Pagine

venerdì 19 ottobre 2012

La coppia diabolica

Sallusti e Santanché

Il Sallusti rischia di finire dentro e io mi auguro di no, perché poi diventa un martire della libertà di stampa, messo sugli altari e citato come esempio del giornalismo coraggioso contro il potere.

La Santanché rischia di essere buttata fuori dal Pdl dopo le dichiarazioni di ieri («i dirigenti sono tutti da rottamare») e io mi auguro invece che rimanga e continui a tirare petardi nella gabbia delle iene affamate fino al big bang finale.

Dio li fa li accoppia e poi sta a noi succhiarceli, questi campioni di simpatia.

13 commenti:

  1. trovarli in strada e ungerli come cuoi queste due merde cagate male..

    RispondiElimina
  2. Un Sallusti che all'improvviso, da sparaminchiate cosmico e diffamatore a nastro, diventa un martire?
    Una Santanchè che da un momento all'altro comincia a dar di matto, ficcando mazzate in testa a tutti quelli a cui la mollava gratis fino a ieri?
    Non c'è che dire: fanno tutti e due parte della classica specialità del piddielle: gettare fumo negli occhi della gente per stornare l'attenzione dalle problematiche serie. Purtroppo in questa specialità sono dei campioni assoluti.

    RispondiElimina
  3. mamma mia, guarda che tu devi mettere l'avviso di "vietato ai minori" quando metti queste foto qui eh!

    RispondiElimina
  4. A me non dispiacerebbe che Sallusti andasse in galera, e chissenefrega se lo fanno martire; intanto, per una volta, paga di persona.
    La Santanché non merita commenti.

    RispondiElimina
  5. "La coppia diabolica" ... no avrei intitolato " Arrivano i mostri", mamma mia quanto sono brutti e pensare che lei è pure rifatta.

    Sono d'accordo con la tua logica ma ho imparato a conoscere questi "avvoltoi" e buona parte del popolo italiano.
    Dunque, contro ogni forma di buon senso, scelgo lui in galera e lei, vista l'indole, andasse a vender pesci al mercato.

    Ciao, Francesca.

    P.S. sul mio blog ho postato una foto scattata in B/N, se ti va di passare sei il benvenuto.

    RispondiElimina
  6. Alberto mi sa che dalle mie parti ti è saltato il link alla foto, un saluto.

    RispondiElimina
  7. dicono (dicono eh +Alberto Cane !!) cje dio li fa e poi li accoppia...che schifo di coppia! Sacrificato su l'altare del giornalismo Visto che sono coppia direi ... *SACRIFICHIAMOLI SU L'ARA* http://www.appennino.info/CMDirector.aspx?ID=1556


    RispondiElimina
  8. Ma no che non ci va Sallusti in galera, come ripete ogni mattina Luca Bottura a Lateral.
    Però un qualche prezzo lo deve pur pagare, per le cretinate che ha pubblicato!
    La santa-de-che la disprezzo come soggetto politico,
    come soggetto umano mi urta perchè si comporta come una granfiga quando non riesce ad essere gradevole nemmeno ricorrendo ai ritocchi
    -sai dove dovrebbe farseli fare, i ritocchi? al cervello!-

    RispondiElimina
  9. Hai ragione Alberto, eppure a me piacerebbe vederlo in 'GALERA!', come diceva Bracardi.
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. Avete perso il senso della misura.

    Che Sallusti sia antipatico può essere. E' stato condannato per diffamazione mezzo stampa, una cosa che per noi blogger, specie per alcuni, è il pane quotidiano. D'accordo che noi non siamo direttori responsabili di un quotidiano ma in questo caso mi viene da citare il celeberrimo "chi è senza peccato scagli la prima pietra".

    Inoltre, direi che con un po' di fantasia dovrebbero venirvi in mente parecchie colpe più gravi della diffamazione.

    Da cui ricavo l'impressione che la necessità di DEMONIZZARE una persona che non ci piace sia un residuo di infantilismo, che per altro, scusate, si sposa perfettamente con l'adesione pur in età matura alla cosiddetta "sinistra". E non perché lo dico io ma per il celeberrimo aforisma di Raymond Aron.

    RispondiElimina
  11. L'uno degno dell'altra! E per quanto riguarda Sallusti, anch'io rifacendomi a Bracardi urlo: in GALERAAAAAA!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.