Pagine

giovedì 30 settembre 2010

Il dito medio di Cattelan

Il dito medio di CattelanIl dito medio di Cattelan

Milano, piazza Affari - La scultura del dito medio di Maurizio Cattelan. La mano in marmo di Carrara è alta 4 metri e 60 ed è posizionata sopra una colonna che porta l'altezza della scultura a quasi 11 metri complessivi.
foto Alberto Cane ©
Quando venerdì scorso è stata inaugurata, dopo diatribe infinite (ne avevo parlato QUI) questa scultura di Cattelan che rappresenta un dito che la mette in quel posto alla Borsa ero in viaggio. E i fotografi che erano presenti quel giorno non hanno potuto produrre immagini di qualità per il tempo inclemente.

Sono quindi andato oggi a documentare l'opera prima che sparisca, e succederà domani o dopo, visto il compromesso a cui si era giunti: "Sì, diamo il permesso per esporla ma solo per una settimana."

Opera d'arte, non opera d'arte? E chi può dirlo?

Il gesto, questo gesto del dito non era nostro, lo è diventato in questi ultimi tempi. Globalizzazione del linguaggio che travalica la lingua e regredisce alla primitività.

Queste foto sono ©Alberto Cane. Lo dico perché mi sono un po' rotto di tutti i maleducati che prelevano da qui e manco grazie. Quindi se qualcuno vuole prenderle me lo deve chiedere.

Aggiornamento 2 ottobre
Ieri la giunta milanese ha deciso che la statua, che avrebbe dovuta essere rimossa lunedì, rimarrà in piazza Affari fino al 24 ottobre, data di chiusura della mostra di Cattelan a Palazzo Reale. E nel frattempo si è aperta anche la possibilità che l'opera rimanga in via permanente a Milano. Il sindaco Moratti, infatti, ha chiesto all'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory di presentarle una proposta in merito di cui si discuterà la prossima settimana. Non verrà invece prolungato il calendario della personale a Palazzo Reale ma solo per un problema di carattere tecnico. Infatti la sala delle Cariatidi, che ospita due delle tre opere in mostra, è in fase di ristrutturazione e non può essere utilizzata oltre la data stabilita.

Aggiornamento 9 ottobre
Maurizio Cattelan dopo che si è ventilato l'ipotesi di esporre l'opera in via permanente a Milano ha scritto una lettera formale all'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory.
"Sono felice che il Comune stia valutando la possibilità di accettare la donazione della scultura e sono più che contento di valutare qualsiasi proposta che rispetti però lo spirito originale del lavoro. Il progetto è stato realizzato per piazza Affari e lì deve rimanere, questa è la mia condizione. Se non in pianta stabile almeno per un numero di anni, una ventina per esempio. Perché tra vent'anni quella piazza sarà un'altra cosa e l'opera sarà stata metabolizzata."
Adesso si attende la decisione della Moratti che non dovrebbe tardare perché se la statua non dovesse restare a Milano bisognerà cominciare a organizzare il suo trasporto altrove entro il 24 ottobre, data di chiusura della mostra a Palazzo Reale.

Aggiornamento 23 ottobre
Letizia Moratti, durante la registrazione di Victor Victoria di Victoria Cabello, che andrà in onda martedì 26 ottobre in seconda serata su LA7, ha dichiarato: "Ho parlato con Cattelan oggi pomeriggio, era a New York. Abbiamo deciso che il dito rimane là dov’è fino a tutte le vacanze natalizie e poi sceglieremo dove metterlo, ma il dito rimarrà in città" e ha poi aggiunto: "Io spero che rimanga li dov’è, ma non decido da sola".

Il dito medio di Cattelan

Il dito medio di Cattelan



59 commenti:

  1. Non ne sapevo niente di sto dito medio. Che, visto così senza spiegazione, l'avrei confuso per un omaggio a Bossi...

    RispondiElimina
  2. Bellissime foto Alberto.
    Posso rubartene una?
    La metterei qui http://fany-blog.blogspot.com/2010/09/maurizio-cattelan-milano.html
    ci manca solo questa opera e confesso speravo in un tuo articolo.
    Non è la mano di Bossi a pugno col dito medio alzato ma una mano con tutte le dita mozzate tranne il medio.
    ciao

    RispondiElimina
  3. Ricordo dove ne avevi parlato, visto che sono sempre molto attenta al dito medio alzato. Condivido queste tue immagini, con un pensiero personale a chi tu puoi immaginare. E con tutta la mia disistima. Non per te, naturalmente.
    Ciao, Alberto

    RispondiElimina
  4. fino al 24 ottobre c'è anche una mostra di Cattelan a palazzo reale http://www.comune.milano.it/dseserver/webcity/portale/palreale.nsf/index.htm?readForm&settore=MCOI-66DHPH_HP. Vale la pena, per chi abita in città, fare un salto a vedere entrambe le location!

    RispondiElimina
  5. Arte o non arte..a me questa provocazione piace. Mi spiace solo che sia a scadenza!
    Bellissime foto..io non te le rubo, le ammiro e BASTA!

    RispondiElimina
  6. Chissà se dopo la settimana a Milano, la portano, che so, in piazza Montecitorio, a Napoli, a L'Aquila...
    Potrebbero farla diventare itinerante, perché dappertutto ci sono ottimi motivi per mostrarlo.
    Senza dimenticare, comunque, che il segnale, ovunque lo metti, è sempre diretto a noi tutti.
    I destinatari veri possono allegramente dire: intanto lo prendete voi, poi si vedrà!

    RispondiElimina
  7. @Fany
    Prendi pure, basta che metti un link al blog.

    @Trippi
    Grazie, mi ero dimenticato.

    RispondiElimina
  8. Grazie Alberto!!
    messo due linK!

    ciao :D

    RispondiElimina
  9. il fatto che poi si scopre (non lo avevo letto da nessuna parte: si vede che chi ne ha parlato era disattento o parlava di cose che non conosceva) che il dito medio è ciò che è rimasto ne fa una cosa diversissima da quelle che si poteva supporre.
    ossia, c'è rimasto solo questo, la possibilità di fare un gestaccio.
    tutto il resto, ce lo devono aver tolto mentre eravamo distratti...

    RispondiElimina
  10. Il dito medio non provoca più nessuno ... quel gesto lì lo fa continuamente anche bossi e lo fa talmente tanto, tanto da rimanere immortalato in una foto che ha fatto il giro del mondo..bella figura per noi italiani..per la figura che ha fatto trota senior mi importa un cazzo...Jim Morrison provocava con quel gesto..non certo Cattelan...

    RispondiElimina
  11. piesse. cmq belle foto Alberto . :)

    RispondiElimina
  12. Secondo me la scultura dovrebbe rimanere lì per sempre... Anzi ne dovrebbero mettere una anche davanti a Montecitorio

    RispondiElimina
  13. La foto con il dito rivolto verso il cielo chiazzato di piccole nubi vaporose è molto bella. Me la conservo in archivio e forse un giorno ti chiederò il permesso se mi capita di scrivere sulla borsa.
    La mano di Cattelan dovrebbe restare per sempre in quella piazza. Non so se simboleggia un messaggio nostro alla speculazione di borsa o una constatazione di quello che ogni giorno preparano a noi; in ogni caso esplicita la strafottenza degli affari.

    RispondiElimina
  14. La seconda foto è eccezionale. Racchiude una bella spinta verso l'alto. Un vaffanculo che arriva dritto fino in cielo, diciamo. :)

    RispondiElimina
  15. Concordo con quanto espresso da Gattonero, itinerante e sempre davanti ai palazzi del potere.

    RispondiElimina
  16. Mi hai tagliato 4 dita,ma con la quinta ti mando a farti fottere,e sei anche un biskero perche' me la lasci.Libera interpretazione di Cattelan.........a me se mi fregano le foto sono felice,tranne quelle personali.

    RispondiElimina
  17. Mi sembra molto significativo che sia a Piazza Affari, la borsa, in tempi come questi, con l'economia dominante che l'ha messa nel culo a tutti.

    RispondiElimina
  18. Il dito non lo prendo! :D Su questo non ci piove. Le foto però sono stupende e ben fatte.

    Io sposterei la statua all'ingresso di palazzo Grazioli.

    Voi che dite?

    RispondiElimina
  19. ahhahahaa, ma poi non è che la spostano a Palazzo Marino? così, per simpatia..!

    RispondiElimina
  20. e dopo palazzo marino ad arcore ..

    RispondiElimina
  21. Noi ci sfoghiamo con gestacci metaforici, e intanto loro fanno finta di scandalizzarsi ma in realtà ridacchiano, perche sanno bene che quel che noi facciamo a loro è solo un gesto, mentre quel che loro fanno a noi non è per nulla metaforico ed è quotidiano.
    Della serie: protestate pure, tanto noi continuiamo a fare il cazzo che vogliamo (e ve lo mettiamo in quel posto davvero).

    RispondiElimina
  22. Viene in mente un proverbio arabo, che chi gestisce il potere usa nei nostri confronti: "I cani abbaiano, ma la carovana va avanti".

    RispondiElimina
  23. Ciao Alberto e buona giornata. Non saprei se definirla arte o altro ma, sicuramente, il messaggio che trasmette è condiviso in pieno. Davanti al "tempio" della finanza sfrenata, quella che sta rendendo, insieme ad un'economia senza più volto umano, la nostra vita un inferno. Da "romano", mi piacerebbe vederla esposta, per qualche giorno, davanti casa di Bossi!!

    Ti auguro un sereno fine settimana e ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Ma guarda che è la finanza che sta facendo "dito-medio" al popolo bue ...che invece di arrabbiarsi, ride (poverino)

      Elimina
  24. Il medio di Cattelan come classe media...........mi piacerebbe riprodurre in carta pesta quest'opera per poi portarla alle manifestazioni di piazza.L'arte al servizio della gente..........lo trovo straordinario.

    RispondiElimina
  25. dito medio a piazza affari?
    si grazie!

    RispondiElimina
  26. alberto le foto sono fantastiche !!!

    quel dito fa veramente impressione, ma non certo agli operatori di bosrsa e mercato ....

    RispondiElimina
  27. da mettere davanti a montecitorio!
    Per le foto hai ragione
    un saluto

    RispondiElimina
  28. Ho visto qui che c'è chi propone di lasciarlo per sempre come ornamento della piazza.

    RispondiElimina
  29. @Fausto
    Sì, avevo visto. Aspetto a fare un aggiornamento quando la Moratti avrà deciso in merito. E dovrebbe decidere proprio in queste ore.

    RispondiElimina
  30. io lo esporrei a piazza montecitorio!!!

    RispondiElimina
  31. Ho fatto un aggiornamento.

    RispondiElimina
  32. ci siamo talmente abituati alla volgarità che neanche un sano tentativo di provocazione riesce più a smuovere.
    foto bellissime.

    RispondiElimina
  33. Excellent image, and your blog is a good read and view. I like it very much. Come see the pictures Teuvo blog www.ttvehkalahti.blogspot.com and advice to all your friends Teuvo pictures on your blog that the fermentation can be your ticket to climb higher on my blog. Properly great scenic autumn you Teuvo Vehkalahti Suomi Finland

    RispondiElimina
  34. Lo ha ispirato Bossi? :-)

    RispondiElimina
  35. Che dire.. . la scultura in sé é brutta e decontestualizzata la troverei anche volgare e di cattivo gusto ma posizionata, se ho letto bene, davanti al Palazzo della Borsa, acquista una dirompente forza provocatoria e di denuncia verso quel mondo davvero straordinaria

    RispondiElimina
  36. avevo sentito la notizia ma non avevo avuto occasione di vedere l'opera. Francamente pensavo che l provocazione fosse un po' banale ma le foto invece mi pare ne restituiscano tutta la forza provocatoria. Forse è ispirata a Bossi ma il taglio delle dita fa anche ricordare un saluto molto intonato all'architettura della piazza, rivisto a posteriori.

    RispondiElimina
  37. Ho fatto un altro aggiornamento.

    RispondiElimina
  38. Bellissime foto Alberto , Ottima scultura e posizionata nel luogo giusto ... Grazie a Cattelan per le sue idee semplici ma geniali , ciao

    RispondiElimina
  39. Ciao! Bellissime foto davvero! Non me ne intendo moltissimo di arte, ma penso che un messaggio del genere ogni tanto ci stia!
    Volevo "rubarti" una delle tue foto per postarla sul mio blog, l'indirizzo è: http://dulina-zollettedizucchero.blogspot.com
    Complimenti ancora!
    ciao!

    RispondiElimina
  40. @Dulina
    Prendi pure ma devi mettere un link a questo blog, meglio ancora se a questo post. Ciao.

    RispondiElimina
  41. ok grazie mille! messi entrambi!! :)

    RispondiElimina
  42. Ho fatto un aggiornamento.

    RispondiElimina
  43. segnalo, a chi fosse interessato, una rivista che questo mese dedica un ampio servizio più copertina all'artista Maurizio Cattelan:
    http://amedit.blogspot.com/2010/12/amedit-magazine-sommario-dicembre-2010.html

    RispondiElimina
  44. Salve Io apprezzato questo lavoro in questo blog si sta facendo un buon lavoro molto magico!:)
    scusa mio cattivo italiano
    arrive detche

    RispondiElimina
  45. Chiedo il permesso di poter posstare una di queste foto su http://sunofsoul.wordpress.com/ ovviamente mettendo in didascalia nome dell'autore della foto e il link al blog.
    Grazie

    RispondiElimina
  46. Fai pure. Con il link. Ciao.

    RispondiElimina
  47. bella quest'ultima Provocazione GRANDE

    RispondiElimina
  48. bella questa provocazione GRANDE!

    RispondiElimina
  49. scemochilegge18/9/11 15:30

    L'arte è arte, non dipende da chi realizza l'opera e ancora meno dalla sua storia.
    Tu che leggi sei sicuramente capace di "opere" ancora più "geniali"...ma non verranno mai esposte perchè non hai il cognome giusto.
    CHIEDO SCUSA per il mio ORRIBILE NIKNAME; spero che la mia provocazione sia interpretata con la stessa enfasi riservata a Cattelan.
    Dovremmo smettere di farci prendere in giro da gente che fa i soldi sulla nostra ingenuità, sorridendo alle nostre spalle delle nostre evoluzioni speculative, fatte nel tentativo di giustificare l'"opera" ed apparire un po' cool anche noi.
    ...Detto questo, penso che il problema non sia quello di censurare Cattelan o le sue opere, ma piuttosto il fatto che percepiamo questi prodotti d'immagine come opere d'arte.
    ...chissà cosa si potrebbe dire della cacca di cane progettata da Mario de Riva in marmo serizzo (3m di diametro!! - e rilascia una leggera nebbiolina).

    Per l'angolo del "siamo tutti artisti", inviterei i lettori(se Alberto è d'accordo) a fare proposte di "opere d'arte" e istituire una lista di opere d'arte di artisti "anonimi".

    Sono sicuro che in futuro Alberto si troverà nella posizione di poter reclamare per conto nostro una primogenitura su nuove realizzazioni di grandi artisti.
    ....Hei! ma quello era nella lista realizzata dai miei bloggers!

    RispondiElimina
  50. Bell'articolo.
    Lo consiglio!

    RispondiElimina
  51. Osvaldo Forzini25/10/11 12:10

    Concordo alla grande con "scemochilegge", che ha scritto parole sacrosante, tra cui:
    "Dovremmo smettere di farci prendere in giro da gente che fa i soldi sulla nostra ingenuità",
    perfetto! e soprattutto dovremmo smetterla di pagare con soldi PUBBLICI: se vogliono, i PRIVATI se le comprino queste opere d'arte al prezzo che vogliono!, sono fatti loro, ma qui quel dito medio ce lo mettono in quel posto a noi contribuenti, s'è capì?...
    Tra l'altro sarebbe utile un aggiornamento: cosa hanno deciso a Milano? Era stato indetto da Boeri un incontro "aperto" alla cittadinanza, e la decisione (se mantenere o no lì il dito) doveva essere presa nella giunta del 30 settembre, ho googlato ma non trovo niente. grazie ciao!

    RispondiElimina
  52. davide310716/11/11 10:25

    Non l'ho ancora visto, ma dalla foto sembra che il dito sia nella nostra direzione..... quella dei nostri piccoli risparmi o sbaglio????

    RispondiElimina
  53. davide310716/11/11 10:25

    Non l'ho ancora visto, ma dalla foto sembra che il dito sia nella nostra direzione..... quella dei nostri piccoli risparmi o sbaglio????

    RispondiElimina
  54. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  55. Mi sono incontrato, per caso, con il "Dito Medio di cattelan" del 31 settembre 2010 su Internet (Foto di Alberto Cane).Si potrebbe anche dire che le foto siano..affascinanti e conservarle in una nicchia di vetro antiproiettile. E' il soggetto che l'autore chiama "scultura" che è da condannare : è da condannare in quanto è reato. La Suprema Corte di Domodossola, sentenza 26171 del 2010, lo stesso anno del dito di cattalan.
    Giuseppe Fiorà

    RispondiElimina
  56. Mi sono incontrato, per caso, con il "Dito Medio di cattelan" del 31 settembre 2010 su Internet (Foto di Alberto Cane).Si potrebbe anche dire che le foto siano..affascinanti e conservarle in una nicchia di vetro antiproiettile. E' il soggetto che l'autore chiama "scultura" che è da condannare : è da condannare in quanto è reato. La Suprema Corte di Domodossola, sentenza 26171 del 2010, lo stesso anno del dito di cattalan.

    RispondiElimina