Pagine

martedì 7 giugno 2011

Se non ci fossero loro






Sono al paesello. Ieri sera saggio di fine anno dei bimbi dell'asilo e delle elementari nel castello. Ripeto il titolo: "Se non ci fossero loro".







20 commenti:

  1. In ogni epoca vale "se non ci fossero loro". E più si invecchia, più ci si rende conto del beneficio e della necessità di sapere che giovani e bambini stanno crescendo, portando nuova energia e pulizia d'intenti. Importantissimi.

    RispondiElimina
  2. I bambini sono capaci di cose meravigliose, sinché gli adulti gli dicono che è impossibile farle.

    RispondiElimina
  3. purtroppo ce ne sono sempre meno ed il nostro futuro è molto incerto...

    RispondiElimina
  4. Ieri hanno fatto il saggio di fine anno nella scuola di mia figlia, una recita sulla Costituzione e sui suoi fondamenti. Bravi i bambini, e bravo chi ha insegnato loro questi valori, nonostante tutto. Alla faccia della scuola che non funziona.

    RispondiElimina
  5. è il bivacco della memoria, è difficile oggi lavorare con dei bambini, le tue immagini ci fanno vedere bambini con abiti di ieri, abiti semplici spesso riusati, un ieri che non serviva più a nessuno ed oggi ancora meno, mentre ieri avanzava quel nuovo, che oggi è già vecchio, oggi non si scorge nulla all'orrizonte, se non una maggiore povertà materiale e culturale. riamne l'energia di quelle giovani vite..
    Maistetu

    RispondiElimina
  6. I bambini sono il futuro. Ed hanno un'autenticità ed un'ingenuità che si perderanno per la strada crescendo.

    RispondiElimina
  7. Ecco altri buonissimi motivi per andare a votare il prossimo weekend... ;-)

    Buoni 4 SI a tutt!! :-)

    RispondiElimina
  8. Sono queste le immagini che ti riempono le giornate di energia!

    RispondiElimina
  9. Il 25 giugno sono andata a godermi lo spettacolo del saggio di Giulia, vederne tanti e felici di esserci mi porta a continuare a mostrare i denti in difesa del futuro, loro sono il futuro e come dice Chit...un altro buon motivo per andare domenica a mettere 4 SI.

    RispondiElimina
  10. Una atmosfera davvero splendida! complimenti ai bambini per essere riusciti a cantare canzoni in dialetto, che non è da poco, specialmente i piccoli; e complimenti ai maestri, hanno fatto un lavoro fantastico!!

    RispondiElimina
  11. che gran cuccioli che sono! :)

    RispondiElimina
  12. Rimpiango le recite di fine anno al paesello...l'atmosfera che si respirava era unica. Non sapevo di questa manifestazione altrimenti sarei venuta anch'io.
    Un plauso agli insegnanti e a chi con loro ha organizzato tutto questo. Per tornare al tuo titolo dico che purtroppo chi ci governa, e mi riferisco anche a livello locale, troppo spesso si dimentica di loro e questo è un vero peccato!!!
    Roberta

    RispondiElimina
  13. E' davvero per loro che dobbiamo non smettere di lottare...
    Davvero bellisme immagini
    Giulia

    RispondiElimina
  14. Foto e titolo dicono già tutto. Mi limito a salutarti e a dirti che i tuoi scatti sono davvero belli:-))

    RispondiElimina
  15. Dietro ai saggi di fine anno c'è tanto lavoro delle maestre non pagato,o pagato con un minimo incentivo, spesso ci dobbiamo comprare anche i materiali. Le casse delle scuole sono vuote, gli organici sono in costante riduzione,dobbiamo sostituire i colleghi assenti perché supplenti non ne mandano più. Siamo tornati ai tempi (1955)in cui il lavoro dell'insegnante era considerato una missione!!

    RispondiElimina
  16. già i bambini spesso ci riconciliano con il mondo, quando guardo mio nipote di 9 anni ogni tanto mi commuovo

    RispondiElimina
  17. belle foto, immagini di un bel ricordo e semi da coltivare per il futuro - ciao

    RispondiElimina
  18. Bellissimi! Foto e soggetti

    RispondiElimina