Pagine

mercoledì 12 settembre 2012

Le slot machine e il governo #2

Slot machine

Io, che nella mia voluta ingenuità avevo giocato al rialzo auspicando nell'altro post l'abolizione di tutta la pubblicità dei giochi d'azzardo, vedo adesso che il ministro della Salute Balduzzi è stato costretto a giocare al ribasso, basso basso.

Da quel decreto che tentava timidamente di mettere un leggero argine alle bische legalizzate e presentato ieri per la firma a Napolitano è sparito tutto, proprio tutto. Scompare il limite dei 200 metri di distanza da scuole, centri di aggregazioni giovani e anziani per la sale dove si gioca. Scompare il divieto di fare pubblicità in tv nella fascia protetta. Rovinatevi pure gente.

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Catricalà avrebbe detto a chiare lettere «Ho sentito il Pdl, non spingiamoci troppo oltre altrimenti l'appoggio in Parlamento salta».

Avevo ipotizzato la giacchetta del ministro tirata da più parti. È bastata solo una tiratina del Pdl, così la mafia la camorra la 'ndrangheta non si sono nemmeno scomodate, solo qualche telefonatina ai loro parlamentari di riferimento.

Il ministro Balduzzi avesse un briciolo di dignità consegnerebbe a Monti senza indugio una bella lettera di dimissioni. Ma questi di adesso mi sembrano come quelli di prima.

13 commenti:

  1. E' coi voti di quelli di prima che stanno dove stanno, quindi padrone comanda, cavallo trotta.

    RispondiElimina
  2. Sono ovviamente stradaccordo con le tue osservazioni e argomentazioni di fondo (su chi davvero comanda in italiA ecc.), però lasciami dire che quella dei 200 metri era un'emerita stronzata, addirittura controproducente, una tipica trovata da governanti italioti: se la sala dell'azzardo è vicina alla scuola o all'oratorio è più facile che il ragazzino, sentendosi osservato e controllato, non vi metta piede, mentre se si trova in oscuri e sperduti vicoli di periferia è più facile andarci...

    RispondiElimina

  3. Poichè la composizione del Parlamento non è mutata, Monti viene mantenuto in vita dall'ex maggioranza al fine di svolgere il lavoro sporco in loro vece, purchè non vengano toccati i loro interessi e di quelli che li sostengono, vedi per l'appunto camorra, mafia e 'ndrangheta.

    RispondiElimina
  4. Intanto Moratti ha dichiarato durante l'incontro con gli sponsor di essere soddisfatto e fiero di avere mantenuto la "diversità" dell'Inter rispetto ad altre Società tra le altre cose anche non affiancandosi ad alcuna azienda di scommesse.
    Viva l'Inter.

    RispondiElimina
  5. dove corre il confine tra criminalità e legalità? troppi soldi, troppa gente che non fa un cazzo e che dispone sempre di contante in abbondanza. non ne usciamo più..qui in campagna si sta meglio.

    RispondiElimina
  6. Non capirò mai perchè scaldarsi tanto per i deficienti che si sputtanano la pensione o il salario alle macchinette o con le scommesse e roba del genere, salvo poi frignare perchè "non ce la faccio a pagare il mutuo", "non ho i soldi per comprare il latte al pupo". Fosse per me autorizzerei casinò, sale giochi e macchinette ad ogni angolo di strada, salvo gravarle di tasse abbastanza elevate da versare DIRETTAMENTE ai comuni per la scuola, l'assistenza, la lotta al degrado urbano... Quando si smetterà di voler proibire (le droghe, la prostituzione, tutto) e si penserà finalmente a sfruttare i vizi dei tanti poveri babbei per migliorare la vita dei pochi cittadini intelligenti?

    Il Mite

    RispondiElimina
  7. è sparito tutto TUTTO TUTTO TUTTO,ovvero?
    Questi qua ,alle volte mi fanno pensare che li ha messi su Berlusconi non Napolitano caro @Alberto
    Che dici? Che pensi? Hai anche tu questo sospetto?

    RispondiElimina
  8. Questi di adesso sono come quelli di prima, ma hanno un vantaggio, sono tecnici e guai solo a contestarli...

    RispondiElimina
  9. È il peggio deve ancora arrivare, dal 3 dicembre le slot machine saranno legali, approvate dai monopoli autonomi. Altro che 200 metri...il nemico adesso è in casa!

    RispondiElimina
  10. I politici sono lo specchio della società. Inutile sperare che un politico cambi le cose se la base della popolazione è formata da gente che adora buttare i suoi soldi in queste macchinette (salvo poi piangere miseria quando perde tutto) e da gente che su questo business ci campa alla grande (in maniera legale o, spesso, meno legale). D'altronde nessuno ci obbliga a giocare, sta a noi non farlo e ad educare i nostri figli a tenersi a debita distanza.

    RispondiElimina
  11. Sono d'accordo con te. Avrebbero dovuto fare con le slot machines, come con i lucchetti dell'amore. Ciao.

    RispondiElimina
  12. ...forti coi deboli e deboli coi forti...

    RispondiElimina
  13. You ought to take part in a contest for one of the best sites on the
    internet. I'm going to highly recommend this site!
    My homepage ... online gaming

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.