Pagine

mercoledì 13 gennaio 2010

La questione meridionale

Questione meridionale

La sintesi estrema, come nella foto, di un problema complesso è sempre riduttiva, ne convengo.

Ma quante parole sulla questione meridionale, dall'unità d'Italia in poi, si sono accavallate e fatti incisivi invece pochi o nulli? Che sia proprio questa la questione?

Foto via Adlimina su FF, via.

Aggiunta, 14/1, 18.53
Ho ricevuto da un lettore del blog che ringrazio una mail con allegata questa foto. Dice
Consentimi di inviarti la testimonianza che il meridione non è più quello che pensi ma si è evoluto: habbiamo inparato le lengue straniere.
Ti mando una foto scattata nei pressi di un supermercato a Cosenza, sperando di farti sorridere e capire la (amara) realtà che esiste a tutti i livelli, non solo per le strade di Rosarno ma anche negli uffici pubblici, negli ospedali, nelle universita', etc. etc. Qui c'è un pugno di... che non vuole lo sviluppo di questa Terra perché altrimenti perderebbe il potere secolare che si tramanda di padre in figlio e, credimi, non sto parlando di quelle organizzazioni delinquenziali classiche che si sono occupate nei secoli di pizzo, sequestri di persona e traffici vari ma di un tipo di organizzazione sostenuta da colletti bianchi insospettabili che ha le mani dall'editoria alla sanità e che nessuno tocca per paura di averne bisogno.

Scritta no parking

Technorati Tags: , ,

19 commenti:

  1. Ma esiste veramente l'unità d'Italia? Io noto più differenze quando scendo al sud che quando vado in Slovenia, Austria, Germania...

    RispondiElimina
  2. la questione meridionale ha profonde radici storiche e non è mai stata affrontata in maniera concreta dalla politica che anzi ha solo approfittato della situazione.

    RispondiElimina
  3. ma tutti gli altri commenti?
    cancellati?

    RispondiElimina
  4. esiste una questione meridionale o una questione di ordine pubblico?
    quello che abbiamo visto è il compendio dello sfasciume in cui versano intere regioni italiane, questo sfasciume ai limiti della follia collettiva è il triste riassunto della politica di unità nazionale. non esiste più nulla dello spirito dei Padri Costituenti, dello spirito Resistenziale, niente di niente.
    se leggo gli scritti di Rainero Panzieri sulle lotte bracciantili degli anni 50 in Sicilia, la mancanza dei patti agrari, la cosidetta infamia del capolarato denunciata da Di Vittorio, da Alicata ecc. cosa resta oggi di tutto questo? una massa informe di semianalfabeti, di uomini e donne sformati nella mente e nel corpo..
    Baruffa

    RispondiElimina
  5. @ baruffa: "una massa informe di semianalfabeti, di uomini e donne sformati nella mente e nel corpo" ma intendi in tutta "itaglia"? o solo al sud? non ho capito..
    @ ernest: vero, il problema è che in italia 9 volte su 10 non diventi politico se non sei ricattabile, già da questo si evince che..
    quanto inorridisce tutti oggi del sud, è da tempo presente in tutta la nazione

    RispondiElimina
  6. alberto, scusami ma ho inviato il commento al blog sbagliato :-)

    RispondiElimina
  7. Il fatto è che la gente migliore del sud si trasferisce al nord e qui resta solo la feccia (o quasi).
    Scusa, ma perchè non c'è il mio blog nel tuo elenco, se mi sostieni?

    RispondiElimina
  8. Regolamento della Real Marina del Regno delle due Sicilie del 1841

    Art.27. "Facite Ammuina".

    'All'ordine Facite Ammuina:

    tutti chilli che stanno a prora vann' a poppa e chilli che stann' a poppa vann' a prora:

    chilli che stann' a dritta vann' a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann' a dritta:

    tutti chilli che stanno abbascio vann' ncoppa e chilli che stanno ncoppa vann' bascio passann' tutti p'o stesso pertuso:

    chi nun tiene nient' a ffà, s' aremeni a 'cca e a 'll à".

    N. B. : da usare in occasione di visite a bordo delle Alte Autorità del Regno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per un'ipotesi ricostruttiva v. http://www.academia.edu/3394824/Uno_scritto_goliardico_tra_il_1841_ed_il_1844

      Elimina
  9. Paola
    Perché le due liste sono indipendenti.

    RispondiElimina
  10. Un po' vecchiotta... ma fotografa bene la nostra situazione!!!

    VOTA TU I MIGLIORI FILM ED ATTORI DEL 2009

    RispondiElimina
  11. uahauhua che ridere..ti andrebbe uno scambio link??

    RispondiElimina
  12. le tue concise parole inducono a una grande e complessa riflessione buona giornata

    RispondiElimina
  13. Caro Alberto,
    qual'è la questione del Sud? La disoccupazione? Il reddito procapite? La mancanza d'istruzione? Mafia, Ndrangheta e Camorra?
    Dubito che ciascuna di queste condizioni siano relative solo al Sud... C'è più Sud a Milano ed a Torino che a Reggio Calabria e Messina in certi quartieri...
    Se parlare poi di Brooklyn o Monaco di Baviera...

    RispondiElimina
  14. [OT] (ho provato a mandarti una mail ma mi rimbalza indietro):
    sabato pomeriggio al planetario io ci vado. Se vuoi aggregarti, mi può fare solo piacere.
    Ciao.

    RispondiElimina
  15. Credo che certe 'questioni' a una certa politica fanno estremamente comodo che esistano...
    Io la questione meridionale non la vedo diversa dalla questione settentrionale e, in genere, da TUTTE le questioni. Hanno tutte la stessa rilevanza e la stessa importanza ma si sa... io non sono un politico. Forse anche perchè la penso così!? ;-)

    RispondiElimina
  16. Ross
    Ti ho mandato una mail.

    RispondiElimina
  17. sulla questione dei recenti fatti di ROsarno, questo post mi pare il più sensato. Se poi risponde a verità, cosa probabile, almeno in parte, speriamo che prima o poi qualcuno rompa la catena.
    Interessante da vedere, sulle differenze culturali, il film "Giù al Nord".
    Un saluto

    RispondiElimina