Pagine

lunedì 13 giugno 2011

Se il vento fischiava

Se il vento fischiava
ora fischia più forte,
godiamocelo ordunque,
abbracciamoci
nella gioia
da condividere
danzando,
è una fantastica primavera
di una nuova Italia
che risorge

56 commenti:

  1. Abbracciamociiiiiiiiiii!!!!!

    RispondiElimina
  2. spero solo che adesso la sinistra non si sbrachi in conflitti interni e non perda questa opportunità di ribaltare la situazione politica!

    RispondiElimina
  3. Ribadisco: L'ITALIA S'E' DESTA! Finalmente vedo un po' di luce in fondo al tunnel!

    RispondiElimina
  4. Godiamo
    Abbracciamoci
    Gioiamo
    Condividiamo
    Danziamo
    RISORGIAMO
    :-)

    RispondiElimina
  5. Il più bel regalo di compleanno di tanti che ne ho passato tra elezioni varie!

    RispondiElimina
  6. Pia, buon compleanno. Più bello di così!

    RispondiElimina
  7. Fischia, fischia. Eccome se fischia!! :))))

    RispondiElimina
  8. non poteva andare meglio!

    RispondiElimina
  9. Ho votato.................................................................................................................................................................. 4 NO

    RispondiElimina
  10. Fuin è sempre il solito simpatico tiraballe...
    Adesso capisco perché Vecchioni ha vinto a Sanremo: "Questa maledetta notte dovrà pur finire..." ed è finita.

    RispondiElimina
  11. Sì sì sì sì 4 Sì democratici!

    RispondiElimina
  12. E' bello il vento che scompiglia e accarezza e pulisce ed eletrizza e fa sentire vivi. Vi voglio bene!

    RispondiElimina
  13. Well done, e non sto parlando della bistecca! Che a me piace medium o rare! Evvai Alberto!

    RispondiElimina
  14. sgavaudura13/6/11 16:51

    il mio compleanno sarà dopodomani ma comincio a festeggiare oggi

    RispondiElimina
  15. Zumpa zumpa zumpappà

    @pia e sgavaudura: auguriii! :)

    RispondiElimina
  16. Grande vittoria. Sto andando in piazza Duomo. Ci vediamo là.

    RispondiElimina
  17. Altro che spallata.
    Oggi li abbiamo letteralmente

    "DEFENESTRATI".

    Grazie a tutti.

    Zac.

    RispondiElimina
  18. danziamo Alberto...esultiamo e continuiamo a seminare!!!!!

    RispondiElimina
  19. Sono pigro e quindi riporto per intero il commento che ho appena scritto sul post di Chit:

    Sono contentissimo del risultato ma non del mezzo. Noi abbiamo a disposizione il voto per eleggere i nostri rappresentanti. Questi dovrebbero quindi fare quello che hanno promesso e per cui sono stati eletti rispettando la volontà dei loro elettori.
    Dover buttar via un sacco di soldi per decidere (decidere di abrogare, ricordiamolo) qualcosa che dovrebbe venir deciso già dai nostri rappresentanti è qualcosa di ignobile.
    E non possiamo neppure dire “ricordiamocelo la prossima volta che andremo a votare” perchè gli attuali partiti non hanno nè onore nè parola e soprattutto non hanno alcun chiaro programma politico (costruttivo, buttar giù l’avversario non è costruttivo).
    Ci vorrebbe una maggiore partecipazione attiva della gente, qualcosa di sostanzioso. Ecco, se il quorum raggiunto fosse stato dell’80-90% sarei molto più ottimista.

    RispondiElimina
  20. Domani sarà un'altro giorno,ma è già cominciato,oggi.
    Ciao

    RispondiElimina
  21. Esultiamo ma non molliamo...ora mai più !

    RispondiElimina
  22. Sarà un risorgimento? Ok è un inizio-
    Daccordo con Giulio GMDB-
    Egill

    RispondiElimina
  23. Un bel poker di si
    Dopo la tempesta... il doppio arcobaleno ed ora spero venga il bello...
    Felice settimana

    RispondiElimina
  24. brava Marisa, i Ferrero e i Diliberto e tutti i spacca capelli in quattro, vanno tenuti fuori dalle palle, se dovessimo perderci ancora una volta come nel 1998 e nel 2008, sarebbe la fine e la strada spianata per una dittatura post moderna...
    vigiliamo con determinazione.
    buona festa a tutti!
    Maistretu

    RispondiElimina
  25. GREAT, GREAT, GREAT, GREAT

    RispondiElimina
  26. ... se fischiava, oggi è un tornado che ha travolto chi voleva boicottare, chi voleva privarci di un diritto-dovere, chi ha steso un velo di silenzio...

    Ciao Alberto, magnifica serata per noi tutti... e da domani, si ricomincia con maggior forza!!!

    RispondiElimina
  27. Mi sto godendo le dichiarazioni di tutti, da tenersi la pancia in mano, godiamoci questo momento sapendo che non è il primo e non sarà l'ultimo e

    QUOTO MAISTRETU ;-))

    RispondiElimina
  28. Il messaggio è stato inviato chiaro e forte. Adesso tocca a "loro".

    RispondiElimina
  29. Seconda *sberla* a destra
    questo è il cammino
    e poi dritti
    fino a .....

    mi fermo per scaramanzia!:-)

    evviva evviva!!!
    g

    RispondiElimina
  30. Bravi, ce l'avete fatta. Solo qualche ora prima, il Berlusca cominciava a dire che aveva vinto il no e che quindi si approovava la sua politica. Con la sua faccia "tirata per eliminare le rughe", può andarsi a nascondere e non uscire mai più. Naturalmente non lo farà perché è talmente egocentrico che crederà di essere nella ragione. Speriamo che non inventi qualche cosa per passare oltre il risultato del referendum. Buttatelo fuori alle prossime legislative.

    RispondiElimina
  31. Il risultato più bello è stato quello che la gente finalmente nel dire SI' quattro volte,ha detto NO. Non ne ero tanto sicura. Però credo che dovremo aspettare ancora un po' di tempo prima che il vento diventi un uragano.Intanto rallegriamoci, ce n'era bisogno.

    RispondiElimina
  32. Quoto tutti,sono talmente felice !
    un abbraccio a tutti domani ci sveglieremo meglio. Grazie Alberto.

    RispondiElimina
  33. Ma quanto è fresca e dolce questa brezza che sta spazzando via tanto marciume, un grazie di cuore a tutti coloro che hanno votato e consentito questo straordinario risultato.

    RispondiElimina
  34. Il lavoro non è finito.
    Elezioni anticipate !

    RispondiElimina
  35. Ora bisogna puntare al governo presentando una coalizione che il paese chiede e un leader...
    Che spettacolo ragazzi!!!

    RispondiElimina
  36. Acqua pubblica e niente nucleare. Un vero peccato che ci siano voluti 2 anni e un casino di sforzi e di soldi nostri per fissare due semplici paletti (che non sono prerogative della sinistra).
    Anche un leghista celodurista della prima ora vorrebbe l'acqua del suo paese decontaminata e in mano al suo sindaco... non ci vuole molta scienza a capirlo.
    Peccato che tutti i politicanti abbiano voluto infischiarsene di questa evidenza e siano andati avanti per la loro strada.
    Tra poco sarà il turno dei cancrovalorizzatori e del cemento, ma noi combatteremo di nuovo contro una classe politica inetta e miope. Perderanno sempre, oppure perderà tutta l'Italia.

    RispondiElimina
  37. Se il vento fischia più forte - ed è così dopo il risultato di ieri - seguiamolo con impegno! Al lavoro.

    RispondiElimina
  38. io sto godendo da matto perchè ho politicizzato il voto ai referendum con quattro bellissimi SI!

    RispondiElimina
  39. gian paolo14/6/11 08:06

    28.789.000 comunisti!

    RispondiElimina
  40. Ci si sente immensamente più leggeri oggi :-)

    RispondiElimina
  41. i 57 sono molti milioni di italiani

    RispondiElimina
  42. Risorge sì, magari un po' alla volta ma risorge! E' bellissimo.

    RispondiElimina
  43. Si respira finalmente! Mi piace quello che hai scritto!

    RispondiElimina
  44. Quella per l'acqua pubblica è stata una lotta dura e lunghissima (10 anni). Un forte abbraccio a chi non si è mai tirato indietro.

    RispondiElimina
  45. Mi unisco all'abbraccio collettivo e ringrazio i votanti per avermi fatto sentire orgoglioso di essere italiano!

    RispondiElimina
  46. ora tutti a festeggiare, e speriamo veramente che , come dice Marisa ,la sinistra non si sbrachi in conflitti interni per l'ennesima volta

    RispondiElimina
  47. Scarpe rotte eppur bisogna andar!

    RispondiElimina
  48. speriamo solo che dopo questo messaggio forte e chiaro chi doveva sentire faccia qualcosa di concreto, altrimenti andiamo a votare il più presto possibile

    RispondiElimina
  49. E ora vediamo che succederà...

    RispondiElimina
  50. Grazie a tutti per i commenti. E adesso, finita la festa, ognuno al suo posto, ché il lavoro comincia, e ce n'è da fare.

    RispondiElimina