Pagine

venerdì 28 gennaio 2011

Ferrara, della serie come tento di rigirare la frittata

"Non è un problema di pubblica moralità. Nel 1968 ci siamo storicamente liberati del «comune senso del pudore», categoria arcigna e censoria dell’Italia anni Cinquanta, e ne lasciamo volentieri gli avanzi ai pm politicizzati e a quella parte della sinistra azionista, incarognita con la bella Italia alle vongole, che li segue triste e avvilita"
Da il foglio di ieri

Il Ferrara, lecchino "intelligente", si arrampica su specchi viscidi per giustificare il postribolo a piovra (puttane, caro Ferrara, puttane, non amore libero che è ben altra cosa) del suo principale.

Lingue biforcute siete, dopo tutta la merda che avete sparso sul Sessantotto e di cui adesso a sproposito vi servite, lingue in sostanza, nel vostro piccolo, negazioniste. Perché travisate, sapendo di travisare, quell'irripetibile periodo storico. Mercenari siete, della penna e di altro. E quando l'incantatore di serpenti non vi incanterà più, domani massimo dopo, vi voglio proprio vedere.

citazione da il foglio presa da Malvino via Luca

17 commenti:

  1. Se adesso qualcuno dice che sono in sintonia con "l'amaca" di oggi di Michele Serra rispondo può darsi, ma almeno io Ferrara lo nomino, lui no.

    RispondiElimina
  2. non ho ancora letto l'amaca, però sta situazione mi fa una gran tristezza. mi sento umiliata come italiana. mi fa pena (davvero! pena!) la minetti e le sue amiche, puttane travestite da politiche, sgamate di fronte al mondo. la minetti è molto più bella di me, ha due anni meno di me (ed è anche romagnola, come me), eppure ho il sospetto che farà davvero fatica a "fidanzarsi, sposarsi, avere dei figli" (parole sue) con un soggetto serio. magari sono illazioni, eh! mi fa schifo ferrara, che per definire queste porcherie riesuma il 68! e poi, devo dirlo, sono stanca anche dei giornali, che mi umiliano come persona, quando mi sottopongono scenette da film porno in prima pagina. sarò una moralista, ma ieri mi ha dato fastidio leggere sul giornale di berlusconi e fede che toccavano il culo alle gemelle de vivo e che avevano rapporti plurimi e "stressanti" con delle ventenni. ebbasta. salvo solo veronica lario che tace, di nuovo, su questo schifo.

    RispondiElimina
  3. Da anni mi rifiuto di leggere quel che scrive Ferrara. Anche di ascoltare quel che dice, per la precisione.
    Un servo del padrone (di turno o di comodo) come lui non merita il mio tempo e nemmeno la mia attenzione.

    RispondiElimina
  4. caro Alberto,
    nel '68 c'ero e oggi posso dire che Ferrara, per quello che oggi dice, non c'entra per niente con il '68. Forse non c'entrava niente neanche allora, ma era un libero movimento e non c'era certo un esame per parteciapare a qualche manifestazione. La liberazione sessuale del '68 non si basava sulla potenza del denaro.
    saluti

    RispondiElimina
  5. ho ancora il giornale nel sacchetto, lo aprirò stasera, almeno potrò sporconare in santa pace. Certo che mi fa ridere questo prostituto intellettuale che è transumato dal 68 con Sofri e Lerner, passando per il revisionismo in salsa conservatrice, per approdare a una versione teocon del movimento per la vita e affogare nella benedizione dell'harem in tutte le sue declinazioni presidenziali

    RispondiElimina
  6. e lui se la mangia pure la frittata !

    RispondiElimina
  7. dovremmo sciogliere questo nodo del 68, un calderone in cui ci sta dentro tutto, e distinguere il grano dal loglio. ci sono quelli per cui il 68 è stato "liberare le proprie perversioni" e quelli per cui è stato "liberarsi dalle proprie perversioni"

    RispondiElimina
  8. i padroni riescon sempre a trovare nuovi e vecchi servi.

    RispondiElimina
  9. Cioè stiamo parlando di Ferrara, quel viscido indecente passato (tutto d'un tratto) dalla parte dei "buoni" quelli del NO all'aborto o all'eutanasia. Non lo posso vedere, mi da nausea fisicamente e mentalmente!

    RispondiElimina
  10. egill-larosabianca28/1/11 18:53

    Con una preparazione che nulla ha a che vedere con il ricoprire cariche
    istituzionali,Alcune occupano "seggi"
    che in passato solo DONNE storiche per l'impegno politico avevano titolo
    di occupare.

    RispondiElimina
  11. Cavolo Alberto, mi è venuto un colpo nel leggere le prime righe, mi stavo chiedendo se non avessi preso una craniata. ;-))

    Poi ho visto l'origine di simile poltiglia fetida che quello spaccia per giornalismo. ;-))

    Come l'amica Dalle8alle5 non lo leggo, troppo viscido per reggerlo.

    RispondiElimina
  12. Quando fa comodo si nega o si tira in ballo di tutto. Che tristezza... (peccato che c'è gente che si rende conto di questo squallore e preferisce tacere per non contraddire il padrone)


    Ho aperto da poco un blog, puoi farci un salto? http://maricovi.blogspot.com/
    Grazie! :D

    RispondiElimina
  13. Beh Ferrara è più ributtante dentro che fuori... e non era cosa facile :-)

    RispondiElimina
  14. Gianni bestagno28/1/11 22:46

    Voglio dire che fino a ieri spettavo che passasse a nottata, da tempo ormai ho paura di non riuscire più nemmeno ad aspettare.
    Ci rispettassero almeno con il silenzio

    Ciao alberto

    RispondiElimina
  15. Ferrara è un provocatore, ma mi chiedo se il problema non esista, sessantotto a parte, quello della classe dirigente a sinistra esiste, forse ci siamo dimenticati che in questi ultimi vent'anni la "sinistra" si è ritrovata ad appoggiare candidati a premier di formazione politica di area centro destra, sempre che queste categorie abbiano ancora senso,uno per tutti Prodi. pensare ad un progetto politico ad una coalizione in grado di farci uscire da questo merdaio, fa caldo, non è certo con gli estremismi parolai e non che si ridà forza alla politica, quella che molti di noi hanno conosciuto, quella da dove viene Ferrara..
    Maistretu

    RispondiElimina
  16. Sì, Ferrara é un proprio un perfetto esempio di Maramaldo contemporaneo. E pochi ricordano quanto stia da anni infangando l'onore e la memoria dei suoi nobili genitori.

    RispondiElimina
  17. Se siete d'accordo con le mie dichiarazioni condividetele sui vostri blog.

    RispondiElimina