Pagine

martedì 11 settembre 2012

Fine ingloriosa dei lucchetti dell'amore

Rimossi i lucchetti dell'amore da ponte Milvio
Roma, ponte Milvio - Rimozione dei lucchetti dell'amore, ieri

Quando due si amano pazzamente ne combinano di tutti i colori. Altrimenti che pazzia sarebbe. Poi quando la fiamma si spegne o si affievolisce e si guarda indietro ognuno ha la sua reazione. Può essere di allegra autoironia o di sofferta autocommiserazione.

Fra le cose meno pazze, direi quasi normale, c'era (c'è ancora?) il vezzo di incidere sul tronco di un albero cuori bersagliati dalla freccia di Cupido, con tanto di nomi e data.

Poi venne quella volpe di Federico Moccia, in combutta con tutti i ferramenta d'Italia, e niente fu più come prima. Ma le vicende umane hanno per loro natura una fine. E così ieri da ponte Milvio a Roma sono stati rimossi tutti i lucchetti che nel corso di questi anni gli innamorati pazzi (lo saranno ancora?) vi avevano incatenato con la speranza di incatenare le loro vite. In discarica? Da un rottamaio? Non si sa.

Facile che adesso esca un nuovo Moccia con una nuova furbata.

Lo so che ci sarebbero cose ben più serie e importanti di cui parlare. Lo so.

Rimossi i lucchetti dell'amore da ponte Milvio

18 commenti:

  1. i cosiddetti lucchetti dell'amore mi hanno fatto sempre un po' incazzare... ma è possibile che nessuno ha mai fatto nulla per impedire uno scempio del genere? e non perché voglio difendere un monumento dalle contaminazioni, proprio per il significato diseducativo che questa cosa ha avuto, trattandosi per lo più di ragazzini

    RispondiElimina
  2. A me 'sti lucchetti dell'amore fan tenerezza e non li avrei tolti.
    Mi sembrano un segno di speranza e una sorta di offerta propiziatoria agli Dèi dell'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono tanti, troppi: non so se li hai mai visti dal vero, è uno spettacolo che fa solo molta tristezza, e non tenerezza.
      fossero pochi, potrei anche capire, ma qui siamo di fronte a una situazione che comunica solo una sorta di protagonismo da due soldi ("anche noi abbiamo messo il lucchetto..." "è come fossimo entrati nel romanzo (?) di moccia...")

      Elimina
    2. Non ho mai letto, di proposito, Moccia e mai lo leggerò.
      A me questi ragazzi fanno davvero tanta tenerezza, mi ricordano come ero ingenua (e stupida) io alla loro età, convinta di essere originale, diversa e speciale, senza che mi passasse manco nell'anticamera del cervello che fossero pie illusioni, dovute alla mia immaturità.

      Elimina
  3. La proposta che ho letto su Facebook di fonderli sulla porta di Moccia la trovo estremamente valida ;-)

    RispondiElimina
  4. mah... io ho sentito dire che sono stati spostati in un museo per una esposizione temporanea.... dopo non so che fine faranno.

    RispondiElimina
  5. caspita dal popolo italiano per queste cose ci si può aspettare anche cortei e mobilitazioni... per il resto chiaramente no.

    RispondiElimina
  6. non so se mi stia più sulla minchia Moccia o chi lo legge.

    RispondiElimina
  7. io avrei fatto pagare la rimozione e la pulizia del sito a Moccia.

    RispondiElimina
  8. lucchetti e IPad foto e gridolini.. siamo un paese infestante come la gramigna..
    Moccia il nouvelle Proust de noartri..

    RispondiElimina
  9. i miei nervi sentitamente ringraziano

    RispondiElimina
  10. andrebbe denunciato per devastazione del patrimonio artistico quel moccia

    RispondiElimina
  11. Cina, Giappone, Serbia...Tutti paesi dove il lucchetto usato come "legame amoroso" esisteva già prima dell'era Moccia.
    Auguriamoci che la prossima "uscita" sia più originale e meno...invasiva. :-)

    RispondiElimina
  12. Ci sono anche quelli ancora più storici che si trovano su al Parco Mellini, dove c'è una delle viste più belle di Roma!

    RispondiElimina
  13. Mi sfugge una cosa.
    Se uno è pazzo non dovrebbe uniformare il suo comportamento a quello di tutti gli altri. Essere convenzionali è l'esatto contrario della pazzia. Quindi andare ad attaccare il centomillesimo lucchetto insieme a tutti gli altri non è affatto sintomo di pazzia, è sintomo di conformismo.
    Il conformismo è tipico degli adolescenti che necessitano di approvazione. Si vestono tutti uguali e fanno le stesse cose.
    Io da adolescente non ero pazzo, ero solo pirla.

    RispondiElimina
  14. Eppure, è un argomento serio, serissimo.

    Ciao Alberto e buona giornata. Quel semplice lucchetto è il simbolo di un diffuso conformismo che si esprime in molteplici forme, molte delle quali discutibili. Sempre per mantenermi a questo fenomeno, se tutti volessero sugellare il loro "amore" eterno con un cuore inciso sul tronco di un albero, tempo qualche anno e avremmo intere foreste decimate. Quell'incisione, infatti, può diventare il veicolo per trasmettere parassiti o infezioni all'albero, anche letali. Quei lucchetti, potevano essere "simpatici" quando erano poche decine. A centinaia su un ponte storico, era veramente un brutto spettacolo. Al pari di quelle scritte, sempre dedicate al grande amore, che deturpano i muri delle città, monumenti compresi.

    Inotre, come dice Ernest... per queste cose siamo dei maestri, sempre pronti ad emulare ed a mobilitarci. Per quelle serie....

    Spero, almento, che il costo della "rimozione" sia ammortizzato dalla vendita per riciclare gli stessi.

    RispondiElimina
  15. Speriamo che riciclino tutta quei lucchetti ;-)
    L'amore quello no, non si può riciclare :-)

    RispondiElimina
  16. Speriamo non abbiano fatto la stessa fine i sentimenti che li avevano incatenati sul ponte romano - simpatica iniziativa naufragata sotto il peso metallico, dell'eternità a cui anelava...ciao ciao

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.