Pagine

lunedì 28 gennaio 2013

Uno sfregio alla Merini

Alda Merini

È la seconda volta che succede. Che il ritratto della poetessa sul muro della sua casa, Casa Alda Merini in via Magolfa qui a Milano, venga sfregiato. Ora ditemi cosa bisognerebbe fare a questi qui.

Alda Merini
Foto scattate ieri pomeriggio

29 commenti:

  1. Li obbligheri ad imparare a memoria tutte (e dico tutte) le bellissime poesie di Alda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che non le capirebbero e la odierebbero ancora di più... :(

      Elimina
  2. prenderli a calci nel c... ed obbligarli a ripulire tutti i muri della citta'

    RispondiElimina
  3. temo che quando una cosa simile è fatta ci sia poco da fare, il meglio che si possa fare è pensare alle generazioni successive

    RispondiElimina
  4. tagliargli le mani, punizione troppo drastica???? è una reazione istintiva!!!!

    RispondiElimina
  5. Fargli la stessa cosa - ma assolutamente indelebile - sulla loro faccia.

    RispondiElimina
  6. credo che nessun provvedimento possa servire contro questi personaggi piccoli e ignoranti... le parole della Merini sono eterne, sono dentro di noi e le rivediamo ogni volte che guardiamo in faccia coloro che sono dimenticati, tutto ciò nessun pennarello o pennello potrà mai cancellarlo

    RispondiElimina
  7. Gli tatuerei in testa "idiota irrispettoso"... che ti piaccia o no un autore, non puoi far certe cose, e questo vale anche per tutti. Di sicuro, quando si vedranno mancare il rispetto di tutti, impareranno a rispettare.

    RispondiElimina
  8. Pensi che sia stato fatto apposta perchè era la Merini? No, sono idioti che, solo perchè sono dotati di un pollice opponibile e riescono a tenere in mano una bomboletta spray, deturpano tutto quello che trovano...

    RispondiElimina
  9. gli riserveri il trattamento che la Suertè CRS qui vicino in Francia, riserva ai delinquenti e codifica con l'espressione -passè a tabac- farli neri come il tabacco..
    troppo giustificazionismo sociologico e buonismo idiota ha di fatto moltiplicato questi atti demenziali di sfregio e di distruzione del bene pubblico e privato.

    RispondiElimina
  10. Mi monta una rabbia, ma una rabbia che non so descrivere. Bomboletta alla mano: la svuoteri(...beh, sì, lo dico cercando d'essere il più elegante possibile) sulla testa e sulle parti intime, sperando che non siano calvi e manco depilati!

    RispondiElimina
  11. Proprio perchè dotati di pollice opponibile, come fa notare Giulio GMDB, sarebbe una buona occasione imparare a usarlo bene, perciò potrebbero scrivere almeno cento poesie di Alda Merini in modo leggibile e senza errori. Ecco! :)

    RispondiElimina
  12. Poveracci, chissà che cosa credono di fare. Che tristezza dover attirare l'attenzione così...mostrando a tutto il mondo quanto l'ignoranza possa generare mostri di cretinaggine. Un bell'applauso a cotanta demenza. Alda non fa una piega e lassù sorride, dall'alto della sua grandezza.

    RispondiElimina
  13. Tagliarglielo quel pollice per non spappolare il cervello di...

    RispondiElimina
  14. La loro ignoranza abissale non permette punizioni, non sarebbero capite.
    Necessitano di educazione e cultura, potremmo leggere loro qualche brano, magari d'amore.

    RispondiElimina
  15. Penso che le prime lamentele sui giovani irrispettosi e vandali siano state scritte coi geroglifici egiziani.

    RispondiElimina
  16. Come avevo già avuto modo di dire, personalmente obbligherei questi idioti a frequentare un corso di storia dell'arte (e, già che ci siamo, di letteratura contemporanea) con esame finale oltre, ovviamente, a costringerli a ripulire il tutto.

    RispondiElimina
  17. Lo stesso che bisognerebbe fare agli imbecilli che uno dei primi giorni dell'anno hanno spaccato il naso ai monumenti di Verdi e Wagner nei giardini della Biennale a Venezia. Io non sono un violento, per cui sposo la proposta che in questi casi faceva sempre il mio povero babbo: mandarli a zappare delle vigne. E che ci restino un bel po'. Con la scusa del "non capirebbero" non si va da nessuna parte.

    RispondiElimina
  18. Stasera mi gira male, opto per una rassegna di calci.

    RispondiElimina
  19. terribile, questo paese non frequenta più la poesia ma nemmeno il buon senso

    RispondiElimina
  20. Frutto di una insensibilità generale della società italiana per ciò che è intelligente.

    Lorenzo

    RispondiElimina
  21. Metto il tuo post sul mio blog, credo che farlo girare un po' almeno serva.
    Ciao

    RispondiElimina
  22. non ti curar di loro...non son degni di te! Pulire il muro e continuare a diffondere il messaggio, è lunica arma contro l'ignoranza - ciao

    RispondiElimina
  23. Inserisco questo commento da google+
    "Trattasi di imbecilli adolescenti, quelli con i quali ho a che fare tutti i giorni a scuola. Le uniche rime che conoscono sono quelle dei rap, gli unici film che vedono sono i porno che guardano sui telefonini. E si devono promuovere, altrimenti la scuola perde finanziamenti. Per la Regione Lombardia non sono studenti, sono clienti. E il cliente ha sempre ragione."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi ragazzi hanno dei genitori che gli danno i soldi per lo smartphone e il contratto per il traffico dati con cui guardare i porno, quando ai miei tempi al massimo girava qualche giornaletto. Gli stessi genitori che vanno a litigare coi professori se si permettono qualche insufficienza, invece che fare piovere ceffoni e calci nel culo come ai miei tempi.

      I ragazzi di perse sono uguali a quando eravamo ragazzi noi.
      Hanno solo molti più soldi da spendere in cretinate e genitori che non sono mai cresciuti.

      Elimina
  24. Con un bel bisturi farei sulla loro facciaccia lo stesso sfregio che hanno fatto sul manifesto. Criminal Minds docet.

    RispondiElimina
  25. E, ma cazzo, noooooooooo!!!!

    RispondiElimina
  26. Propongo di spogliarli nudi e pitturarli tutti di rosso. Si nota che non sono per la pena di morte? Ciao.

    RispondiElimina