Pagine

sabato 2 marzo 2013

Guardare in alto


Milano, stazione Centrale

Quando si cammina (intendo il camminare in città) si guarda avanti come è naturale che sia; ogni tanto magari si gira lo sguardo di lato, ma non proprio a novanta gradi. Alcuni poi, con la testa invasa da un groviglio di pensieri, procedono fissando il terreno appena un po' più in là della punta dei piedi. Pochi alzano la testa a osservare l'alto dei palazzi e in genere della realtà che li sovrasta. Ecco io ho fatto questo e poi clic.

foto del sabato

18 commenti:

  1. Se è la Stazione Centrale, è stata disegnata apposta in stile "imperiale" per farti alzare gli occhi e dire "ooohh". Con tutto che sono passati un bel po' di anni da quando è stata progettata.

    RispondiElimina
  2. Io, quando peregrinavo nelle mie passeggiate del weekend, a Milano, tenevo sempre lo sguardo alto per vedere certe meraviglie...

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, ho fatto la stessa riflessione qualche mese fa camminando per Corso Umberto a Napoli.....L'avrò percorso centinaia di volte, ma guardando sempre avanti ( con la testa intrisa di mille pensieri e di gran carriera soprattutto ai tempi dell'università) o al limite dando uno sguardo alle vetrine, poi non so perchè mi è venuto di alzare lo sguardo ed ho realizzato quando fossero belle le facciate dei palazzi ed i lampioni in stile liberty!

    RispondiElimina
  4. oggi però camminano tutti a testa bassa hanno da controllare il palmare.. quanti treni vi ho portato sotto quelle volte di ferro e acciaio..

    RispondiElimina
  5. Mi dicono che ci sia anche una Stazione Centrale sotterranea, una specie di "mondo di sotto" dove abitano i mutanti, come nei racconti di fantascienza.

    RispondiElimina
  6. Nel tuo paesello, non dico mio perchè sono un'ospite, bisogna fare molta attenzione a camminare a testa alta perchè si è certi di pestare qualcosa di morbido e puzzolente, ma a pensarci bene le volte che sono venuto a Milano ho usato le stesse precauzioni. Ciao Alberto.

    RispondiElimina
  7. Io e te @Alberto ,abbiamo gia' parlato tempo fa di questo argomento e,di quell'orologio :-)

    RispondiElimina
  8. tanti anni fa il personale viaggiante e noi macchinisti inscenammo una protesta per le condizioni disastrose condizioni igieniche, nei due piano sottostanti i binari vivevano decine e decine di clochard e tossici,don Mazzi creò la comunità Exodus, potete immaginare il lezzo e le porcherie, poi le risse..un bel casino proprio dive era situata la nostra mensa. da via Sammartini puoi accedervi e trovi una stazione mignon, un carco e scarico dove i vagoni venivano scesi e saliti al piano superiore potevi anche accedervi lato canale Martesana ora i binari li hanno tolti, ma da li issarono i vagoni bestiame carichi di Ebrei e Resistenti destinati ai campi di sterminio, dal binario 22/23..

    RispondiElimina
  9. aanche la galleria va percorsa con gli occhi in alto.

    RispondiElimina
  10. La foto è molto bella, ma ad osservarla si ha come la sensazione di accusare il peso non solo del tempo che passa, ma soprattutto della sensazione di schiacciamento che la visione di quell'oscena struttura che è la stazione centrale di Milano provoca in noi. Ciao Alberto da Giovanna e Stefano.

    RispondiElimina
  11. Vivo in un posto dove ho la fortuna di poter guardare, ancora, un cielo pulito, attraverso i rami di secolari querce, simili a immense colonne di ancora più grandi cattedrali. Uno spettacolo a mia disposizione di cui, ripeto, mi sento fortunato.

    Ciao Alberto e buona serata. Complimenti per la foto! Uno "scatto" notevole.

    RispondiElimina
  12. Guardo dove metto i piedi, ho la tendenza a inciampare, con conseguenti lussature alle caviglie.

    RispondiElimina
  13. per te è più facile "guardare" su e giù, a destra e a manca, tu cerchi il clik, tu guardi con lo sguardo dell'obiettivo è la classica deformazione o meglio, l'aver maturato lo sguardo "oltre", di chi si è abituato a vedere diversamente, a cercare il bello e il diverso ovunque - io credo sia un vantaggio ma sono di parte! - ciao

    RispondiElimina
  14. Bella foto, ma hai intenzione di imitarmi (lol)? Molto tempo fa ho fatto dei post su Venezia dove affermavo che bisogna guardare anche in alto quando la si visita e pubblicando delle foto con presa dal basso verso l'alto. Continua così che Milano mi piace vista in questo modo (ed anche in altri). Buona serata.

    RispondiElimina
  15. Veri dovremmo farlo a volte sopra al nostro naso ci sono tesori. ..

    RispondiElimina
  16. io invece guardo spesso in alto e fotografando qualche volta ho scoperto cose che non avrei mai immaginato esistessero

    RispondiElimina
  17. Anche a me piace guardare in alto, laddove non temo di inciampare :)
    Bella questa foto sia per la prospettiva che la percezione di un tempo che scorre come le nuvole

    RispondiElimina