo ti lasciano un buco, una beanza come quella di Malpensa, o meglio una assenza totale di infrastrutture che rendono ridicola ogni difesa del caso... la Politica è marcia!
    Maistretu

    RispondiElimina
  7. La Padania conosce i suoi polli.

    RispondiElimina
  8. Mi avrebbe sorpreso il contrario.
    Se avessi trovato un titolo su Boni in prima pagina, mi sarei dovuta ricredere su alcuni dettagli ideologici.
    Così, invece, tutto torna. In negativo, ma sono rassicuranti 'sti padani!

    RispondiElimina
  9. @pignasca:
    Non vedo la ragione della polemica. Direi che se Formigoni è in carica significa che il quarto mandato è legale. Non è un dettaglio che possa essere sfuggito ai suoi avversari politici.

    Per la questione delle firme non ho seguito la vicenda quindi non saprei dire. Non posso che fidarmi della Giustizia.

    Il discorso del "consiglio decimato" ci riporta ad una vexata quaestio e cioè il rapporto tra Ordine Giudiziario e Politica. Infatti se basta un avviso di garanzia per decidere chi governa e chi no, sembrerebbe un rapporto un attimino sbilanciato. Mettiamo per ipotesi che Boni, visto che parliamo di Lega, risulti effettivamente "estraneo ai fatti" tra qualche tempo (mesi, anni?). Nel frattempo il mandato gli viene di fatto revocato e la sua carriera potenzialmente stroncata.

    @Alberto:
    Scusa ma non colgo l'ironia.

    Riguardo La Padania, direi che riflette il momento di crisi che sta attraversando la Lega.
    Non ci voleva un genio a prevedere che l'abbraccio con Forza Italia avrebbe demolito la Lega, che poi secondo me è stato un preciso progetto politico di Berlusconi.
    Che Bossi forse pensava di scongiurare peccando di ottimismo o chi lo sa, forse si è solo fatto ingolosire dalle poltrone.

    RispondiElimina
  10. @Maistretu:
    Mi tocca spiegare per l'ennesima volta perché quotare Wikipedia. La ragione è la stessa per la quale quando si quota un testo si deve mettere il link alla versione originale. In questo modo tu puoi andare a leggere tutto il testo invece del solo pezzo citato e puoi procedere da quel punto come meglio preferisci, per esempio contattando l'autore se hai delle rimostranze.

    Detto questo, ti ricordo che tale Filippo Penati, vecchia volpe del Partito Comunista Italiano:
    "Il 20 luglio 2011 viene indagato dalla Procura della Repubblica di Monza per concussione e corruzione in merito a presunte tangenti intascate sulla riqualificazione dell'ex Area Falck di Sesto San Giovanni."
    E che Penati "ha commentato la decisione ribadendo la «totale estraneità ai fatti che mi sono addebitati»."

    Giusto per mettere la Lega nella giusta prospettiva.

    RispondiElimina
  11. a proposito di ex, uno degli editoriali di Libero è firmato da Gianluigi Paragone, ex-direttore della Padania

    RispondiElimina
  12. Il più pulito ha la rogna! Come si dice. Grazie per la tua attenta critica. Una finestra sul mondo reale, purtroppo per gli onesti.
    Buona giornata.
    Massimo

    RispondiElimina
  13. Non tutte le prime pagine. Non c'è nemmeno sulla prima della Gazzetta dello sport.

    @Lorenzo
    Filippo Penati si è dimesso dalla vicepresidenza del Consiglio regionale della Lombardia e ha lasciato tutti gli incarichi di partito. Farà anche così Davide Boni?

    RispondiElimina
  14. alberto tu me provochi co' sto titolo.....
    roma ladrona e poi mangiano con la polverini in piazza
    roma ladrona e non schiodano dal parlamento e manco rifiutano gli emolumenti da parlamentari

    lassiam perder

    RispondiElimina
  15. oops... forse li tratta per come sono...

    RispondiElimina
  16. Non sono affatto stupita che non ci sia la notizia...

    RispondiElimina
  17. gira, gira il mestolo, tira su il coperchio e marciume e tanfo trionferanno senza distinzione, a destra e a manca: corruzione e interessi, mentre l'Italia giocava alle carte e parlava di calcio nei bar, tanto finché la barca va...e presa da attacco di citazioni ti saluto - ciao

    RispondiElimina
  18. quelli non sono giornali lo ribadisco, e la lega non è mai stata una forza rivoluzionaria (vedere alla voce tangente Enimont).
    Poi fa ridere che libero gli altri li chiama ladri e quelli pirla.

    RispondiElimina
  19. Il titolo del giornale e' sbagliato pure quello
    "pirla" va' sostituito con "ladro"

    poi, al genio lorenzo, che ovviamente, come la padania, evita di trattare il tema dei leghisti ladri, vorrei ricordare che a differenza sua io non ho bisogno di wikipedia da copiare e incollare come una volta si faceva con i bignami, e che potrei riportare almeno dieci ragioni per le quali formigoni e' da 17 anni il governatore della lombardia, ma non le capirebbe.

    evita, se puoi, di schiacciare tasti a casaccio per rispondere, che tanto non ho l'abitudine di leggere le tue repliche, mi basta leggere belpietro per capire i tuoi neuroni.

    RispondiElimina
  20. E' un po' che non passo da te e leggere i tuoi ultimi post me ne ha fatto pentire. Scusa, ma come ho detto anche ad altri sono un po' impegnato in questo momento.
    Mi ricordo che, quando è stata creata la Liga Nord, Bossi diceva: Noi non abbiamo mai rubato. Per forza non erano mai stati al potere ed i fatti che stanno verificandosi confermano che "Il potere corrompe".
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  21. E' tipico delle menti deboli ricorrere agli insulti.

    Ho spiegato il senso di Wikipedia.

    Riguardo Formigoni, mi domando perché, visto che te sai tutto, non procedi portando le tue verità nelle dovute sedi. Un magistrato compiacente, che capisca più di me, sono sicuro che lo trovi.

    RispondiElimina
  22. @Zac
    No, va bene pirla. Loro, quelli di Libero non ce l'hanno con i ladri, ce l'hanno con i ladri che si fanno beccare, dei pirla appunto.

    RispondiElimina
  23. @viola:
    Non so cosa farà Boni.
    Quello che volevo dire è che ci sono due questioni aperte, entrambe non riguardano la Lega soltanto.

    1. il tasso di corruttela nelle amministrazioni, indipendentemente dal colore.

    2. come ho detto sopra, il fatto che i magistrati hanno una sorta di "tutela" o hanno la facoltà di "censori" rispetto ai politici. Infatti come ho detto, che sia Penati o Boni, parte l'avviso di garanzia e questo automaticamente mette fine al mandato e alla carriera politica della persona in questione.

    In una Nazione dove ci sono milioni di persone che pensano a Luciano Moggi come ad un santo martire, dove i reati gravi restano per la maggior parte impuniti ma il "fotografo dei vip" accumula più condanne di un boss mafioso, mi sembra tutto un attimo più complesso di come appare in questi commenti.

    RispondiElimina
  24. Che la Lega fosse un partitucolo demagogico volto a lucrare sulla credulità, le fobie, gli egoismi, gli interessi di bottega e i falsi perbenismi di certa Italia del Nord era fuor di dubbio. Ora iniziamo ad approfondire i suoi vizi e la sua ipocrisia. Altro che duri e puri!

    RispondiElimina
  25. Ciao Alberto e buona serata. Più che provare indignazione per il comportamento di questi signori (si fa per dire, signori) è la soddisfazione che mi ha assalito! Oggi tutti sanno, tranne Lorenzo naturalmente, che "Roma ladrona" è un po più a nord, molto più a nord, proprio tra quelli che con disprezzo guardavano alla capitale come al "covo" dei disonesti! Disonesti che a Roma ci vengono in trasferta, ben pagati, coccolati con innumerevoli privilegi, idolatrati da coloro che lì hanno votati.

    Come quelli che, pur di non ammettere che si sono affidati a dei furfanti, come LORENZO la buttano sul "tasso di corruttela nelle amministrazioni, indipendentemente dal colore"! Come a dire: perché vi indignate per questi signori della Lega (sempre, si fa per dire signori), quando son tutti marci?

    Però, ci difendono dai "vu' cumprà", dagli zingari e dagli stranieri, soprattutto quegli stuprafamiglie dei rumeni! Salvo poi, chiudere un occhio sul problema che hanno in casa: la violenza domestica!

    Oppure, sempre per non ammettere che anche loro, i leghisti, si sono fatti rappresentare da farabutti, ti ricordano che la magistratura ha facoltà "censoria"... la supercazzola della giornata! Visto che usi Wikipedia, LORENZO, vatti a leggere che cosa è la magistratura e quali poteri ha, prima di sparare panzane! Ci manca solamente che ci ricordi che è "comunista" e la cena è servita!

    Non c'è nulla di "complesso" in questo post: senza tanti giri di parole, la Lega è merda, come la merda che ci governa da sempre! Filosofeggiamo di meno e cominciamo a menar qualche calcio!!

    RispondiElimina
  26. Temo che a "La Padania" non lavorino grandi cronisti: come è possibile che si siano lasciati sfuggire un tema da prima pagina come questo?!? (Nel caso non traspaia, la domanda è retorica)

    RispondiElimina
  27. Carlo, mi chiedo cosa c'entrino gli zingari con la questione delle (ipotetiche) bustarelle di Boni.
    A meno che non sia un problema di zingari anche nel caso delle (ipotetiche) tangenti di Penati.

    Ma si, cogliamo la palla al balzo per vomitare il solito repertorio, per la centomilionesima volta.

    Senti un po' Carlo ma te sei programmato con le 3 leggi?

    RispondiElimina
  28. facile battuta sul titolo.
    la padania ed i suoi eletti tutti sanno da che parte arrivano i voti,
    gli stessi sanno che essendo che i voti prendono idee e parole dai giornali del partito.
    essendo imbecilli non si fidano delle loro (che comunque sarebbero imbecilli ( da imbelle, imbellere)

    ciao alberto

    RispondiElimina
  29. A proposito della Magistratura, santa e benedetta a prescindere, faccio presente che ha determinato la caduta del Governo Prodi a seguito delle accuse mosse a Mastella e alla moglie.

    Questo avveniva nel Gennaio 2008.

    In Marzo "Mastella esce dall'inchiesta. Nelle motivazioni, depositate il 1º aprile, il Gip ha affermato che "non vi erano neanche gli estremi per poter iscrivere Mastella nel registro degli indagati".

    RispondiElimina
  30. Mi è piaciuto un sacco il commento di pignasca "Se la padania tratta da imbecilli i suoi elettori, forse perchè sa con chi ha a che fare..."
    Direi che non c'è altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  31. Facciamola finita, venite tutti avanti nuovi protagonisti, politici rampanti,
    venite portaborse, ruffiani e mezze calze, feroci conduttori di trasmissioni false
    che avete spesso fatto del qualunquismo un arte, coraggio liberisti, buttate giù le carte
    tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese in questo benedetto, assurdo bel paese.
    Francesco Gucciniqui

    RispondiElimina
  32. Bravo LORENZO! Hai detto la seconda supercazzola della serata! Quando fai "copia e incolla" da Wikipedia, non ti limitare a leggere solo quello che pensi possa portare acqua al mulino delle tue elucubrazioni mentali. Quanto ci ricordi a proposito dell'inchiesta Whi Not, in cui venne coinvolto Mastella e moglie, continua così:

    L'8 marzo 2009 la Procura Generale di Catanzaro che aveva avocato a sé le indagini dopo la dichiarazione d'incompatibilità del sostituto procuratore De Magistris, chiede l'archiviazione delle accuse ipotizzate a carico di Mastella che esce dall'inchiesta. Nelle motivazioni, depositate il 1º aprile, il Gip afferma che "non vi erano neanche gli estremi per poter iscrivere Mastella nel registro degli indagati".

    Nei primi mesi del 2009 giudicando illegittima l'avocazione dell'inchiesta Why Not e legittime le intercettazioni, l'inchiesta di Santa Maria Capua Vetere è passata alla procura di Napoli che, in maggio 2009, ha ritenuto fondate molte delle accuse, rinviando a giudizio Clemente Mastella e sua moglie Sandra Lonardo.

    Nel marzo 2011 Clemente Mastella viene rinviato a giudizio, assieme alla moglie, per tre capi di imputazione: truffa e appropriazione indebita, in merito all'acquisizione al patrimonio familiare di due appartamenti a Roma di proprietà dell'Udeur e della testata giornalistica Il Campanile; abuso d'ufficio, per l’assegnazione di incarichi da parte dell'Arpac.

    Quindi, fino a prova contraria, la magistratura è "santa e benedetta" finché ci toglie dai maroni sta gentaglia.
    Infine, non so neanche cosa significhi essere "programmato con le 3 leggi" ma sono convinto che tu ne sia un esimio rappresentante!

    RispondiElimina
  33. ...scusa Alberto per i miei interventi che, se lo ritieni, puoi tranquillamente cancellare. Purtroppo per te, non sopporto la presunzione e ancor più la pretestuosità nascosta in un certo modo, diciamo "dotto", di argomentare!

    Buona serata a te e ciao.

    RispondiElimina
  34. Quoto Carlo in tutti i suoi interventi, spiega appieno perchè negli utlimi mesi mi sono astenuta da lasciare commenti nei tuoi post Alberto.

    Alla lunga si devono fare delle scelte, o chiamare la gente per nome o leggere e non intervenire, non essendo a casa mia ho scelto di non intervenire.

    RispondiElimina
  35. Quoto Carlo in tutto e per tutto!

    RispondiElimina
  36. Boh a me sembra abbastanza evidente che i "rinvii a giudizio", cosi come gli avvisi di garanzia, lasciano il tempo che trovano visto che un giudice contraddice un altro, poi un terzo contraddice il secondo e via via.

    Anche quando si arriva a sentenza, abbiamo visto nel caso della celeberrima Amanda Knox che si può tranquillamente passare dalla condanna alla assoluzione da un grado di giudizio ad un altro.

    E quindi, ripeto, questa fede cieca e assoluta nella magistratura e nelle "indagini" mi lascia interdetto.

    Inoltre non credo ci sia bisogno di ripetere che un avviso di garanzia non è una sentenza in terzo grado.

    Riguardo il buon Mastella, pensa te se io lo vorrei tra i piedi. Ma mica glielo avevo dato io l'incarico di governo, è stato Prodi, ai tempi Presidente del Consiglio e icona della cosiddetta "sinistra", pur essendo un vecchio democristiano.

    Ennesima riprova che a "sinistra" va bene tutto.

    RispondiElimina
  37. Forse non sono stato chiaro.
    Ma com'è che Mastella (annessa consorte) poteva far parte del governo prodi e dopo che i magistrati l'hanno accusato non poteva più?

    Come dire che tutte le verginelle del PD non sapevano niente di Mastella, erano ingenuamente convinte che fosse un onest'uomo finché improvvisamente è diventato da un giorno all'altro "gentaglia" grazie all'annuncio di un magistrato apparso come l'arcangelo Gabriele, con la spada fiammeggiante.

    Boh, ma chi ci crede a queste favolette?

    Del resto, ho sentito Diliberto alla radio dire che:
    - E' d'accordo con Vendola sul fatto che Veltroni sia "di destra" perché dice le stesse cosa di Berlusconi. E ci siamo dimenticati quando Veltroni era la giovane promessa del PD.
    - E' rammaricato del fatto che in Parlamento non ci siano abbastanza operai (nel senso di deputati e senatori, non adetti alla manutezione). Mi sa che non si è accorto che il "governo tecnico" è composto da banchieri.
    - E' convinto che bisognerebbe rifare il PCI perché da quando non c'è più l'Italia sta andando a catafascio.

    RispondiElimina
  38. "La Padania tratta da imbecilli i suoi lettori"...

    ...perchè non lo sono?

    RispondiElimina
  39. Maistretu8/3/12 18:48

    x Lorenzo
    Noi Leninisti, instancabili fautori della Dittatura del Proletariato, una soluzione ce l'abbiamo bella pronta, semplice, semplice, ai politici corrotti e fancazzisti prebendisti, una saccagnata di botte da sentire le ossa che si frantumano..
    senza tante cazzate..
    Maistretu

    RispondiElimina
  40. Secondo me non è che li tratta, lo sono proprio... non fosse altro per il fatto che leggono 'La Padania' ;-)

    RispondiElimina
  41. Intanto la Cassazione annulla la sentenza contro Dell'Utri "per concorso esterno in associazione mafiosa".

    Il sostituto procuratore generale presso la Cassazione Francesco Iacoviello afferma:
    "l'accusa non viene descritta, il dolo non è provato, precedenti giurisprudenziali non ce ne sono e non viene mai citata la sentenza 'Mannino della Cassazione, che è un punto di riferimento imprescindibile in processi del genere."

    Ma qualcuno se la prenderà la responsabilità delle sentenze emesse e/o annullate?

    RispondiElimina
  42. @Maistretu:
    Si e il fatto che quella sia esattamente la stessa ricetta delle Camicie Nere apparentemente non ti disturba.

    Ennesima prova sperimentale, qualora ce ne fosse bisogno.

    RispondiElimina
  43. Mi auguro che ora finirà, l'Umbertone. di chiamnare "Roma ladrona"..almeno per coerenza, ma sembra che abbia già dato la colpa a Roma di tutto ciò che è accaduto a casa sua...!!!!
    Giovanna - Roma

    RispondiElimina