Pagine

lunedì 6 agosto 2007

Trovato, anzi trovati

Biscia mostro
Ingrandisci la foto

Alle nove e mezza di ieri sera, sotto lo sguardo di una grande folla in attesa, due squadre di cercatori, una agli ordini di Lucio Simplicio, l'altra al comando di Paolo Veziano si sono mosse nel torrente Nervia per scovare questo ormai famoso animale. Non c'è voluto molto. Un primo ritrovamento è stato proprio nel punto dove era stato avvistato per la prima volta. Un'anguilla di due metri fuori del comune. Fuori dal comune in ogni senso. Multicolore e di metallo.

E' stata sollevata in alto dalla squadra di ragazzini e ragazzine in acqua fino alla cintola e un boato è esploso dalla gente sul ponte e rimbombato in tutto l'alveo del torrente. Subito dopo la "Bandina" ha comiciato a suonare le note sguscianti dell'inno composto per l'occasione da Enrico Allavena dal titolo "Ciapa l'anghila" e la gente ha cominciato a ballare al ritmo di tango. Atmosfera di gioia e liberazione da un quasi incubo. Le due squadre si sono poi dirette verso sud, ed eccolo finalmente il "mostro" vero.

Se ne stava bello tranquillo sotto mezzo metro d'acqua proprio sotto il ponte vecchio. S'è fatto catturare docilmente ed è stato sollevato come un trofeo innocuo, e innocui sono stati pure i pescatori. Niente sangue ma una festa collettiva come da un po' non ne vedevamo.

I due animali non più misteriosi ormai sono due sculture di Giovanni Tamburelli che Nico Orengo ha voluto donare al paese. Subito dopo la folla è sciamata verso la chiesa dove in una sala del Comune si è inaugurata una mostra di acquarelli dello scultore.

Ho fatto uno scherzo a tutti voi cari amici che mi leggete? Non credo, è stata una performarce d'arte in piena regola durata quasi una settimana e conclusasi con una serata che difficilmente sarà dimenticata da quelli che c'erano.

Domani scriverò tutto il prologo.

Biscia mostro
Ingrandisci la foto

15 commenti:

  1. E non è un'operazione di marketting (sottolineo le due volontarissime t) questa?

    RispondiElimina
  2. Poesia di Eugenio Montale:

    L'ANGUILLA
    L’anguilla, la sirena
    dei mari freddi che lascia il Baltico
    per giungere ai nostri mari,
    ai nostri estuari, ai fiumi
    che risale in profondo, sotto la piena avversa,
    di ramo in ramo e poi
    di capello in capello, assottigliati,
    sempre più addentro, sempre più nel cuore
    del macigno, filtrando
    tra gorielli di melma finché un giorno
    una luce scoccata dai castagni
    ne accende il guizzo in pozze d’acquamorta,
    nei fossi che declinano
    dai balzi d’Appennino alla Romagna;
    l’anguilla, torcia, frusta,
    freccia d’Amore in terra
    che solo i nostri botri o i disseccati
    ruscelli pirenaici riconducono
    a paradisi di fecondazione;
    l’anima verde che cerca
    vita là dove solo
    morde l’arsura e la desolazione,
    la scintilla che dice
    tutto comincia quando tutto pare
    incarbonirsi, bronco seppellito;
    l’iride breve, gemella
    di quella che incastonano i tuoi cigli
    e fai brillare intatta in mezzo ai figli
    dell’uomo, immersi nel tuo fango, puoi tu
    non crederla sorella?

    RispondiElimina
  3. Citazione dal Pasticciaccio di Gadda (quello vero):

    Sui loro labbri stupendi quel nome veneto risaliva l’etimo, puntava contro corrente, cioè contro l’erosione operata dagli anni. L’anafonèsi trivellava il deflusso col perforante vigore di un’anguilla o di certi pesci anadromi che sanno chilometrare all’insù, su, su, su, fino a ribevere le linfe vitali: fino alle montagne sorgive dello Jukon, o dell’Adda, o del Rio Negro andino. Dalle ultime traslitterazioni dei registri parocchiali si rifaceva alla gutturale tenue degli inizi, da Menegaccio a Ménego e a Ménico, a Domenico, Dominicus, al possessivo di cui era tutto.

    RispondiElimina
  4. Rispondo all'anonimo

    Per vendere una statua, anzi due, costate zero lire al contribuente? Così come zero lire sono state tolte dal denaro pubblico per tutta l'operazione.
    Sai chi ci ha guadagnato sopratutto? I bambini che si sono divertiti un sacco.
    Le markette le fanno altri non noi.
    E con questo chiudo questo thread.

    RispondiElimina
  5. Mah. Io mi riferivo alle modalità con cui è stato pubblicizzato l'evento. Si poteva scegliere di fare un unico post dicendo della donazione, della festa etc, ma certo non avrebbe attirato così tanti contatti sul blog. Una cosa fatta bene, e di cui mi complimento. Ma secondo modalità da marketing. Una presa per il culo a fin di bene stavolta, come molte delle cose che compaiono sul blog. Di questo Le do atto. Lei dice di non sapere il marketing che cosa sia, ma mi pare ne conosca bene i segreti...

    RispondiElimina
  6. Finalmente un po' di sana, innocua, genuina, gratuita leggerezza!!! Grazie.

    "La leggerezza si associa con la precisione e la determinazione,
    non con la vaghezza e l'abbandono al caso"
    Italo Calvino

    RispondiElimina
  7. "molte delle cose che compaiono su questo blog" si riferisce all'"a fin di bene", non al "presa per il culo". Mi pare doveroso sottolinearlo.

    RispondiElimina
  8. Matteo Ricci6/8/07 15:26

    Semplicemente una gran genialata.
    Eventi come questo sono una grande occasione per il turismo nell'entroterra, a contatto con le radici e con la vita autentica di queste comunità rurali, non ancora intaccate e rovinate da certo pseudomarketing turistico in salsa vagamente provenzale.
    Chapeau.

    RispondiElimina
  9. Sì, Alberto Cane, ho cambiato idea sul possibile impatto ambientale della caccia alle due bisce-mostro. Se la cosa fosse poi stata pubblicizzata in altro modo, cioè dicendo la verità, probabilmente sarei anche io venuta a questa bella passeggiata. La scelta di mentire per sensazionalizzare ha certo attirato molta gente, ma ne ha respinto altra, come me. Non che possa importare a nessuno. Ha ragione Matteo Ricci a chiamarla genialata lontana dallo pseudomarkenting turistico in salsa provenzale; ma a me non sembra nemmeno qualosa di molto ligure, essendo i liguri abituati a chiamare le cose con il proprio nome. Quello giocato mi sembra piuttosto un gioco molto piemontese: falso e cortese.

    RispondiElimina
  10. Ho partecipato con gli amici di Vallecrosia. Sono tornato a casa contento e soprattutto felice di conoscere te, Paolo, Nico e gli altri che avete pensato, e realizzato questa bella serata. Semplice, genuina, gratuita e culminata nella visione di bambini felici che rincorrono una favola. Anche se Alberto ha chiuso il "thread" (che belin è?) con "anonimo" e il "marketting", devo aggiungere che dopo tanto tempo ho partecipato e vissuto una manifestazione proprio senza la puzza di marketing e altro. Per gli immancabili criticoni, mi viene in mette un classico apostrofare di mio padre: "Andaive a fà encì u cu d'oevi, cuscì cande i cagai i ve mangiai in'omelette". Ciao, Mac

    RispondiElimina
  11. matteo ricci6/8/07 20:40

    Meglio le biscie di Nico Orengo a Isolabona che una serata con la Tosse ad Apricale!
    Vogliamo dunque scommettere che (per merito dei tagliandini con sconto pubblicati sul Secolo XIX) domani La Stampa darà grande risalto al grande evento di Isolabona e zero spazio a "Note di notte"?

    RispondiElimina
  12. Che risata, questa mattina! :D
    Grazie, è stata una trovata bellissima!! Avevo paura che facessero la festa alla biscia... ma in un altro modo, o che qualcuno si facesse male. Chiedo scusa ai "cacciatori" :o)
    Un saluto da Stoccolma
    Laura

    RispondiElimina
  13. Complimenti a tutti.
    Una favola moderna, con il giusto lieto fine.

    RispondiElimina
  14. La ringrazio per Blog intiresny

    RispondiElimina