Pagine

giovedì 3 novembre 2011

Brunetta: «Italia a posto entro tre mesi»

Il Giornale, intervista a Brunetta

Era il 10 agosto e il Giornale dava ampio risalto all'intervista a Renato Brunetta, aspirante al Nobel nonché ministro di questa repubblica, un guru insomma, di quelli che prevedono il futuro delle nostre vite con sicurezze granitiche, senza tentennamenti di sorta.

Ecco, siamo arrivati alla resa dei conti. I tre mesi sono passati e l'Italia è stata messa a posto sì, nella maniera che sappiamo.

Si meriterebbe tante cose questo signore. Io comincerei a togliergli il posto che usurpa all'università come insegnante di economia, per il resto fate voi che avete più fantasia di me.


via


37 commenti:

  1. Sicuramente non abbiamo capito bene, o meglio abbiam mal interpretato un concetto. Non riesco a capire il motivo per il quale questo paese debba sempre trarre conclusioni errate....;-)

    RispondiElimina
  2. lasciamolo in piazza San Marco con l'acqua alta: la natura farà il suo dovere...

    RispondiElimina
  3. Della serie:
    "Spezzeremo le reni alla Grecia!"
    "Li fermeremo sul bagnasciuga!"
    "Vinceremo!" (e i romani commentavano: "sì, e perde Romolo...").

    RispondiElimina
  4. Forse "Italia" è il nome di sua zia che cercava lavoro in Comune...

    RispondiElimina
  5. Quel che più mi preoccupa è che 'sto tizio, e tanti altri al Governo, è convinto di quel che ha detto/dice/dirà.

    RispondiElimina
  6. ma no, ci ha preso invece: "a posto" voleva significare "alla rovina"...

    RispondiElimina
  7. Un altro che ,secondo me, avrebbe bisogno di uno psichiatra.Io me lo immagino sempre in preda ad una crisi di nervi dalla frustrazione di aver dovuto rinunciare al Nobel per amore dell'Italia (sic).
    Cristiana

    RispondiElimina
  8. diamolo in pasto ad un paguro !

    RispondiElimina
  9. ...uno dei tanti "oracoli" ammantato di imbecillità autoctona.

    Gli metterei una pala in mano a spalare terra, pagato nella misura di quanto produce, in due giorni sarebbe un "ei fu"

    In alternativa, ha ragione Trillina.

    RispondiElimina
  10. situazione tetra!

    RispondiElimina
  11. Come diceva il grande Faber:
    "Cosa vuol dire avere
    un metro e mezzo di statura,
    ve lo rivelan gli occhi
    e le battute della gente,
    o la curiosità
    di una ragazza irriverente
    che si avvicina solo
    per un suo dubbio impertinente:

    vuole scoprir se è vero
    quanto si dice intorno ai nani,
    che siano i più forniti
    della virtù meno apparente,
    fra tutte le virtù
    la più indecente.

    Passano gli anni, i mesi,
    e se li conti anche i minuti,
    è triste trovarsi adulti
    senza essere cresciuti;
    la maldicenza insiste,
    batte la lingua sul tamburo
    fino a dire che un nano
    è una carogna di sicuro
    perché ha il cuore troppo,
    troppo vicino al buco del culo
    ..."

    RispondiElimina
  12. Come se quello che dice Brunetta facesse una qualsiasi differenza.
    Come se Brunetta fosse l'unico Italiano che "usurpa" un diritto o un titolo.

    Andate a vedere cosa succede dentro tutti i Comuni d'Italia, nelle aziende municipalizzate e via via, Provincie, Regioni...

    Tanto per fare uno degli mille-mila esempi:
    "(Milano-Serravalle) È un'azienda che tradizionalmente garantisce, con grande puntualità e generosità, consulenze e poltrone agli amici del presidente provinciale di turno.

    Con l'acquisto di quel pacchetto la Provincia arrivò al 52% inchiodandosi per gli anni a venire al debito con Intesa.

    Ma d'altra parte assicurò un futuro sereno a tre o quattro generazioni di Gavio. Il ricco re dell'asfalto fece 175 milioni di plusvalenza."

    [...]

    "Il regista fu l'allora presidente della Provincia Filippo Penati, uno dei leader del centrosinistra da noi spedito pro-tempore a gestire l'ente pubblico."

    Come ho detto, moltiplicate per 10^3.

    RispondiElimina
  13. Ah, ho citato il caso Serravalle perché è casa mia, non perché c'è invischiato Penati. L'Italia è tutta cosi, destra, sinistra, sopra, sotto.

    RispondiElimina
  14. Purtroppo Lorenzo ha ragione...
    Brunetta e Berlusconi sono ancora lì anche perché la presunta opposizione non riesce ad esprimere di meglio...
    Ci sta provando Renzi, da quel che ho visto, sentito e letto in questi giorni, ma non è semplice sbaraccare le cattive abitudini consolidate...

    RispondiElimina
  15. P.S.
    Peraltro Gavio era (ma adesso ci sono gli eredi..) invece di "casa mia", e so quanto fosse d'accordo con una parte e con l'altra, per fare i porpri interessi.

    RispondiElimina
  16. Brunetta è incommentabile, in qualunque sua forma ed espressione. Fare dell'ironia o della psiconalisi spicciola è talmente semplice su di lui, altro che sparare sulla croce rossa.
    Per questo approvo la mozione di giardigno65: diamolo in pasto a un paguro (povero paguro, però...)

    RispondiElimina
  17. No dai ragazzi erano tre mesi più due che indica nella foto!
    A casaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

    RispondiElimina
  18. ahahahah Bravo @alberto bravo
    Io ormai con sto cavolo di S.N.Google su Plus cosi immediato,che arriva a tutti e subito, ti rilasciano commenti e te lo condividono che... non mi va più di scriverne in post :)

    RispondiElimina
  19. Sacripanzer3/11/11 15:26

    @trillina
    Occhio, che magari galleggia! Si sa, spesso e volentieri gli stronzi stanno a galla.

    In ogni caso, è chiaro che l'intento di questa gentaglia era davvero di metterci "a posto", nel senso di farcela pagare per averli sfiduciati. Ci stanno riuscendo perfettamente, non trovate?

    RispondiElimina
  20. come dice la littizzetto: gli puzzano le scarpe di sciampo.. sarà per questo che da 2 anni aspettiamo tutti che firmi la legge per il web accessibile? e sarà per questo che il censimento non è accessibile a noi ciechi?? eppure per legge stanca siti tipo la p.a. o governo.it dovrebbero esserlo.., invece niente.
    mah, che dire, risparmierei il paguro e sinceramente lo metterei 3 mesi bendato su un pc ad usare screen reader (ma non solo lui)

    RispondiElimina
  21. ah! dimenticavo: il pdf che spiega come fare pdf accessibili presente su governo.it non è accessibile!! spero che qualche studente cieco gli dia una bastonata

    RispondiElimina
  22. In pasto a un paguro...ahahah...MONDIALE!"!!

    RispondiElimina
  23. che insegna economia all'università non me lo dovevi dire: già ci capivo poco di questo mondo assurdo, adesso non ci capisco più un beato ca***

    RispondiElimina
  24. Domanda:
    Con che criteri un Presidente del Consiglio sceglie i Ministri per formare il governo?

    Se Napolitano domani mi telefonasse e dicesse "si presenti in Quirinale che le affido l'incarico di formare il prossimo Governo" io cercherei di assumere il migliore economista del mondo, il migliore ingegnere, il migliore comandante della Polizia, eccetera.
    E per fare piani e progetti mi affiderei alle menti migliori in circolazione, pagando se è il caso.
    Oppure bandirei concorsi di idee nelle università.

    Perché invece i ministri, che, lo ribadisco, devono "gestire" l'azienda Stato e non sono eletti, alla fine o sono politici di professione oppure "amici" di politici di professione?

    RispondiElimina
  25. Mi sono divertita a leggere i commenti. Li voto tutti in massa (oltre che condividerli).

    RispondiElimina
  26. questo poveraccio ormai non merita neanche scherno, è un morto di fama, come quelli del grande fratello, appena se lo dimenticano,povero piccolo, tenta di tornare in auge con qualche sparata, ormai non fanno neanche più ridere.

    RispondiElimina
  27. il nano di corte destinato alla decapitazione... sempre che gli trovino il collo.

    RispondiElimina
  28. A me questi 20 cm di ministro fanno star male fisicamente. Ogni volta che li vedo o ne sento parlare.

    g

    RispondiElimina
  29. Maistretu4/11/11 08:21

    cosa dire di quel che non si è già detto e visto..
    purtroppo la politica è il vero cancro di questo "povero paese" per dilla alla De Gaulle, incarichi, prebende, vitalizi, indennità,cartolarizzazioni, favori che costano una semplice delibera, perche non andate a vedervi cosa è successo e succede nel nostro Ponente Ligure, porti su porti che hanno cambiato per sempre l'oreografia della nostra costa, fai due foto di Ospedaletti dove tutto è fermo! o di Loano, e chi si nasconde dietro a questo scempio? Scajola, Caltagirone, la Giunta Regionale Ligure che non ha mosso un dito. E Brunetta? ma voi pensate che una merda del genere non sia già stata gagata? Vitò, il Comandante Vitò, mi diceva che nel 1945 troppi furono risparmiati, troppi forse..
    Maistretu

    RispondiElimina
  30. ARCHITALO4/11/11 10:03

    Come sarebbe "aspirante al Nobel": se l'è già dato da solo, sono solamente gli altri, brutti e invidiosi, che non lo "cagano" (scusate l'espressione, ma questo è il linguaggio che lui preferisce, a quanto pare) nemmeno.
    E noi paghiamo!

    RispondiElimina
  31. Ve la prendete sempre con i più piccoli

    RispondiElimina
  32. In miniera con i sette nani (e niente Biancaneve a casa)

    RispondiElimina
  33. Se mettessimo una tassa sulle fesserie che dicono..

    RispondiElimina
  34. ho provato a lasciare un commento sul suo blog, ma non ve n'è traccia.

    RispondiElimina
  35. Oltretutto ha anche la faccia tosta di non ammettere la sua sparata alla co..... Il problema è che, visto le ultime vicissitudini, io scommetto che si andrà a toccare sempre le tasche dei dipendenti e dei pensionati. Quando si parla di ritoccare gli emolumenti dei vari parlamentari, senatori, ministri e presidente del consiglio (la p minuscola è voluta) o delle grandi imprese, dicono sempre che sarebbe ininfluente. Ma se diminuissero i loro stipendi di 1.000 euro per ognuno dei suddetti politici ed una tassa speciale sui dividendi e bonus, farebbe, oltre ad un esempio, anche una certa cifra. Ciao Alberto e cerchiamo di resistere.

    RispondiElimina
  36. brunetta è
    "imbarazzante" ...

    non so se mi spiego... !

    RispondiElimina