Pagine

domenica 21 ottobre 2012

Bici da donna 4

Bici da donna Bici da donna Milano, la Scala

Come avevo scritto, domenica scorsa qui a Milano blocco del traffico. E quindi ne abbiamo approfittato per andare a zonzo alla grande (30 chilometri). Che le foto non vi ingannino, dappertutto erano iniziative di ogni genere in mezzo alle strade. Dagli scacchi ai calcio balilla alle danze alle automobiline a pedali ai tai chi, una lista lunghissima, atmosfera da sagra paesana. E' superfluo dire che questi scatti in spazi deserti me li sono meticolosamente cercati. E non sempre è stato facile. A questo proposito ringrazio qui di vero cuore i gentilissimi pedoni che in piazza della Scala hanno aspettato a passare nell'attesa del mio clic. Ringrazio anche Lidia, che ha votato per emai e che mi ha mandato alcune foto della curiosa bici con cui il figlio si sposta a Roma. Ho messo nella bisaccia parecchie altre immagini che pubblicherò nelle prossime settimane.

Ormai lo sapete. C'è da votare una foto. Buona domenica.

Bici da donna

Bici da donna Bici da donna Bici da donna Bici da donna

64 commenti:

  1. Senza dubbio la PRIMA! Finalmente uno che si distingue tra tanti "allineati e coperti"! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Ornella. Sto di nuovo ripartendo per un giro in bici in città. E oggi, rispetto a domenica scorsa, che era brutto e a tratti ha anche piovuto, c'è una bella giornata.

      Elimina
    2. Have a good ride, then! :-D

      Elimina
  2. Belle foto, magari si potesse girare sempre così a Milano, intanto come ti avevo scritto, stimolato sui tuoi post sulla bici da donna ne ho fatto uno sulla mia bici da corsa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ero dimanticato di votare, sicuramente la prima con tutte le bici allineate.

      Elimina
    2. Grazie Fausto, sono venuto a casa tua.

      Elimina
  3. La 5°- la torre Spire, lanciata nel futuro e i piedi sul pedale, la consistenza del presente,... hanno un loro perchè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo Saam volevo sentir dire.

      Elimina
  4. Con Milano ho un rapporto di amore odio.
    E' casa mia ma non mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è amore senza odio Lorenzo. E' quasi sempre così, però devi votare.

      Elimina
  5. la seconda..mi piacerebbe vederti pedalare con la maglietta da ciclista e le scarpette..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maglietta e scarpette da ciclista su bici da donna Roberto? Per farmi prendere poi per il culo vita natural durante?

      Elimina
  6. Bellissime le foto. Ma anche per me bellissima la bici da donna e ti dico perché. Ho imparato ad andare in bici da grande (oltre i 40 anni). Era una cosa molto comica e chi mi vedeva ci rideva sopra. Avevo cura di noleggiare sempre una bici da donna perché quando perdevo l'equilibrio e cascavo giù con la bici da uomo mi rompevo nel vero senso fisico le palle. Direi che la bici da donna si adatta molto meglio all'uomo.
    ciao e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado adesso su una bici da donna per i motivi che spiego nel primo post. Ma come hai fatto a imparare a quell'età Francesco? Con le ruotine? Però non hai votato. Devi scegliere una foto.

      Elimina
    2. Quella con la bici poggiata sotto le mura del carcere: sta come una speranza di libertà. ciao

      Elimina
  7. Avrei scelto la seconda se sul muro di mattoni rossi non ci fosse stata la targa "Museo del martirio e della tortura" che fa rabbrividire e toglie tutto il mistero a quello che si potrebbe immaginare dietro quel portone di ferro.
    E poiché sono un po' provinciale e mi rassicurano le vie strette dove si cammina a piedi, scelgo la quarta.
    Ciao Alberto, buona passeggiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, vada allora per la quarta, sono quasi sicuro che piacerà anche alla nostra amica di là. Oggi è stata proprio una bella gita in città. Clima perfetto. Grazie ottobre.

      Elimina
  8. Anche a me è piaciuto il contrasto nella n° 5: torre a spirale, proiettata in cielo ma, piedi per terra, o meglio, sui pedali!
    ciao, Al
    g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna, qui stanno sorgendo grattacieli come funghi nella stagione buona.

      Elimina
  9. Alba Sismondini21/10/12 18:39

    Voto la quinta perché mi sembra un'armonia fra antico e moderno. Mi piacerebbe sapere cos'è quel palazzo d'epoca in primo piano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alba. Quel palazzo prima non so adesso è la Maison Moschino.

      Elimina
  10. Tutte belle con preferenza per la quarta e la quinta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tutte belle. Allora vada perla quarta.

      Elimina
  11. La quarta. Padrone della città, o almeno della via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, dà quell'impressione. Grazie per il voto. Ma sei questa Sara?

      Elimina
    2. Si ma voto da anonima così conta solo il mio voto. Ti dispiace?

      Elimina
    3. No, no, Sara, fai quello che credi, che va bene. Buona settimana.

      Elimina
  12. L'ultima. Mi piace il contrasto di colori,linee,stasi -movimento creato dal podista di giallo vestito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Skip, vada per l'ultima allora.

      Elimina
  13. Bici:Un amore condiviso @alberto, questa volta il voto lo do sicuramente alla prima che chiamerei "la solitaria" un sentimento a me conosciuto Qualcuno solo in mezzo a migliaia di altri ;-) ricordi?

    https://picasaweb.google.com/116627877421173216886/MilanoArtDesignerPalazzoDellaRegioneLombardia15Ott2012ConManifestazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere soli in mezzo a tanti Gabry. Una situazione comune a molti nelle grandi città.

      Elimina
  14. La penultima.
    C'è, come dire?, un'attesa di fuga, di libertà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella osservazione dalle, bella.

      Me secondo te quelli fuori di Milano sanno dove ci troviamo lì?

      Elimina
  15. Ossi la quarta, mi piace molto la prospettiva.
    Ciao Al, Roberta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Roberta, per la Milano poco conosciuta.

      Elimina
  16. Io voto per la quarta, perché mi piace molto la prospettiva. Però mi piace anche l'ultima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la foto d'atmosfera dunque. Grazie Ester.

      Elimina
  17. a me piace l'ultima forse per via di quel giallo e del contrasto fra la bici immonbile e l'uomo che corre, o forse perchè mi sembra uno scorcio romano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Zefi voi a Roma correte? Grazie per aver votato.

      Elimina
  18. Voto la quarta. Mi piace il contrasto tra l'immobilità della bici e il dinamismo della strada. Sicuramente grazie alla prospettiva :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora ho visto giusto quando ho scritto che avresti votato nella risposta a Filo. Grazie Margherita.

      Elimina
    2. Sì, hai visto giusto.
      Ma vedi spesso giusto Alberto Cane,
      grazie a te :)

      Elimina
  19. Ciao Alberto, bellissima serie di foto, io scelgo la quarta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora la quarta Alex. Grazie.

      Elimina
  20. Belle le domeniche senza auto. solo che qui a Roma ci sono troppe salite, al centro città naturalmente. Io non potrei mai aderire.
    Il mio voto va alla seconda: la bici da donne sotto la targa "Museo della tortura e del martirio". Chissà, allude?

    RispondiElimina
  21. Ho perso le altre votazioni per cause di forza maggiore.
    Voto la terza: siamo tutti carcerati in qualcosa, e quella bici mi dà l'idea della possibilità di evasione, da pregiudizi, convenzioni e omologazioni che ci tengono vincolati.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene gatto, grazie per questa scelta. Tutti spesso vogliamo evadere da qualche prigione. Ma qui la prigione non è metaforica.

      Elimina
  22. avere le città (quantomeno i centri storici) liberi da auto sarebbe un sogno. Speriamo che in un futuro non troppo lontano possa avverarsi.
    nel mio piccolo, ho firmato una richiesta di pedonalizzazione totale del centro storico del mio piccolo paese, dovrebbero vietare per legge di accedere con le auto nei paesi e borghi le cui dimensioni sono inferiori a un raggio di 3 km (non camminiamo neanche 3km?!?!?!?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento Nicola, ma dovresti scegliere una foto.

      Elimina
  23. Voto l'ultima; restituisce una piacevoler senzazione di dinamismo.
    La panchina è ferma per "mestiere", la bici lo è momentaneamente e il signore in giallo, è colto in pieno movimento.
    E' una foto che racconta molto e potrebbe essere utile per spiegare il fenomeno del moto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte per questa tua analisi. Tu sì che le vedi le cose.

      Elimina
  24. Gian Paolo22/10/12 17:46

    Voto la 5 perché è in divieto di sosta.

    Attento perché a Milano vengono rubate 10.000 bici all'anno e solo 1 su 100 è ritrovata. (Corsera di lunedì 15 ott, pag 6 della cronaca di Milano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel primo post di questa serie spiego il perché di questa bici da donna Gian Paolo. E il perché era che quella da uomo me l'avevano rubata. Appunto.

      Elimina
  25. Resto sempre incantato per la bellezza delle tue fotografie. Bravo!

    Ciao Alberto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti LeNny ma dovresti votare una foto.

      Elimina
    2. Scusami... La quarta partendo dall'alto. :)

      Ciao.

      Elimina
  26. com'è bello andare in giro per milano in bicicletta... se non ci sono le macchine però... altrimenti ti stirano

    RispondiElimina
  27. Ho tirato le somme e dunque ha vinto la quarta. Seconda la quinta e terza la prima. Buona ultima la terza che mi è costata parecchio fatica. Grazie ancora. Fra qualche minuto pubblico il nuovo post "Bici da donna 5".

    RispondiElimina
  28. contrariamente a quello che ci si potrebbe aspettare da me e nonostante siano tutte bellissime foto io scelgo assolutamente la prima!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.