Pagine

domenica 5 settembre 2010

Banano a Milano


E dunque, oltre a due ulivi (ve lo ricordate quello sotto la neve?), due palme, la lavanda e il vecchissimo arbusto di rosmarino, che tutti stanno a ricordarmi il Mediterraneo, ecco che nel giardino qui a Milano adesso c'è anche un banano. Messo a dimora ai primi di agosto hanno fatto capolino due nuove foglie, come a dire "per adesso mi trovo bene".

Qualche purista storcerà. Un banano a Milano? Roba da bauscia. Beh, potrei portare il purista in giro per la città e fargli vedere gli enormi banani che sono dalle parti di Greco e anche quello molto grande vicino a casa mia in via San Mamete.

E quindi ditemi. È forse fuori luogo questa pianta?





Technorati Tags: ,

20 commenti:

  1. la pianta è bella. e anche il posto: dov'è?
    m ricordo che la prima volta che seppi che quelli sono i banani (a roma ce n'è un bel po', anche se tutti piuttosto striminziti) avevo sui venticinque anni. pensavo che da noi nemmeno crescessero: invece quello che riconobbi per primo (vicino casa) aveva pure le sue bananine (che non maturavano, ma erano tante).

    RispondiElimina
  2. Come bellezza non c'è male. Viva la bellezza. Ma per le banane dovrai fare sempre ricorso al supermercato. Qest'anno sul mio balcone di casa ho piantato dei pomodori, il raccolto mi ha dato qualche soddisfazine e anche il profumo della pianta.
    Comunque l'importante è piantare.
    saluti

    RispondiElimina
  3. @Marco
    E' nel giardino di casa.

    RispondiElimina
  4. Bella casa, quella della foto. Contribuisco al tema, dicendo che almeno un ulivo in una frazione di Settimo Milanese io l'ho visto con i miei occhi.

    RispondiElimina
  5. Non è fuori luogo perché c'è e sembra perfettamente felice di esserci...
    Bella la tua casa, Alberto. E' rinascimentale?

    RispondiElimina
  6. Il "fuori posto" di certe piante sta nei rischi a cui vanno incontro a seconda delle stagioni. Certo che se farà molto freddo, sarà esposto al rischio di gelare. Troppo spesso non si pensa che le piante hanno un habitat ideale proprio perchè possano vivere a loro agio, cioè senza soffrire.
    @Enrica: adesso è facile per lei essere felice, ma con il freddo soffrirà...

    RispondiElimina
  7. Quest'inverno magari sentirà nostalgia del clima caldo e umido della sua terra natìa, ma quelle foglione carnose, di una brillantezza speciale, sprizzano crescita e salute da tutti i pori. Per adesso mi sembra una pianta felice. :)

    RispondiElimina
  8. Il babano è praticamente indistruttibile. In un giardino di via Piave, a Mestre, ce n'è un intero gruppo, che l'inverno scorso era completamente gelato. Le vecchie piante, alte ben più di due metri, se ne sono andate tutte ma già a primavera venivano su quelle nuove. Quello che avevamo noi in giardino ha cominciato a fare bananine dopo molti anni, carine ma immangiabili. L'unico inconveniente è che le radici si ramificano moltissimo e a un certo punto cominciano a spuntare banani qua e là...

    RispondiElimina
  9. Nell'era della globalizzazione anche loro si adattano. Se quelle foglie saranno fortunate, diventeranno tante.

    RispondiElimina
  10. Sono nuova su blogger e ho scoperto che sei,giustamente, un'istituzione:i tuoi post sono belli e originali.
    A presto
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. Bello il banano... A quando una palma da datteri?

    RispondiElimina
  12. E mi conosci5/9/10 19:37

    Alberto, sei un malandrino. Quella foglia, corrispettiva del frutto. Sei un vero malandrino.

    RispondiElimina
  13. Menabelino5/9/10 23:50

    Sinceramente direi di si, lo trovo fuori luogo. Lo vedo come uno dei tanti segni della presunzione umana di aver ragione sulle leggi della Natura.

    RispondiElimina
  14. Che bello, questo piccolino! =) Non so se si possa considerare fuori luogo (io ho un avocado in salotto), ma mi fa tenerezza. Forse perchè mi viene da accomunarlo a mio figlio, che è un "piccolo banano" ;)

    PS: Finalmente riesco anche a postarti un commento, alla buon'ora!

    RispondiElimina
  15. intanto hai un giardino bellissimo!
    e poi...che è un bauscia?

    RispondiElimina
  16. Una signora munita di soldi ha fatto creare, in Val Curone, un giaridno di rocce ed agavi che, con la neve e il freddo dello scorso inverno, hanno fatto una gran brutta fine.
    Invece questa pianta che mostri mi fa venire in mente una vecchia canzone goliardica, cantata sulla musica di "Come pioveva":
    Ed io ricordo quel tempo lontano
    quando ancor mi si alzava il banano...

    RispondiElimina
  17. @Francesco
    L'hai detto, l'importante è piantare, ma anche con giudizio.

    @Adriano
    Di ulivi ormai ce ne sono tanti in giro.

    @Enrica
    La casa è del Quattrocento.

    @Pia
    Il giardino è protetto da tutti i quattro lati. Forse è un azzardo ma non un'incoscienza.

    @Ross
    Anche a me sembra felice, e quando le passo davanti le parlo, e qualcuno da qualche finestra scuote la testa.

    @Winckelmann
    Adesso pensiamo a che cresca e poi dopo affronteremo il problema delle radici.

    @Mao
    Speriamo che diventi un bell'albero.

    @Cristiana
    Esagerata!

    @C'è già. Va da sé che non maturano.

    @E mi conosci
    Malandrino o malandrina sei tu.

    @Menabelino
    Se fosse come tu dici non mangeremmo né patate né pomodori né tante altre cose che sono arrivate dall'America. C'è un bellissimo libro che probabilmente non avrai letto e si intitola "I cacciatori di piante".

    @Vale
    Benvenuta. Perché "finalmente" posti un commento? Un bacino al piccolo banano.

    @Polly
    E' il milanese un po' sbruffone. C'è questa voce su Wikipedia.

    @Botanicus
    Intanto bentornato. Di pazzi coi soldi ce non sono in giro. E di giardinieri senza scrupoli anche.

    RispondiElimina
  18. L'ho piantato anch'io in giardino l'anno scorso. Nonostante l'avessi coperto bene, non ha retto l'inverno e l'ho dato per morto. Sorpresa, le radici hanno retto, e col primo caldo è spuntato il banano 2.0

    RispondiElimina
  19. Menabelino6/9/10 22:04

    Alberto, non travisare. i pomodori si piantano dove c'è un clima adatto ai pomodori e idem ...con patate.
    Un banano in padania è una sfida alle leggi della Natura. Vincere questa sfida potrà per certi versi essere un merito, ma il fatto stesso di non volersi rassegnare all'evidenza di un clima inadeguato denota un'ostinazione tutta umana, parente delle manie di grandezza che hanno fatto costruire delle piste da sci in Qatar.

    RispondiElimina
  20. Bellissima pianta , sembra che stia bene , sara' merito della magia architettonica del posto , ottima idea , ciaoooooooooooo

    RispondiElimina