Pagine

giovedì 11 ottobre 2012

La Lega e la 'ndrangheta in Lombardia

roberto maroni

Quando Saviano nel 2010 lanciò l'allarme, che in Lombardia, nella ricca Lombardia, la 'ndrangheta stava pappando alla grande, e si insinuava nella politica, e corrompeva, e estorceva, e inquinava, e spacciava, Roberto Maroni, allora ministro dell'Interno, reagì incazzato dichiarandosi offeso e indignato per quelle parole. Ripeto era ministro dell'Interno, e tanto basti.

Ieri è stato arrestato l'assessore alla Casa della Regione Domenico Zambetti con un'accusa sconvolgente: aver pagato alle cosche calabresi 200.000 euro in cambio di 4000 voti, cinquanta euro a voto. Ormai la giunta Formigoni è un cadavere che cammina e se ancora cammina lo deve alla Lega che continua a darle il suo appoggio incondizionato malgrado la sequela a ciclo continuo di arrestati indagati avvisati.

Se a 'sto punto Maroni che ha fatto della pulizia il suo slogan, non so se di facciata o di sostanza, continua a parare il culo al Celeste che ieri, dopo la notizia, ha ripetuto come un mantra o se preferite come un pugile suonato, che la responsabilità è personale e quindi lui si tira fuori, se continua a parargli il culo dicevo, diventa connivente di questo marciume puzzolente, continuando di fatto la politica dello struzzo praticata quando era ministro. Ma avrà vita breve, lui e la sua Lega.

33 commenti:

  1. 1)la Lega non ha mai detto che la 'ndrangheta al Nord non c'è ma in primis gli 'ndranghetisti che ci sono al Nord non sono del Nord e in secondo luogo da qui a dire che la Lombardia e la Calabria sono uguali ce ne passa prova ne sia che la 'ndrangheta in Lombardia può spostare 4000 voti che sono niente rispetto a quelli che sposta in Calabria
    2)per Maroni parlano i risultati, mentre Saviano chiacchiera lui come ministro dell'interno ha fatto arrestare 29 dei 30 latitanti più pericolosi arrestati e sequestrato 12 miliardi alle mafie e non mi si venga a dire che è merito delle forze dell'ordine e della magistratura altrimenti non si spiega come mai questi arresti sono stati fatti tutti negli ultimi anni
    3)la Lega si batteva contro il soggiorno obbligato dei mafiosi al Nord quando Saviano e probabilmente anche l'autore del blog ancora andavano alle elementari
    4)la Lega ha già fatto cadere diverse giunte comunali in odore di mafia anche a costo di andare all'opposizione come è successo a Desio e in altri posti e come ora è pronta a fare in Lombardia anche a costo di perdere Piemonte e Veneto che non c'entrano niente con tutto questo, e come è successo con Tizzoni a Rho ha rifiutato i voti della 'ndrangheta anche a costo di consegnare il comune alla sinistra
    5)è facile blaterare stando all'opposizione dove non si ha nulla da perdere, mi pare che Vendola ed Errani siano indagati e siano ancora lì e nessuno della sinisra gli chieda di dimettersi. Tra l'altro lo stesso Zambetti ha iniziato la sua carriera politica come assessore provinciale a Milano nel CDU alleato allora col csx


    ergo ci si sciacqui la bocca prima di parlare di legami tra 'ndrangheta e Lega

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero divertita dal commento di William.
      La realtà però è che il Celeste è ancora lì perché la Lega glielo permette.
      Quindi c'è da vergognarsi e basta, altro che fare i ganassa.

      Elimina
    2. Ma se lo stesso tesoriere della Lega, Belsito, dalle intercettazioni risulta aver avuto contatti con la 'ndrangheta! E, Maroni, Ministro degli Interni diceva di non saperne niente!

      Elimina
    3. Ma di Penati si sa più niente?
      L'hanno cancellato dalle fotografie, come facevano in URSS quando un amico di Stalin cadeva in disgrazia.

      Elimina
    4. Ho da poco fatto un'approfondita pulizia dei denti ed un lungo risciacquo con del colluttorio. Forse, il leghista William mi consentirà di dire la mia sui fascisti in camicia verde.

      1)Certe sottigliezze linguistiche, somigliano tanto al gesto che lo struzzo fa, all'avvicinarsi di un pericolo: mette la testa sotto la sabbia. Comunque, William, le ricordo che Maroni negava le infiltrazioni mafiose all'interno delle amministrazioni locali del nord. I "distinguo" sulle origini territoriali dei camorristi li sta facendo lei no Maroni. Come supporter leghista è un po scarsino di argomenti!

      2)Tutti ricordiamo il Maroni che usciva nottetempo dal suo ministero e si infiltrava, sotto copertura, tra ndrine, cupole, quartieri malfamati di Palermo, Napoli e Casoria solo ed impavido, alla ricerca dei brutti mafiosi del sud. Poi, ricicciava al mattino con le prime brine, come le lumache, con un bel mafioso ammanettato!!! William, abbia la compiacenza di non prendere per il culo gli uomini delle forze dell'ordine ed i magistrati che, rischiando il loro di culo mentre lei dormiva sonni tranquilli, hanno consentito quegli arresti. Sorvolo, inoltre, su Saviano. Coltivare il qualunquismo xenofobo leghista qualche problema lo manifesta. Culturale, principalmente.

      3) semplicemente spassoso! Potevate accettare i voti mafiosi, così salvavate il Paese dalle "sinistre". Spassoso William!!

      4)Vendola o Errani non sono indagati per collusione con la mafia e neanche di contiguità con la stessa. Provi a documentarsi che è meglio.

      La saluto William!!

      Elimina
    5. l'unica cosa da sciacquare è la mente degli italiani che per anni hanno dato dei voti a un partito come la Lega che si è sempre innalzato a limpido e pulito, mentre partecipava alla spartizione della torta assieme agli altri, chiedendo la secessione con una mano mentre con l'altra si portava a casa lo stipendio da Roma.

      Elimina
    6. Ahahahah
      un genio leghista.
      Che ignora come la Lombardia per la ndrangheta e' molto, ma molto, piu' importante della calabria.
      Ma non so se il tale riesce ad arrivarci.

      Per quanto riguarda quell'altro, quello che viene qui a sparare le sue (e per fortuna soltanto sue) verita', sappia che Penati NON ha preso i voti delle ndrine, quelle tuttalpiu' votano gentaglia come te, lorenzo, si e' dimesso e nelle ultime due settimane si possono trovare articoli sul medesimo in qualsivoglia quotidiano nazionale, ma sino a che il verbo resta la padania, campa cavallo.

      Lorenzo, fai pena.

      Elimina
  2. Caro Alberto, quando studiavo a Pavia (anni '80), i figli di alcune famiglie calabresi studiavano li' (tenendo atteggiamenti diciamo sopra le righe). E certe famiglie potevano contare i voti da orientare tra DC e socialisti, casa per casa in certe elezioni comunali (a Pavia dico). Durante la risistemazione dello stadio di San Siro per Italia '90 certe famiglie controllavano il movimento terra/inerti, tanto da rallentare i lavori (mio padre lavorava in edilizia e ha passato qualche brutto quarto d'ora chiedendo qualche perche').
    Adesso ci vengono a raccontare che certe infiltrazioni sono "roba degli ultimi anni".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No casomai ti raccontano che non è una novità che esportando al nord X Calabresi dentro ci trovi Y mafiosi che una volta insediati andranno a interferire con Z attività.

      E' la scoperta dell'acqua calda.

      Quello che non funziona è sollevare la polvere cosi non si capisce bene il concetto che la mafia non si attacca come il raffreddore, si sposta con le persone che se la portano dietro dalla terra natia.

      Elimina
    2. Se fosse come dici Lorenzo - che la mafia non si sparga come una malattia e non attecchisca quando trova terreno fertile - i mafiosi dovrebbero ricattarsi tra di loro. :-)
      Mi pare che GianLuca abbia fatto delle osservazioni calzanti sulle relazioni tra mafia-ndrangheta-camorra ed il nord: le mafie vanno dove girano i soldi, e sfruttano i vari politici ed industriali del nord per i loro traffici, te ne sei accorto?
      Le discariche, ad esempio - uno dei più remunerativi affari delle mafie - sono piene di materiali tossici che provengono dalle fabbriche del nord operoso, tramite accordi con industriali che - pur di risparmiare qualche decina di euro a tonnellata - chiudono gli occhi e la 'voce della coscienza' facendo finta di non sapere dove vanno a finire quei veleni.

      Elimina
  3. Alle prossime elezioni, voto per Topolino, va'.

    RispondiElimina
  4. Connivenza, cioè "l'assistere passivamente, o dando il proprio consenso, a un atto disonesto che si potrebbe impedire, consentendone lo svolgimento" (Wikizionario). Appunto.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Vediamo se la faranno cadere! Ma mi viene comunque un dubbio, fino adesso nessuno a visto, sentito o saputo nulla?

    RispondiElimina
  7. Qua non basta più far cadere questo o quello... Qua in Italia ormai c'è bisogno solo di fare tabula rasa di tutte le istituzioni politiche e di ripartire da zero... E quello che mi fa impressione è che siamo cotti al punto giusto perchè, arrivasse qualcuno con sufficiente carisma, ci si ritrova in un attimo come la Germania all'inizio del nazismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Grillo parla come un nazista.

      Elimina
  8. Ciao Alberto. Credo che, replicando al nostro William (che poi, potrebbe essere anche il nostro caro Lorenzo ma "sotto copertura") abbia espresso la mia sulla riflessione da te proposta. Va bene la libertà d'opinione... ma che sia un'opinione e non caz...te!!

    Non mi resta che aggiungere un saluto e augurarti buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Questa volta, caro Alberto, a parte il tuo testo pacato e più che condivisibile, mi sono molto divertita ai dibattiti o semi-dibattiti, dal momento che William non ha più replicato. A meno che abbia ragione Carlo.

    RispondiElimina
  10. il problema è che la Lega è il niente, un dato oggettivo, ed il niente prima o poi si manifesta nella interezza,magari a piccoli passi, vedi i Bossi e company, con i Calderoli ed il suo voler timbrare i "clandestini" ecc.. il ridicolo al potere. il malaffare coinvolge tutta la politica da Penati in giù o in sù, come preferite, una società malata e avariata da 20 anni di politiche predatorie trova nelle varie mafie un referente più che attento. oggi è difficile uscirne, almeno che non si apra un conflitto sul piano istituzionale e non, un conflitto che potrebbe portare ad una nuova Costituente. bisogna, altresì, per dovere, non mettere tutta questa classe politica sullo stesso piano. le differenze ci sono si vedono e si sentono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è solo un piccolo dettaglio.
      Per fare la prima Costituente siamo dovuti passare dalla Prima Guerra Mondiale, il Fascismo, la Seconda Guerra Mondiale, l'occupazione tedesca, la resistenza di ispirazione stalinista, la guerra civile e l'occupazione americana. Mettendo insieme il tutto fa quel milione e mezzo, due milioni di morti, un Paese spianato dalle bombe e le conseguenze mai risolte della guerra civile e dell'essere frontiera della guerra fredda.

      Inoltre, il problema generale degli Italiani è che non hanno alcun "senso morale", al massimo hanno delle "ideologie", costruzioni metafisiche e massimi sistemi che usano come paravento dietro cui fare i propri piccoli interessi. Una Costituente può scrivere le Tavole della Legge ma questo non significa che poi la vita quotidiana degli Italiani sarà ispirata a quelle tavole. Siamo sempre il Paese di "Franza o Spagna basta che se magna" e del "passata la festa, gabbato lo santo".

      Il mio cinismo non può essere che rafforzato dal fatto che la ragione di vita della attuale "Sinistra" è quella di proteggere gli interessi delle categorie degli Italiani super-tutelati dallo Stato, tutelati secondo criteri che sono insostenibili economicamente e moralmente in un momento un cui ogni bambino nasce con 30K euro di debito e il Governo propone di abbassare l'illuminazione notturna per risparmiare, come in tempo di guerra.


      Elimina
    2. Ma sei proprio limitato, forse non e' neanche colpa tua:

      " la resistenza di ispirazione stalinista"

      Difatti, e' notorio, che don Luigi Sturzo fosse un devoto delle teorie troskiste.

      Ma te le sogni di notte o vai a ripetizione dalla santanche?

      Elimina
  11. speriamo che il tuo finale di post si realizzi presto perchè del marcio e dell'arrognaza di questa politica abbiamo sopportato anche troppo - ciao

    RispondiElimina
  12. Più di duemila anni sono passati da quando il più grande anarchico comunista è stato ucciso
    il suo concetto di fratellanza è stato tradito da chi doveva divulgare il suo credo.
    Favorendo a chi Governa Su un piatto d’argento l’eliminazione del concetto anarchico.
    Come? Sfruttandolo per governare mascherato da democrazia.

    Pertanto il pensiero anarchico nato dopo è violenza gratuita che aggiunge caos al caos.
    l'egoismo domina il mondo annebbiando le menti dei pigri tutto cambia a parole
    ma nella sostanza tutto resta come prima ( quando va bene)
    il pensiero anarchico comunista è come l'utopia.

    PS Mi sono chiesto spesso cose L’utopia
    E da ignorante questa è l’unica risposta
    Che mi è venuta in mente L’utopia è il bene Che non c’è
    È la scintilla che manca a L’uomo per essere simile a Dio. VITTORIO

    RispondiElimina
  13. dimenticavo: http://www.ilquotidianoweb.it/news/353230/L-intercettazione---A-Rho-i-voti-dei-calabresi-li-ha-comprati-il-Pd-.html#.UHaLb_y-DDS.facebook

    per il resto, e a parte il fatto che Belsito l'abbiamo buttato fuori parecchi mesi fa e che quella vicenda si sta dimostrando in gran parte fuffa come prova il fatto che i diamanti sono stati restituiti alla Lega in quanto erano della Lega, confermo quanto detto sopra ovvero com'è che gli arresti sono stati fatti solo quando era ministro Maroni, dov'eravate quando la Lega già 30 anni fa faceva le manifestazioni contro il soggiorno obbligato? E infine non venitemi a dire che la provenienza geografica non c'entra niente, gli 'ndranghetisti in questione si chiamano Costantino e D'Agostino e non Colombo e Brambilla

    RispondiElimina
  14. io 25enne iscritto al PCI ero a Palermo al funerale e alla manifestazione contro la mafia nel settembre del 1982, eravamo con i braccianti nel dopoguerra quando i scelbini sparavano sui braccianti, eravamo con i Placido Rizzotto e alle decine di militanti uccisi per difendere il diritto alla terra e alla vita. poi pensare che la provenienza geografica imprima una sorta di DOP è veramente il colmo e anche il limite culturale di una certa cultura politica. parlare di mafie e ricondurre il tutto ad una presunta superiorità morale di un nord orfano di pellagra e follia da idiotismo alcoolico. nessuna superiorità cherì, mafie che gestiscono miliardi di euro possono permettersi anche di mantenere centinaia di politici in quelle Regioni che a forza di stravolgimenti dei PRG/PUC e alle conferenze dei servizi hanno devastato il territorio. chi erqa che costruiva a Rogoredo, Pero, Rho ecc? chi ha fatto gli investimenti nelle decine di porti e retroporti e villaggi qui in Liguria e nella vicina costa Francese? chi mantiene di fatto il controllo di una parte crescente del territorio del nord/padano/celtico/ligure?
    a Maroni piace Parker, Davis, Benny Goodman ecc ha buoni gusti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io da alpino sono dovuto andare a Gela a fare la guardia per le strade dopo che avevano fatto saltare due autobomba in stile libanese per uccidere Falcone e Borsellino.

      Mi dici che non c'è "provenienza geografica"?
      Scusa se rido.

      Elimina
  15. Ciao Alberto, ti ricordi qualche anno addietro (circa 20 o 25) al tuo caro paesello quando quel signore vestito di bianco con il panama in testa veniva a trovare i suoi corregionali in periodo di elezioni, quante baciate di mani in piazza, magari oggi i loro figli sono quelli che oggi si meravigliano. Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una grande "famiglia" quella, con molti rami collaterali. Sempre sulla cresta dell'onda, malgrado ogni tanto qualcuno di loro vada sott'acqua.

      OT
      Mi sto interessando per le uova dell'anatra mandarina.

      Elimina
  16. Visto come è andata a finire ieri, dopo l'incontro a Palazzo Grazioli, Maroni ha reso palese a tutti che la minaccia di staccare la spina a Formigoni non era nient'altro che un bluff! Maroni s'è impegnato ad usare la ramazza nel suo partito solo per scalzare Bossi ed impossessarsi del potere assoluto, sa benissimo che se cade il governo della regione Lombardia la Lega non ha assolutamente certezze di potervi tornare come partito di maggioranza, ergo preferisce essere connivente di questo marciume pur di mantenere ancora il suo potere nel governo di quella regione.

    RispondiElimina
  17. Ipotesi ottimistica:
    Maroni, resosi connivente del marciume, verrà travolto a sua volta quando tutto andrà a patatrac e Sega Nord smetterà di esistere.
    Ipotesi realistica:
    Maroni, resosi connivente del marciume, farà in modo che Formekojoni resti a galla, e con lui anche Sega Nord.

    RispondiElimina
  18. ma william da che pianeta viene?

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.