Pagine

martedì 8 novembre 2011

Gli appunti di Berlusconi fotografati oggi alla Camera



Scrive appunti Berlusconi, oggi in aula alla Camera. Un biglietto che i fotografi sono riusciti a riprendere (foto sopra), e che poi io ho ottimizzato nei livelli di luminosità e nella prospettiva (foto sotto). Schematico ma eloquente. Inizia con "308 (8 traditori)". Al secondo rigo "ribaltone". Al terzo "voto" . Al quarto "prenda atto, rassegni le dimissioni". Al quinto "Pres. Repubblica". Ultimo rigo: "una soluzione".



42 commenti:

  1. ora andrà in carcere consegnandosi ai secondini

    RispondiElimina
  2. bersani è riuscito a dirgli:
    " sia responsabile !!!!!!!!!!!"

    un gruppo con scilipoti!?

    RispondiElimina
  3. ne stavo giusto parlando su un altro blog: queste puerili parole "ribaltone" e "traditori" scritte con brutta e infantilesca calligrafia non sono che l'ennesima bella e intelligente figura che ci fa fare davanti al mondo... speriamo anche l'ultima...

    RispondiElimina
  4. "prenda atto - rassegni le dimissioni"

    Credo intendesse sottolineare quello che gli viene detto dalla opposizione e da qualche alleato in contrasto con la sua volontà di "trovare soluzioni".

    RispondiElimina
  5. Niente di che comunque. Potevamo vivere tranqulli anche senza conoscere il Segreto di Fatima degli appunti di Berlusconi.

    RispondiElimina
  6. @Lorenzo
    Ci sono i documenti storici e i biglietti che partoriscono questi tempi che di storia avranno poco da raccontare.

    RispondiElimina
  7. Sarà che sto vivendo un periodo di "pessimismo cosmico", ma francamente non vedo grandi possibilità di miglioramento. Gli unici che davvero avevano abolito la "casta" furono i giacobini, ma anche loro resistettero ben poco alle aberrazioni della politica e finirono o con l'estremizzare il tutto (sfociando nel non certo auspicabile periodo del terrore) o diventando loro stessi "tutti uguali, ma noi siamo più uguali degli altri".

    RispondiElimina
  8. Questa atmosfera da grandi eventi non la capisco.
    Torno a dire che non abbiamo bisogno di una rivoluzione e nemmeno siamo in condizione di farla.
    Abbiamo bisogno di competenza e rettitudine.
    Il problema è che non ne abbiamo bisogno solo al Governo o nel Parlamento ma ovunque, come dimostrano i disastri che cadenzano le cronache.
    L'Italia vera non è Berlusconi ma sono gli assessori dei piccoli comuni. Vorrei vedere i loro di appunti piuttosto.

    RispondiElimina
  9. Ultimo rigo: "una soluzione".
    Togliersi dalle p...e. Ma tanto da quest'orecchio non ci sente.
    Un saluto

    RispondiElimina
  10. Bel lavoro Alberto. :)

    RispondiElimina
  11. che abbia preso atto di qualcosa, è già qualcosa...

    RispondiElimina
  12. mi sembra che abbia scritto volutamente molto in grande, per essere letto.
    E' un appello scritto col "linguaggio degli uccelli" e il contenuto è abbastanza intuitivo.

    RispondiElimina
  13. (Alberto, rubo foto e/o tuo link e posto sul blog poteri occulti. Vorrei sapere la loro opinione)

    RispondiElimina
  14. santograal9/11/11 06:35

    Quella parola "UNA SOLUZIONE" fa pensare...

    RispondiElimina
  15. Sembra finita ma finché non sarà andato via definitivamente non ci crediamo, non crediamo alle sue promessa da marinaio, tenterà di resistere oltre l'impossibile, vi ricordate Peter Sellers nella scena iniziale di Hollywood Party quando interpreta il trombettiere che nonostante sia ripetutamente colpito continua a suonare? Chi non lo ricordasse può guardare QUI

    RispondiElimina
  16. Continua a parlare di se stesso in terza persona: "Prenda atto... Rassegni le dimissioni...".
    Condivido inoltre la riflessione di Lorenzo sulla necessità di competenz ovunque. Troppe voplte si sentono sindaci o assessori di piccoli comuni fare questi ragionamenti: Se un torrente esonda (perché nel suo bacino sono aumentate a dismisura le aree cementificate e impermeabilizzate, e pertanto si è drasticamente ridotto il tempo di corrivazione) la colpa è, naturalmente, dei “verdi” che “non hanno lasciato togliere la ghiaia dall’alveo”. Se lo stesso torrente va in secca (perché l’acqua è stata derivata o pompata ad uso industriale o agricolo) ecco che la colpa è ugualmente dei “verdi” e della ghiaia che non è stata tolta: “Se si scava la ghiaia, l’acqua c’è!” (e certo: è acqua di subalveo, collegata alla falda sotterranea; ci mancherebbe che non ci fosse più nemmeno quella!). Insomma, si piange, si protesta e si minaccia per favorire, sostanzialmente, i cavatori, i quali a loro volta estraggono la ghiaia a beneficio di quanti vogliono costruire, costruire, costruire… Così il rimedio invocato finisce per coincidere con la causa del male.
    E così via...

    RispondiElimina
  17. A me preoccupa l'ultima riga. Cioè, una soluzione vuol dire che proverà a sfangarsela pure stavolta.
    P.S. ha scritto "prendA atto" "rassegnI le dimissioni", come se parlasse di sé in terza persona. Il che, psicologicamente, mette paura.
    O, forse, citava solo quel che gli han detto.

    RispondiElimina
  18. Dimissioni? Ma chi ci crede???

    RispondiElimina
  19. premesso che non sto difendendo, ma anche io se mi avessero votato contro avrei pensato "traditori di merda" secondo me non c'è niente di male.
    diciamo che se ne va lasciando l'italia in una situazione catastrofica.
    chi verrà dopo si piaglia una bella grana:)

    RispondiElimina
  20. Intanto mi godo "la tranvata" che ha preso, come evento meritava il brindisi di ieri sera.
    Mi sto rileggendo il comunicato del Colle...si legge benissimo "fuori dalle scatole, il tuo tempo è finito".

    RispondiElimina
  21. Gli aggiungerei volentieri qualcosa io a quel foglietto: "FUORI DALLE BALLE PEZZO DI MERDA!".

    RispondiElimina
  22. Concordo con Lorenzo e santograal. Non c'è affatto di che sentirsi sollevati per queste dimissioni.

    RispondiElimina
  23. Lo ha scritto volutamente in grande per renderlo pubblico... è sempre stato un megalomane quindi non mi stupisce la laua "pornografia intellettuale"

    RispondiElimina
  24. Quanta importanza si è data a quest'uomo in tutti questi anni. Speriamo che adesso sia finta.

    RispondiElimina
  25. Ma non la vuole proprio capire o fa il finto tonto? Quello che mi sorprende è che in una emissione radio francese hanno detto che la sinistra si è astenuta perché non sono pronti per affrontare le elezioni, ma allora, perché non si raggruppano in uno o due partiti. Forse anche loro pensano alla sedia.
    Io sono di sinistra, ma mi chiedo perché in tutti questi anni non si sia riusciti a creare un valido antagonista che possa presentarsi oggi come alternativa.
    E' una desolazione generale ed intanto l'Italia va remengo. Ci resta solo la rivoluzione. Non credo alla promessa di ritiro dalla politica del Cavaliere perché sa benissimo che sarebbe subito convocato a Milano. Inoltre la subordina all'approvazione della legge anticrisi che come al solito colpisce i più deboli. Ma sono tutti uguali. In Francia hanno bloccato i futuri aumenti dei ministri, dei deputati e dei senatori (ogni anno il 2% alla faccia della crescita molto più bassa), ma non hanno detto: ci riduciamo lo stipendo (attorno ai 7.000 euro, ma senza contare gli emolumenti extra ed i doppi incarichi). Un deputato europeo francese arriva a 14.000 euro mensili con tutte le agevolazioni aggiunte allo stipendio. Se si diminuissero di 1.000 euro si arriverebbe ad un risparmio globale di 1,2 milioni di euro. Non è molto, ma sarebbe un segno forte di appoggio alla popolazione.
    Scusa il lungo soliloquio e buona continuazione di giornata

    RispondiElimina
  26. Ho paura a pensare quale sia la soluzione.

    RispondiElimina
  27. Concordo con i pensieri di Lorenzo e di c.e.g.

    RispondiElimina
  28. dobbiamo aggiungerla al post sul corsivo...

    RispondiElimina
  29. gian paolo9/11/11 17:50

    Concordo sia con Viviana, sia con Lorenzo, ma intanto cominciamo a liberarci del capo, suprema espressione di una politica deleteria.

    RispondiElimina
  30. dopo gli appunti, aspettiamo che vengano gli appuntati. a prenderlo...

    RispondiElimina
  31. @Ernest
    Eheheh, sarebbe da fare una pagina apposita con tanto di analisi grafologica. Se ne scoprirebbero delle belle sul suo carattere.

    @Gianpaolo
    Siete tornati da Berlino o scrivi da lassù?

    RispondiElimina
  32. Che momento buio ... che tristezza. desolazione, come ha detto qualcuno anche qui...
    ciao, Al :-(
    g

    RispondiElimina
  33. Non ha finito di scrivere l'ultima riga: manca "al 7%".

    Ma forse è già strafatto...

    RispondiElimina
  34. Che uomo diligente e preciso...

    RispondiElimina
  35. @ the muffin woman pat (peraltro mia concittadina)

    Scilipoti e gli altri eletti contro di lui, poi passati dalla sua parte, sono "responsabili"; gli otto che si sono rifiutati di seguirlo nel fosso sono traditori...
    Comprensibile, certo, e giustificabile per un bambino, meno per un uomo della sua età e posizione... se non per un discepolo di Machiavelli (è buono ciò che è utile ai propri interessi, è cattivo quanto è contrario ai propri interessi), pensatore che fu già moralmente superato, nello stersso Cinquecento, da Michel de Montaigne (si legga per esempio, nei Saggi, il capitolo I del libro III)...

    RispondiElimina