Pagine

venerdì 25 luglio 2008

Pomodoro nero, ma quale novità?

pomodoro nero

Da parecchi giorni gira sulla Rete una notizia che viene spacciata come una novità assoluta. L'hanno ripresa siti di giornali cartacei e anche blog molto letti, ieri sera nel telegiornale delle otto l'ha sparata anche il Tg5. Il fatto sarebbe che il professor Pierdomenico Perata della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa avrebbe ottenuto dopo varie ibridazioni un pomodoro nero. Il primo pomodoro nero della storia.

Si dà il caso che l'hanno scorso l'amica Seve, che era andata all'annuale manifestazione alle serre reali di Racconigi dove si possono trovare piante insolite, mi aveva portato quattro piantine di pomodori neri. Li piantò Paolo nel mio orto e vennero fuori appunto pomodori neri come quelli che vedete nella foto in alto. Molto gustosi avevano però un difetto, appena raccolti si mantenevano sodi soltanto per uno o due giorni, poi rammollivano. Quindi quest'anno non li abbiamo più piantati. Mannaggia non li ho fotografati. Alcune persone parecchio anziane che li videro mi dissero che una volta erano diffusi poi se n'era persa, come si dice, la semenza. Infatti qui leggo
Dalla foto sembrerebbero derivati dai pomodori neri, delle vecchie varietà che erano scomparse dal mercato da 40 anni. Si trovano ancorra i semi dei pomodori neri dai seed savers e di una qualità da Ingegnoli.

E qui
Si tratta di un pomodoro originario della Crimea, da qualche anno si riescono a trovare selezioni anche in Italia. La ditta Ingegnoli di Milano ne commercializza i semi. Il suo colore scuro conferma una buona quantità di antiossidanti presenti; il più importante è il licopene , che sembrerebbe avere una prevenzione attiva contro diversi tipi di tumori, in particolare contro quelli della prostata dell'uomo (già accertato) e quello del seno per la donna

Sarebbe interessante sapere dal professor Perata chi ha spacciato questo ibrido come un risultato strabiliante, titola Il Tirreno "Il pomodoro nero, elisir di giovinezza", e se questa varietà ha sostanze che le altre non hanno. Così per dare il giusto peso alle cose e anche alla scienza che per essere tale non ha bisogno di sensazionalismi.

Aggiornamento 25 luglio ore 13:06
Mi scrive il professor Pierdomenico Perata che ringrazio
Gent.mo Sig. Cane,
la ringrazio per la sua email.
Le rispono sinteticamente: esistono diverse varieta' di pomodoro aventi una colorazione molto scura, vicino al nero. E' il caso del Kumato, varieta' prodotta dalla multinazionale Syngenta (www.kumato.eu), che presenta una colorazione marrone scura, presente sia nella buccia che nella polpa. Ed esiste il Nero di Crimea, anch'esso con una colorazione scura. Queste varieta' devono presumibilmente la propria colorazione scura alla contemporanea presenza del licopene (il carotenoide che conferisce la colorazione rossa) e della clorofilla (di colore verde, che sommandosi al rosso conferisce la colorazione marrone scura). La pubblicazione scientifica che supporta questa mia affermazione e' la seguente: http://jhered.oxfordjournals.org/cgi/content/full/94/6/449. Queste varieta' sono completamente differenti dalla varieta' Sun Black selezionata nell'ambito del progetto Tom-Anto (finanziato dal Ministero dell'Universita' e della Ricerca e non da una societa' privata, come affermato in alcuni siti web). La varieta' SunBlack presenta una colorazione viola-nera totalmente differente da quella del Kumato e del Nero di Crimea. La pigmentazione e' limitata alla buccia, mentre la polpa mantiene la sua normale colorazione rossa (mentre il Kumato presenta la pigmentazione scura anche nella polpa). La pigmentazione viola-nera del Sun Black e' dovuta all'accumulo di antociani nella buccia. Gli antociani, normalmente assenti nel frutto di pomodoro, sono molecole antiossidanti presenti in molti frutti (uva nera, mirtilli, fragole etc). Il Sun Black, quindi, contiene sia il licopene (di colore rosso e con proprieta' antiossidanti) che gli antociani (di colore viola e anch'essi con proprieta' antiossidanti).
Il Sun Black e' quindi una novità nel panorama vegetale. E' il risultato di due anni di ricerche da parte di quattro laboratori (Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Universita' della Tuscia, Università di Modena e Universita' di Pisa), da me coordinati. Il Sun Black, ci tengo a ribadirlo, non e' un OGM ma il risultato di un incrocio (la tecnica con la quale sono ottenute tutte le varieta' vegetali non-OGM, tramite l'impollinazione dei fiori) effettuato dal Professor Soressi dell'Università della Tuscia, uno dei piu' qualificati genetisti del pomodoro al mondo. Il Sun Black viene attualmente studiato dagli altri laboratori del progetto Tom-Anto per definirne nel dettaglio le proprieta' nutritive.
Quindi, per riassumere: la risposta alla domanda "se questa varietà ha sostanze che le altre non hanno" e' si. Le sostanze sono gli antociani, normalmente totalmente assenti nel frutto di pomodoro (Lycopersicon esculentum). Il Sun Black NON e' un OGM e non ha niente a che fare con il Kumato.
Spero che questa mia risposta possa risolvere i suoi legittimi dubbi e quelli dei lettori del suo Blog,
Cordiali saluti,
Pierdomenico Perata


Aggiunta 9 luglio 2009
Parecchi amici mi hanno detto che quest'anno pianteranno dei pomodori neri di Crimea.

pomodoro nero
Pomodoro nero Kumato® foto da qui

23 commenti:

  1. Interessante come gli italiani debbano sempre scrivere in toni sensazionalistici su tutto pure sui pomodori, ho trovato da qualche parte che i Kumato hanno poteri afrodisiaci (solo su siti italiani ovviamente)
    Non so quanto questi pomodori italiani abbiano a che vedere con i Kumato che è un ibrido brevettato e si trovano sul mercato Spagnolo giá da qualche anno (a prezzi proibitivi fino a quast'anno)
    ah .. la foto dei Kumato è mia .. giusto prima di essere tagliati per un'insalata :D

    Mila

    RispondiElimina
  2. Scusami, non l'avevo linkata perché ti avevo già linkato prima. Adesso provvedo. Ciao.

    RispondiElimina
  3. A me invece infastidisce che non sottolineino con tre righe il fatto che si tratti di OGM.
    Sanno bene che in Italia gli Ogm sono visti male e, quando si può, ci si rivolge al biologico. Quindi esaltano le proprietà del pomodoro nero, senza dire da dove provenga: questo è il primo articolo in cui l'ho capito, e in cui era segnalato che Kumato è un marchio registrato.

    RispondiElimina
  4. Barbara non sono OGM. Se lo fossero stati lo avrei ben scritto. Io infatti ho parlato di ibridi

    RispondiElimina
  5. Non ne conoscevo l'esistenza.
    Grazie e a ritrovarci, ciao

    RispondiElimina
  6. Non ne conoscevo l'esistenza. Ma soprattutto buono è il chiarimento che sei riuscito ad ottenere.

    RispondiElimina
  7. grazie Al per i chiarimenti sulla notizia.
    non ero troppo convinta sul "non OGM" appreso in Tv. Sì, gli antociani nella buccia, gli incroci ... ma il dubbio rimaneva!

    RispondiElimina
  8. Torquemada25/7/08 23:06

    Dopo le patate al selenio che fanno diventare intelligenti, adesso arriva il pomodoro nero elisir di giovinezza. Penso che il professore sia una persona seria, lo sono meno pubblicitari e giornalisti.

    RispondiElimina
  9. in Italia gli OGM non sono soltanto malvisti, ma anche vietati!
    Comunque c'è molta ignoranza in merito, si dice che non è un ogm solo per rassicurare le masse, quando in realtà tra un ogm ed un incrocio le differenze per il consumatore sono infime, solo sono molto maggiori i costi per lo stato che finanzia la ricerca, dato che è molto difficile, da un incrocio, ottenere solo e soltanto le caratteristiche volute.

    RispondiElimina
  10. @Alberto
    Ricordati di comprarmi i semi da Ingegnoli.Berlusconi li ha seminati a Villa Certosa.

    RispondiElimina
  11. Eco dove trovare semi di pomodori colorati : https://sites.google.com/site/pomodoricolorati/home/pomodori-neri

    RispondiElimina
  12. nicoletta5/6/11 16:42

    da qualche giorno, sono venuto a conoscenza di questi pomodori neri. Ma sono buoni da mangiare oppure no? conosco pomodori nati in natura e...sono buonissimi
    altri ortaggi o frutta ogm o ibridi non mi fido.
    Sapete perchè le industrie dei semi creano gli ibridi? Per non mantenere i semi,cosi dobbiamo comprare da loro. E' giusto...per me nò. ciao

    RispondiElimina
  13. Detto così sembra che gli ibridi siano chissà quale mostro. Se non ci fosse il lavoro delle industrie sementiere che ci procurano i semi migliori per un raccolto più abbondante saremo ancora fermi al medioevo!

    RispondiElimina
  14. Caspitina,

    se fosse per loro sarebbero scomparse tutte le varietà orticole che non hanno una immediata ricaduta commerciale. E credimi, sarebbe un danno enorme.
    Gli ibridi possono contribuire a diminuire i costi nella produzione industriale, ma per l'orto di casa sono certamente meglio varietà OP, magari meno produttive ma certamente più sane e gustose.

    Riguardo il pomodoro nero, ho notizia (e semi) di un pomodoro sviluppato da Jim Myers presso l'Università dell'Oregon.
    Non ho capito se si tratta di un progetto parallelo oppure della stessa cosa.
    http://solanaseeds.netfirms.com/Bleucommedanstomate1.jpg

    Comunque, nonostante il pomodoro blue P20 (così viene chiamato oltreoceano) sia stato selezionato nella culla del capitalismo, nessuno ci ha messo un brevetto e perciò è commercializzato da diverse ditte sementiere.

    RispondiElimina
  15. Sono assolutamente progetti differenti.

    Anyway, che un pomodoro "fatto in casa" sia piu`sano e`tutto da dimostrare :P

    RispondiElimina
  16. Di qualità pomodori neri ce ne sono 2 nero di crimea che a maturazione viene molle come un fico e il black cherry di Ingegnoli che a maturazione è più compatto in quanto a sapore sempre meglio un tradizionale.Ma un appassionato di orto è sempre in competizione col vicino quindi è una gara di qualità o dimensioni con tutti gli ortaggi.

    RispondiElimina
  17. Caspitina, ma sei una serva delle multinazionali tipo Monsanto? Ma va a cagare!

    RispondiElimina
  18. È ovvio che un pomodoro OP sia più sano e gustoso, alla faccia di caspitina e di tutti i servi delle multinazionali!

    RispondiElimina
  19. Buona sera mi chiamo Giuseppe vivo a Tropea, di professione pensionato ma non basta, quindi continuo a fare il contadino, perchè altrimenti non saprei cosa fare,coltivo cipolle rosse di Tropea quelle originali non quelle truccate,da marzo facciamo anche tanti pomodori, da qualche anno, coltivo un tipo detto "Maranello" e simile al Big Rio F1 c'è la possibiltà di sapere il produttore di semi di questa varetà e se esiste veramnete o è un nome detto a caso? Il pomodoro è di forma tipo Colibrì molto più grossa e più lungo ma tra le piante se ne trovano anche con altre forme, può essere la vicinanza di altre qualità ? altrimenti che F1 sarebbe.

    Grazie mille

    RispondiElimina
  20. Oggi ho assaggiato i miei primi pomodori neri di crimea (è solo da quest'anno che ho tentato l'esperimento orto) e sarà anche per l'entusiasmo di averli "creati" da sola ma li ho trovati divini! molto dolci in confronto ai pomodori tradizionali, per nulla acidi... prossimo anno di nuovo!

    RispondiElimina
  21. Marianna1/8/13 01:52

    Scusate per l'anonimo... sempre la solita sbadata

    RispondiElimina
  22. Ahahahahahahah!!!Pomodori neri, nero viola, nero di crimea, nero seppia, Io non voglio correre dei rischi inutili...meglio morire di pomodori tradizionali!!

    RispondiElimina
  23. Per le piantine di pomodoro nero Sun Black, vi potete rivolgere a l'ortofruttifero di Pisa. www.lortofruttifero.it

    RispondiElimina